Aspetti Normativi (GERMANIA)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Regolamentazione degli scambi

Sdoganamento e documenti di importazione:tra Paesi comunitari non sussistono obblighi di natura doganale, mentre ai Paesi terzi si applica la tariffa doganale unica UE. I tassi sono riscossi sul valore CIF della merce. Nonostante la soppressione quasi totale delle formalità doganali a livello comunitario, permangono degli obblighi dichiarativi, fiscali e statistici, imposti agli operatori nei loro scambi intra-comunitari: 1) Dichiarazione IVA dichiarata, liquidata e pagata alla stregua delle tasse interne. La dichiarazione CA3 integra l’ammontare totale esentasse delle spedizioni intra-comunitarie esentate e degli acquisti intra-comunitari; 2) Dichiarazione di scambio di beni tra Stati Membri (INTRASTAT), un formulario dell’Amministrazione doganale che riporta mensilmente l’insieme dei movimenti di merci comunitarie (o merci di paesi terzi che abbiano assolto diritti e tasse) che circolano tra l’Italia e un altro Stato membro appartenente all’UE. Esiste un modello semplificato e uno dettagliato. Il numero delle informazioni che le imprese sono tenute a fornire sono in funzione dei volumi d’entrata o spedizione nell’UE. Classificazione doganale delle merci:nomenclatura combinata.

Restrizioni alle importazioni: la normativa europea prevede per alcuni prodotti quali chimici, tessili e acciaio, licenze di importazione e documenti di sorveglianza. Organocompetente è ilBundesamt für Wirtschaft und Ausfuhrkontrolle (www.bafa.de). Licenze di importazione sono anche richieste per alcuni prodotti agricoli, in base a quanto previsto dalla UE. Organocompetente è ilBundesanstalt für Landwirtschaft und Ernährung (www.ble.de).

Importazioni temporanee: il carnet comunitario e il Carnet ATA non sono più necessari (salvo per le Canarie, Ceuta, Melilla e i DOM). Per le altre parti del territorio doganale comunitario che non fanno parte del territorio doganale fiscale, è consigliabile prendere contatto con le Camere di Commercio di riferimento. Alle imprese comunitarie che spediscono beni a titolo temporaneo verso uno dei 27 Paesi UE è richiesto di tenere un registro di tali spedizioni. Il registro può essere redatto su supporto informatico. La sua assenza può comportare sanzioni amministrative da parte degli Uffici della dogana.

 

Attività di investimento e insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri[1]: previsti forti incentivi per gli investimenti stranieri (esenzioni fiscali, o sovvenzioni per l’acquisto di macchinari o per l’ampliamento di unità produttive esistenti); alcuni settori (trasporti, assicurazioni e banche) rimangono comunque soggetti alla concessione di una licenza speciale.

Legislazione societaria:previste società di persone prive di personalità giuridica propria, quali la Società semplice (BGB-Gesellschaft), la Società in nome collettivo (OffeneHandelsgesellschaftoHG) e la Società in Accomandita Semplice (Kommanditgesellschaft KG). Tra le società di capitali considerate persone giuridiche, previste la Società a responsabilità limitata (GesellschaftmitbeschränkterHaftungGmbH), la Società mista tra S.r.l. e Sas (GmbH& Co. KG), la Società in accomandita per azioni (KommanditgesellschaftaufAktienKGaA) e la Società per Azioni (Aktiengesellschaft – AG).

 

Brevetti e proprietà intellettuale[2]

La protezione di marchi e brevetti rientra nell’ambito della tutela della proprietà industriale e avviene tramite registrazione. La legge tedesca che regola la protezione dei marchi commerciali, dei marchi di origine e dei marchi riconosciuti come particolarmente distintivi di determinati prodotti è la Markengesetz. Le richieste sul regime di tutela della proprietà intellettuale in Germania, di registrazione di un marchio e di rilascio di un brevetto possono essere inoltrate al DeutschesPatent und Markenamt (www.dpma.de). Per l’ottenimento di un brevetto europeo con procedura unica, come da Convenzione europea sui brevetti del 1973, si può far richiesta a EuropäischesPatentamt (www.epo.org).

 

Sistema fiscale12

Le imposte dirette si applicano sul reddito e sul patrimonio. Le imposte sul reddito sono: l’imposta federale sul reddito delle società (Körperschaftssteuer);l’imposta sul reddito delle persone fisiche (Einkommenssteuer); la ritenuta d’acconto (Kapitalertragsteuer) su dividendi, royalties, canoni d’affitto, compensi e interessi; l’imposta locale sui redditi d’impresa (Gewerbesteuer); l’imposta sullaconfessione religiosa (facoltativa). L’imposta sul reddito delle persone giuridiche prevede un’aliquota fissa sul reddito pari al 15%. Oltre alla tassa sul reddito d’impresa, le aziende devono pagare una tassa di solidarietà pari al 5,5% della tassa sul reddito d’impresa (1.1.2005) cui si aggiunge un’imposta municipale calcolata in conformità a un coefficiente comunale variabile. L’imposta sul patrimonio netto è rappresentata dall’imposta locale sulla proprietà immobiliare (Grundsteuer). Tra le imposte indirette troviamo: la MwSt (Mehrwertsteuero Umsatzsteuer), corrispondente all’IVA italiana, che a partire dal 2007 è del 19% (per alcuni prodotti è del 7%); l’imposta sul trasferimento delle proprietà immobiliari (Grunderwerbsteuer, varia tra 3,5% e 5,5%); l’imposta sui contratti di assicurazione e varie imposte su alcuni articoli come il petrolio, il caffè e le bevande alcoliche; dazi doganali e una tassa su auto e motoveicoli.

 

Anno fiscale:1 gennaio – 31 dicembre.

Imposta sui redditi delle persone fisiche

Reddito (in euro)

Valore d’imposta

Inferiori a:

8.004 (singoli)

16.008 (coniugati)

 

0%

8.004 – 52.881 (singoli)

16.008 – 105.764 (coniugati)

14%

Oltre 52.882 (singoli)

Oltre 105.764 (coniugati)

42%

Oltre 250.731

45%

 

 


[1]Fonte: Germany Trade & Invest (www.gtai.de)

[2]I dettagli sulle condizioni di registrazione di marchi, sulla concessione di brevetti in Germania e sulle procedure di domanda sono indicati sulla Business Guide to Germany prodotta da Germany Trade &Invest (www.gtai.de)

 

“Business Atlas 2019: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 19/10/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché GERMANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in GERMANIA

AMBASCIATA BERLINOCONSOLATO GENERALE COLONIA (Nord Reno)CONSOLATO DORTMUND (Nord Reno)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE FRANCOFORTE SUL MENO (Assia)CONSOLATO FRIBURGO (Brisgovia)CONSOLATO GENERALE HANNOVER (Bassa Sassonia)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE MONACO DI BAVIERACONSOLATO GENERALE STOCCARDA (Baden-Wuerttemberg)