Scheda di Sintesi
Settore Agroalimentare

Agroalimentare

Il settore include Prodotti agricoli, della silvicoltura e della pesca; Alimentari; Bevande.

L’Industria alimentare italiana è la seconda del Paese dopo quella metalmeccanica. Con un fatturato che nel 2016 si è attestato a quota 132 Miliardi di euro, l’Industria alimentare si conferma comparto trainante dell’economia italiana. Essa è in grado di offrire al consumatore prodotti competitivi e garantiti in termini di sicurezza, gusto e qualità, rispondendo alle esigenze di un mercato in continua evoluzione e sperimentando con successo, nel rispetto della tradizione, le tecnologie più avanzate.

L’industria alimentare compra e trasforma il 72% delle materie prime agricole nazionali. Insieme con l’agricoltura, l’indotto e la distribuzione, rappresenta l’elemento centrale del primo settore economico del Paese.

L’Industria, in particolare, è generalmente riconosciuta come l’ambasciatrice del Made in Italy nel mondo considerando che quasi l’80% dell’export agroalimentare italiano è rappresentato da prestigiosi marchi industriali.

LE CIFRE DI BASE DELL’INDUSTRIA ALIMENTARE ITALIANA 

BILANCI E PREVISIONI
(stime in euro e variazioni % su anno precedente)

 

2013

2014

2015

2016

2017 (**)

FATTURATO

132 miliardi di euro
(+1,5%)

132 miliardi di euro
(+0,0%)

132 miliardi di euro
(+0,0%)

132 miliardi di euro
(+0,0%)

135 miliardi di euro
(+2,3%)

PRODUZIONE  (*)
(quantità)

-0,7%

+0,6%

-0,6%

+1,1

+2,5

NUMERO IMPRESE INDUSTRIALI

6.845
(con oltre 9 addetti)

6.850
(con oltre 9 addetti)

6.850
(con oltre 9 addetti)

6.850
(con oltre 9 addetti)

6.850
(con oltre 9 addetti)

NUMERO ADDETTI

385.000

385.000

385.000

385.000

385.000

ESPORTAZIONI

26,2 miliardi di euro
(+6,1%)

27,1 miliardi di euro
(+3,5%)

29,0 miliardi di euro
(+6,7%)

30,0 miliardi di euro
(+3,6%)

32,0 miliardi di euro
(+6,7%)

IMPORTAZIONI 

19,5 miliardi di euro    (+4,8%)

20,4 miliardi di euro
(+4,8%)

20,8 miliardi di euro   (+2,0%)

20,7miliardi di euro   (-0,3%)

22,3 miliardi di euro   (+8,0%)

SALDO 

6,7 miliardi di euro       (+9,8%)

6,8 miliardi di euro
(+0,0%)

8,2 miliardi di euro       (+20,6%)

9,3 miliardi di euro       (+13,4%)

9,7 miliardi di euro       (+4,3%)

TOTALE CONSUMI ALIMENTARI 

225 miliardi di euro
(Variaz. Reale       -3,3%)

227 miliardi di euro
(Variaz. Reale      -1,1%)

230 miliardi di euro
(Variaz. Reale    -0,3%)

230 miliardi di euro
(Variaz. Reale   0,0%)

231 miliardi di euro
(Variaz. Reale   0,4%)

POSIZIONE ALL’INTERNO DELL’INDUSTRIA MANIFATTURIERA ITALIANA

2° posto (13%)
dopo settore metalmeccanico

2° posto (13%)
dopo settore metalmeccanico

2° posto (13%)
dopo settore metalmeccanico

2° posto (13%)
dopo settore metalmeccanico

2° posto (13%)
dopo settore metalmeccanico

Elaborazioni Centro Studi Federalimentare su dati ISTAT
N.B. Le variazioni % sono calcolate sui dati effettivi e completi. Non sempre coincidono  quindi con quelle effettuabili sugli arrotondamenti riportati.
*  a parità di giornate lavorative
** stime

Le esportazioni dell’industria alimentare vedono i primi 10 paesi detenere il 67% della quota mondiale in valore, con Germania e Stati Uniti che insieme raggiungono il 30%. Fra i primi venti paesi importatori, quelli che nell’ultimo decennio hanno maggiormente incrementato le proprie importazioni alimentari sono la Cina (+337%), la Romania (+261%) e la Polonia (+151%). I principali importatori agroalimentari (esclusa l’Italia) rimangono gli Stati Uniti, la Germania, il Giappone, la Cina, i Paesi Bassi, il Regno Unito, la Francia, il Belgio, la Spagna, la Russia e il Canada.
I prodotti del Made in Italy maggiormente esportati sono i vini e gli spumanti, la frutta fresca e secca, le preparazioni di ortaggi-legumi-frutta, la pasta, i formaggi e latticini. Il vino è leader dell’export nazionale, con una quota del 20% dell’export di prodotti trasformati. La quota mondiale del mercato 2016 coperta dall’Italia si pone al secondo posto in valore, dopo la Francia, e nuovamente al secondo posto in quantità, dopo la Spagna. Sul fronte dell’export in quantità di vini imbottigliati l’Italia rimane prima assoluta nel mondo.

I dieci principali clienti dell’alimentare italiano coprono due terzi dell’export totale. I paesi emergenti stanno incrementando nettamente il loro peso nell’export italiano ma coprono ancora quote marginali (ad esempio, Cina 1,1%).

Il mercato russo è stato particolarmente performante fini all’avvio dell’embargo, nell’agosto 2014, e si sta riprendendo rapidamente per le voci di prodotto escluse da questa pesante misura restrittiva, a conferma delle sue grandi e intatte potenzialità.

La percezione della qualità dei prodotti “Made in italy”, universalmente riconosciuta, dà adito ai fenomeni di contraffazione e Italian Sounding.
La contraffazione di prodotti alimentari trasformati italiani erode il fatturato delle imprese esportatrici di circa 8 miliardi di euro ogni anno, con un'incidenza del 27% sull’export complessivo del comparto a fine 2016 (30 miliardi di euro).

Federalimentare stima che l’attività di contraffazione illegale dei prodotti alimentari italiani, unitamente al fenomeno dell’imitazione denominato “Italian Sounding” – ovvero l’imitazione di prodotti alimentari italiani già esistenti o il richiamo all’Italia e all’italianità impropriamente attribuito a produzioni locali – abbiano un enorme giro d’affari mondiale. Esso viene valutato ormai su livelli prossimi ai 100 miliardi di euro, così ripartito:

  • Mondo: circa 75 miliardi di euro (2 volte e mezzo l’export italiano di settore);
  • Europa: 23 miliardi di euro (contro un export di 19 miliardi di euro di prodotti originali);
  • Italia: 320 milioni di euro.

RILEVANZA DEI PRINCIPALI MERCATI
SETTORE Agroalimentare


I grafici sopra riportati sono costruiti sulla base dei dati disponibili in infoMercatiEsteri.



I paesi potenzialmente interessanti per gli imprenditori italiani
RANKING COMPLESSIVO - TOP 20
SETTORE Agroalimentare

Pos.Paese
1COSTA D'AVORIO
2ARABIA SAUDITA
3USA
4MAROCCO
5HONG KONG
6ESTONIA
7TANZANIA
8QATAR
9CINA
10VENEZUELA
11ALGERIA
12GEORGIA
13COSTA RICA
14REP. DOMINICANA
15NIGERIA
16GERMANIA
17AUSTRIA
18BENIN
19MOLDOVA
20REGNO UNITO

*Si richiama l’esclusione di qualsiasi responsabilità del Ministero degli Affari Esteri per danni di qualsivoglia natura eventualmente sofferti a seguito della consultazione e fruizione delle informazioni contenute nel presente sito e, più in generale, quanto previsto nelle note legali di infoMercatiEsteri.


Prossime attività promozionali per il settore:
"Agroalimentare"

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
25/10/201828/10/2018Hong KongHong Kong Tourism Board - Ufficio ICE di Hong KongCCB (Asia) Hong Kong Wine & Dine Festival
25/10/201828/10/2018VeronaUfficio ICE di Hong KongMissione di imprenditori di Hong Kong a Fieracavalli
25/10/201828/10/2018PaviaICE-Agenzia; Ufficio ICE-Agenzia di BudapestMissione di operatori ungheresi al workshop Mirabilia Food&Drink
28/10/201804/11/2018VariAmbasciata d'Italia, Istituto Italiano di Cultura, Agenzia ICESettimana della Cucina Italiana
04/11/201808/11/2018GologoneICE-Agenzia; Ufficio ICE-Agenzia di BudapestMissione di operatori ungheresi al workshop agroalimentare in Sardegna (PES 2)
07/11/201810/11/2018Sofia, BulgariaICE-Agenzia; Ufficio ICE-Agenzia di Sofia, Ufficio ICE-Agenzia di BudapestMissione di operatori ungheresi alla fiera Interfood&Drink 2018
08/11/201810/11/2018Hong Kong Convention and Exhibition CentreHong Kong Trade Development Council - Ufficio ICE di Hong KongHong Kong International Wine & Spirits Fair 2018
08/11/201811/11/2018Hall A,B,C, D (36,000sqm), Coex, Seoul, South KoreaSeoul Int’l Cafe Show17th Seoul Int’l Cafe Show 2018
09/11/201809/11/2018Grand Hyatt Hong KongCamera di Commercio Italiana a Hong KongCena di Gala 2018 della Camera di Commercio Italiana a Hong Kong
14/11/201817/11/2018Ho Chi Minh CityAgenzia ICEFOODEXPO VIETNAM 2018 - COLLETTIVA ITALIANA IN FIERA

Tutte le attività promozionali