X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Quadro macroeconomico (UNGHERIA)

Dopo aver registrato nel periodo 2013-2019 una crescita media annua del 3,8%, cui ha fatto seguito nel 2020 un calo del prodotto di 5,1 punti percentuali, il PIL ungherese, pari a circa 153 miliardi di Euro a prezzi correnti ha registrato nel 2021 una crescita sull’anno del 7,1% superiore alle previsioni (+4,3%).

All’incremento del PIL su base annua, i servizi hanno contribuito nella misura di 3,6 punti percentuali, il comparto manifatturiero per l’1,9%, le costruzioni per lo 0,7%. Di segno negativo l'agricoltura il cui andamento ha registrato un lieve calo dello 0,1%.

Sotto il profilo della spesa, i consumi finali delle famiglie e della Pubblica amministrazione sono rispettivamente cresciuti nel 2021 del 4,3 e 2%. Nel complesso, i consumi finali effettivi presentano un aumento rispetto al 2020 del 4,4%. L’Ufficio di statistica rileva inoltre una crescita dell’8,7% della formazione lorda di capitale e un aumento del 6% degli investimenti fissi lordi.

Il dato aggregato relativo alla domanda interna presenta nel 2021 un aumento del 5,5%. Nel periodo di riferimento, all’incremento del 7,1% del prodotto, i consumi finali effettivi hanno contribuito nella misura di 3,1 punti percentuali, mentre la formazione lorda di capitale per il 2,4%. Il rilevamento indica che l’incidenza della crescita degli scambi con l’estero sull’andamento economico è stata di 1,7 punti percentuali.

Secondo le attuali previsioni, per l’anno in corso è atteso un incremento del PIL del 4,3%. Il dato preliminare sull’andamento del prodotto nel primo trimestre 2022 indica un aumento su base annua dell’8%. Nel 2023 la crescita del PIL dovrebbe attestarsi al 4,1%.

Nel 2021 la variazione media annua dell'indice generale dei prezzi al consumo è stata del 5,2%, superiore di circa 2 punti percentuali al dato registrato nel 2020. Per il corrente anno è previsto un incremento del tasso d'inflazione al 9,0% sospinto dall’acuirsi del rialzo dei prezzi di beni energetici e alimentari e dal progressivo inasprimento delle tensioni geopolitiche che ha generato deflussi di capitale verso l’estero ed effetti diretti sul deprezzamento della valuta.

A fine 2021 il tasso di disoccupazione si è attestato al 4,1%, in lieve diminuzione dello 0,2% rispetto alla quota registrata nel 2020. Secondo le attuali previsioni relative al corrente anno è attesa una ulteriore diminuzione del tasso al 3,8%. Il tasso di occupazione registrato nel 2021, pari al 73,1%, presenta una variazione in aumento sull’anno di 1,2 punti percentuali.

Per quanto concerne il costo del lavoro, nel 2021 la retribuzione media lorda mensile è stata di 438.800 Fiorini (circa 1.250 Euro). Rispetto al 2020, l'aumento rilevato dall'Ufficio di statistica ungherese inclusivo di premi ed altre maggiorazioni è stato dell’8,7%. Le attuali previsioni della Banca Nazionale Ungherese indicano per il 2022 una crescita della retribuzione media lorda tra il 10,8 e il 12,2%.

Le esportazioni di beni e servizi presentano nel 2021 un incremento sull’anno del 10,3%. Analogamente, le importazioni segnano un aumento dell’8,7%. Secondo le attuali previsioni, per il 2022 è attesa una crescita più contenuta degli scambi con l’estero di beni e servizi nell’ordine del 4,9 per le esportazioni e 3,8% per le importazioni.

Riguardo agli andamenti tendenziali di finanza pubblica, il disavanzo di bilancio delle Amministrazioni pubbliche si è attestato nello scorso anno al 6,8% del PIL. Rispetto al 2020 il saldo presenta un miglioramento dell’1% in rapporto al prodotto. Nel 2021 le entrate delle Amministrazioni pubbliche sono ammontate a 22.735 miliardi di Fiorini (+8,5% sull’anno), mentre la spesa si è attestata a 26.478 miliardi (+7,1%). Nel 2022-2023 è attualmente attesa una progressiva diminuzione del deficit di bilancio rispettivamente pari al 6 e 4,9%.

Nel 2021 il debito lordo consolidato delle Amministrazioni pubbliche si è attestato all’76,8% del PIL (79,6% nel 2020). Le attuali previsioni indicano per il corrente anno e il 2023 un progressivo calo del debito pari al 76,4 e 76,1% del prodotto.

Ultimo aggiornamento: 09/06/2022