Disponibilità materie prime (BOSNIA ED ERZEGOVINA)

Logo Viaggiare Sicuri
I dati richiesti non sono disponibili per il paese selezionato
^Top^

Osservazioni

Il carbone

La produzione di carbone in Bosnia-Erzegovina, secondo i dati della FIPA (Foreign Investment Promotion Agency), è di circa 11.468.906 tonnelate.

I giacimenti carboniferi si trovano principalmente nella Federazione BiH. La miniera di lignite di Tuzla e le miniere della Bosnia Centrale sono le maggiori aziende di estrazione del carbone. La produzione viene venduta essenzialmente alle centrali termoelettriche di Tuzla e  Kakanj. Le miniere di carbone nella Federazione della Bosnia-Erzegovina sono: a Banovići (brown coal) le miniere di superficie Čubrić, Turija e Grivice e la miniera sotterranea Omazići; a Durđevik (brown coal) la miniera di superficie Višća II e Potočari e la miniera sotterranea Durđevik; a Kakanj (brown coal) la miniera di superficie Vrtlište e la miniera sotterranea Haljinići; a Zenica (brown coal) le miniere sotterranee Stara jama, Raspotočje e Stranjani; a Breza (brown coal) le miniere sotterranee Sretno e Kamenice; a Bila (brown coal) la miniera sotterranea e di superficie Grahovčići; a Kreka (lignite) le miniere di superficie Šikulje e Dubrave e le miniere sotterranee Mramor e Bukinje; a Livno (lignite) la miniera di superficieTušnica; a Gračanica, G.Vakuf/Uskoplje (lignite) la miniera di superficie Dimnjače.

Le principali miniere di carbone nella Repubblica Srpska si trovano a Ugljevik e a Gacko e riforniscono a loro volta le vicine centrali termoelettriche. Le miniere di carbone nella Republika Srpska sono: a Ugljevik (brown coal) le miniere di superficie Bogutovo Selo e Ugljevik-East, TPP Ugljevik; a Gacko (lignite) le miniere di superficie Gračanica e Gacko, TPP Gacko; a Stanari (lignite) miniera di superficie Raškovac.

Tutte le miniere del paese sono ancora di proprietà dello Stato e sono state dichiarate industrie strategiche; verranno cedute alla fine del processo di privatizzazione.

I metalli

Si stima che in Bosnia Erzegovina esistano giacimenti di minerali ferrosi pari a circa 750 milioni di tonnellate, concentrati intorno alla città di Ljubija, nella Repubblica Srpska, e presso Vares e Jablanica, nella Federazione BiH. Le riserve di zinco e di piombo sono stimate intorno ai 117 milioni di tonnellate e sono localizzate intorno alle città di Olovo e Vares nella Federazione BiH e presso Srebrenica nella Repubblica Srpska. Grandi quantità degli stessi metalli di bassa qualità si trovano in tutto il paese.

Gli altri minerali

Prima della guerra si estraevano: sale, gesso, barite, calce ed argilla. Nella Republika Srpska esistono riserve di asbesto e di zeolite.

Le foreste

Secondo il Rapporto della Banca Mondiale del febbraio 2012 sulle sfide e i consigli per le riforme in Bosnia-Erzegovina, si stima che le foreste ed il manto forestale ricoprano intorno al 52% del territorio della BiH. Predominano le latifoglie (68,8%) in particolare le specie più importanti sono il faggio e la quercia, mentre le conifere costituiscono circa il 30% delle foreste bosniache. Il resoconto statale sulle foreste del 2010 mostra che la superficie ricoperta dalle foreste è di 2,7 milioni di ettari. La quantità di legname che si può abbattere di proprietà dello Stato è di 6 milioni di m3. Le foreste private rappresentano il 18,2% delle foreste nella FBiH e il 22% nella RS. Le foreste private, appartenendo a più di 500.000 proprietari, sono frammentate, con un’estensione media minore di 1 ha, e la loro partecipazione alla massa di legname tagliata è relativamente piccola. I proprietari privati non sono organizzati. Grandi aree forestali sono state distrutte durante la guerra, mentre molte altre, a causa delle mine, sono ancora inaccessibili. Il problema principale durante e dopo la guerra è stato lo sfruttamento illegale e incontrollato delle foreste, grave specialmente nella Republika Srpska. Il settore della lavorazione del legno costituisce ancor oggi una delle attività più importanti per l'economia del paese.

L’itticoltura

L’itticoltura ha cominciato a svilupparsi prima della guerra, con vari allevamenti in tutto il paese. Dalla fine della guerra, la produzione di pesce è aumentata, fino a raggiungere le 6.500 tonnellate/anno, grazie alla costituzione di numerose piccole aziende e di due grandi imprese, la NORDFISH, sulla Neretva e la TROPIC sul Vrbas.

 

 


^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BOSNIA ED ERZEGOVINA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in BOSNIA ED ERZEGOVINA