X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Perchè GIAPPONE (Punti di forza)


I vantaggi competitivi per le aziende italiane ed europee sono aumentati negli ultimi anni grazie all'EPA UE - Giappone

L?Accordo di Partenariato Economico (EPA) concluso tra Unione Europea e Giappone, in vigore dal 1 febbraio 2019, ha abolito i dazi per il 90% delle esportazioni UE, all'entrata in vigore, prevedendo per alcuni prodotti la graduale eliminazione delle tariffe secondo precise scadenze annuali. La piena attuazione dell'accordo porterà all?abolizione delle tariffe per il 97% delle esportazioni UE verso il Giappone, nell?arco di 10 o 15 anni in base alla linea tariffaria, mentre per il restante 3% è prevista una parziale riduzione dei dazi o un sistema di quote/riduzioni tariffe.

Grazie all'EPA proprio in Giappone l?export italiano ha registrato la migliore performance negli ultimi anni

L'export dell'UE nel mercato nipponico ha raggiunto nel 2019 la cifra record di 79 miliardi e 686 milioni di euro (compreso il Regno Unito). Quanto all?Italia, proprio in Giappone l?export italiano ha raggiunto la cifra ?record? di 10 miliardi di Euro nel primo anno di applicazione dell?accordo. La rilevanza dell?EPA per il nostro sistema industriale è confermata dal numero delle aziende italiane che esportano in Giappone, circa 15.000, e dal numero dei posti di lavoro creati in Italia grazie alle esportazioni verso il Giappone, 88.806.

Ai benefici offerti dall?EPA e alla portata dell'economia giapponese si aggiunge la solidità del tessuto industriale nipponico.

La comunita' d'affari gaipponese e' caratterizzata dalla presenza di grandi gruppi nel settore manifatturiero e delle industrie pesanti. Aziende del calibro di Hitachi, IHI, Mitsubishi, all?avanguardia per capacità di innovazione tecnologica e con una consolidata presenza nei mercati internazionali, sono tra i punti di forza del Paese e hanno un ruolo fondamentale nel favorire la creazione di partenariati con le aziende italiane anche sui mercati terzi.

Nelle relazioni bilaterali con l?Italia, si è registrato un costante incremento dell?interscambio commerciale e del flusso degli investimenti.

Tra gli investimenti giapponesi più importanti realizzati in Italia, si ricordano quelli effettuati da Hitachi, con l?acquisizione di Ansaldo Breda e Ansaldo STS, oltre alla rilevante operazione di fusione tra la nipponica Calsonic Kansei e Magneti Marelli che hanno dato vita al gruppo italo-giapponese Marelli.

Il Giappone - la terza economia mondiale - rappresenta per l?Italia un mercato importante per dimensioni e opportunita'

Una forte presenza commerciale in Giappone consente in prospettiva un?ulteriore espansione nei vicini e importanti mercati dell?Asia, dove il commercio intra-regionale è cresciuto a ritmi elevatissimi nell?era pre-covid e continuerà a crescere una volta superata l?emergenza sanitaria. Nel mercato giapponese l?Italia può rafforzare sia l?internazionalizzazione dei settori più tradizionali dell?eccellenza del Made in Italy, quali il fashion, il design e l?agroalimentare, sia i comparti con un più alto tasso di innovazione tecnologica.

Ultimo aggiornamento: 16/07/2021