Aspetti Normativi (UNGHERIA)

 

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Regolamentazione degli scambi[1]

Sdoganamento e documenti di importazione: disciplina conforme alle norme comunitarie.

Classificazione doganale delle merci: disciplina conforme ai codici internazionali (TARIC).

Restrizione delle importazioni: non sono previste restrizioni per i Paesi UE. Per quanto riguarda l’importazione da Paesi Terzi, si applicano le direttive comunitarie in materia (Regolamento (CE) n. 1186/2009 del Consiglio, del 16/11/2009, relativo alla fissazione del regime comunitario delle franchigie doganali. Ogni merce importata da uno Stato extra UE sul territorio comunitario è, quindi, subordinata al pagamento del dazio sull’importazione. La franchigia dei dazi può essere prevista solo in conformità alle norme della legge doganale.

Importazioni temporanee: le importazioni temporanee sono consentite per un periodo di sei mesi, rinnovabili una sola volta per ulteriori sei mesi.

 

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: non esistono restrizioni alla partecipazione di capitale straniero; anche l’acquisizione di una quota di maggioranza in una società non è soggetta all’approvazione delle autorità ungheresi. Dal 1988 è stata predisposta una legge a tutela degli investimenti stranieri (Legge XXIV del 1988 sugli investimenti stranieri in Ungheria)[2]. I costi per l’apertura di una società includono[3]: le spese processuali, i costi di pubblicazione, l’atto ufficiale di priorità (ca. 6.000HUF), il costo legale (varia secondo l’avvocato) e l’eventuale costo di traduzione certificata dei documenti stranieri. La procedura di apertura per le Kft. (Srl), Bt. (Sas), Kkt. (società in nome collettivo), cooperativa sociale e società individuale è esentasse. Le spese processuali di apertura per S.p.a. europea è di 600.000 HUF, per Zrt. (S.p.a. chiusa) è di 100.000 HUF, per filiale ungherese di imprese con sedi all’estero e per rappresentanze commerciali dirette in Ungheria di imprese straniere è di 50.000 HUF. Il costo della procedura di apertura in caso di processi semplificati per le Zrt. (S.p.a. chiusa) è di 50.000 HUF. I costi di pubblicazione corrispondono a10: 5.000 HUF in caso di iscrizione, 3.000 HUF in caso di modifica dati, al momento non esistono costi di pubblicazione in caso di processi semplificati per le Kkt. (società in nome collettivo), Bt. (Sas), Kft. (Srl) e per le società individuali. Inoltre, dal 1/3/2012, è previsto l’obbligo di affiliazione alla Camera di Commercio di competenza (contributo 5.000 HUF su base annuale, oltre la quota) e la Camera di Commercio è obbligata ad offrire alle aziende i servizi definiti dalla legge in modo gratuito[4].

 

Brevetti e proprietà intellettuale: In materia, sono applicabili le direttive e le risoluzioni comunitarie. Il brevetto europeo è lo strumento grazie al quale la tutela accordata ad un’invenzione può essere fatta valere in tutta Europa, senza la necessità di depositare la richiesta in ogni singolo Stato membro. La normativa di riferimento è la Decisione 2011/167/ UE del Consiglio del 10/03/2011, che autorizza una cooperazione rafforzata nel settore dell’istituzione di una tutela dei brevetti unitaria. Per quanto riguarda la normativa nazionale, viene concessa una tutela di 20 anni. Per le procedure di registrazione, sia i cittadini che le ditte straniere, devono avvalersi di un rappresentante ungherese. Viene riconosciuta anche la brevettabilità dei processi di produzione. Per i brevetti accettati prima del 01/01/1996, la legge di riferimento è la n. 2/1969 mentre per quelli approvati in seguito occorre far riferimento alla nuova legge, che recepisce la normativa internazionale (L. 33/1995). Per i brevetti accettati dopo il 1/01/2003, la legge di riferimento è la n. 39/2002.

 

Sistema fiscale[5]

Sono previste: imposta sui redditi delle società (Tao), imposta comunale industriale (Ipa), imposta sui redditi delle persone fisiche (Szja[6]), imposta sul valore aggiunto (ÁFA), imposta su prodotti speciali (equivalente all’accisa italiana) e altri oneri e contributi previdenziali e sanitari. In Ungheria, sono considerati soggetti fiscali: i cittadini ungheresi residenti, qualsiasi persona giuridica ungherese, società straniere off-shore, rappresentanze commerciali, filiali, qualsiasi persona fisica straniera dotata di permesso di soggiorno o che trascorra nel Paese più di 183 giorni.

Anno fiscale: 1 gennaio - 31 dicembre.

Imposta sui redditi delle persone fisiche: aliquota unica al 15% (Szja) e un contributo unico, il contributo per la sicurezza sociale (Társadalombiztosítási járulék): Aliquota al 18,5% [Il contributo pensionistico (10%) e il contributo dell’assicurazione malattia e del mercato del lavoro (4% + 3% + 1,5%) cosí inglobati[7].

Tassazione sulle attività di impresa: dal 1° gennaio 2017 la Flat Tax è andata a sostituire il precedente sistema di tassazione progressivo; l’imposta sui redditi delle società (Társasági adó) ammonta al 9%[8] (la più bassa dell’UE). Durante il periodo 2017-2018 le regole sulla tassazione sono state significativamente cambiate così da ridurre le procedure di tassazione e rafforzare il ruolo dell’autorità fiscale ungherese in quanto fornitore di servizi. A partire dal 2020 ulteriori cambiamenti significativi di tassazione sono stati realizzati con l’intento evidente di semplificazione amministrativa e di agevolazione della situazione dei contribuenti[9], tramite per esempio l’avvio nel 2019 della Strategia KKV volta a supportare e rafforzare l’attività delle micro-piccole-medie imprese tramite anche agevolazione fiscale[10]. Inoltre dal 1° gennaio 2020 la tassa sulle piccole società diminuisce dal 13% al 12% ed il contributo sociale che i datori di lavoro devono versare sugli stipendi lordi dei propri dipendenti è diminuito del 2% al 17.5% a partire dal 1° luglio 2019 e nel corso del 2020 si prevede un ulteriore taglio del 2%. L’imposta sulle attività locali (iparűzési adó) è del 2%[11], mentre il contributo sull’innovazione è dello 0,3%.

Imposta sul valore aggiunto (VAT)[12]: 27% (prevista un’aliquota del 18% per i prodotti alimentari e del 5% per i beni di prima necessità e i giornali). Sono esenti da IVA i servizi finanziari, bancari, assicurativi e alcuni servizi di investimenti e compravendita nel settore immobiliare. La carne cruda di animali abitualmente ritenuta idonea al consumo alimentare è soggetta ad un’aliquota del 5%. Per le regole di vendita di prodotti senza tassazione all’interno della comunità consultare § 89 e § 331 della legge sull’IVA[13]. A decorrere dal 1° gennaio 2020, l’esenzione è subordinata alla condizione che il soggetto fiscale (o non) che acquisisce il prodotto e che ne é responsabile del pagamento dell’IVA abbia una partita IVA in uno Stato membro diverso da quello di spedizione e costui dovrà necessariamente comunicare la partita IVA al venditore.

 


[1] Fonte: HIPA- Hungarian Investment Promotion Agency (www.hipa.hu).

[2] Fonte: ITDH (Investment and Trade Development Agency of Hungary)

[3] Fonte: 1990. évi XCIII. 45.§ Törvény az Illetékekről – 45.§ della Legge XCIII del 1990 sulle Imposte in vigore al 01/04/2020

[4] Fonte: Legge CXXI.del 1999

[5] Fonte: Competente in materia è l’Ufficio Nazionale delle Tasse e delle Dogane (http://nav.gov.hu/)

[6] 3 Dal 1 ° gennaio 2020, le madri con quattro figli non devono piú pagarla.

[7] Relativamente a questo nuovo totale sarà possibile usufruire dell’assegno familiare dal 1° luglio 2020

[8] Fonte: Fonte: 19§ della Legge LXXXI. del 1996. (“A társasági adóról és osztalékadóról”)

[9] Fonte: Per maggior dettagli consultare il sito della NAV: www.nav.gov.hu

[10] Fonte: A Magyar Mikro-, Kis- és Középvállalkozások megerősítésének Stratégiája 2019-2030

[11] Fonte: Budapest Főváros Főpolgármesteri Hivatal Adó Főosztály – Ufficio Sindaco di Budapest Dipartimento Tributi.

[12] Fonte: Legge CXXVIII. del 2007 sull’imposta sul valore aggiunto

[13] Fonte: ÁFA Törvény CXXVIII, 2007.

 

“Business Atlas 2020: guida agli affari in 56 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 07/08/2020^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché UNGHERIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in UNGHERIA

AMBASCIATA BUDAPEST