X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Scambi Commerciali (ESTONIA)

Export italiano verso il paese:
ESTONIA
201820192020gen 2020gen 2021
Totale (mln. €)475,12477,63433,7133,27nd
Variazione (%)4,10,5-9nd
Merci (mln. €)201820192020
Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura11,729,778,82
Prodotti alimentari21,7519,6619,31
Bevande19,5322,0819,53
Prodotti tessili19,1518,2615,79
Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)27,0328,0422,63
Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili16,1516,0715,98
Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio2,553,262,8
Carta e prodotti in carta7,667,227,45
Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio1,012,926,34
Prodotti chimici34,8936,1834,01
Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici1,911,311,41
Articoli in gomma e materie plastiche15,861713,75
Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi15,8716,1115,77
Prodotti della metallurgia26,9524,0122,05
Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature18,3217,0615,27
Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi22,0916,3612,86
Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche37,0838,1139,9
Macchinari e apparecchiature90,7985,8181,61
Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi29,328,7226,91
Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari)3,698,474,8
Mobili10,6812,129,36
Prodotti delle altre industrie manufatturiere18,5317,9218,72
Altri prodotti e attività12,4115,6911,87
Elaborazioni Ambasciata d’Italia su dati Agenzia ICE di fonte ISTAT.

Scambi Commerciali (ESTONIA)

Import italiano dal paese:
ESTONIA
201820192020gen 2020gen 2021
Totale (mln. €)141,61136,5139,1611,53nd
Variazione (%)4,9-3,62nd
Merci (mln. €)201820192020
Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura1,253,370,39
Prodotti delle miniere e delle cave2,711,881,69
Prodotti alimentari12,1713,9316,78
Prodotti tessili1,210,393,04
Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)11,341,82
Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio15,7216,845,19
Carta e prodotti in carta21,9917,8520,22
Prodotti chimici7,617,566,25
Articoli in gomma e materie plastiche0,711,451,91
Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi1,580,870,43
Prodotti della metallurgia4,282,244,68
Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature0,231,20,38
Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi13,422,9926,82
Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche15,4320,3319,81
Macchinari e apparecchiature19,3114,1113,34
Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi0,230,823,29
Prodotti delle altre industrie manufatturiere1,732,682,28
Altri prodotti e attività17,4413,039,33
Elaborazioni Ambasciata d’Italia su dati Agenzia ICE di fonte ISTAT.

Osservazioni

Nel 2020 l’interscambio bilaterale ha registrato una diminuzione del 6,7% rispetto all’anno precedente, attestandosi a 572,8 milioni di Euro contro i 614,1 del 2019. Tale riduzione si è realizzata in maniera asimmetrica. Esaminando i dati relativi al 2020, si rileva che – se paragonate al 2019 - le esportazioni italiane sono diminuite del 9%, a fronte di un import cresciuto del 2%. Sempre durante lo stesso arco temporale, il nostro saldo con l’Estonia, pur confermandosi in attivo per 294,5 milioni di Euro, ha segnato una variazione negativa del 13,6% rispetto all'anno precedente.

Riguardo ai singoli gruppi di prodotto, i cali nelle nostre forniture si sono registrati in quasi tutte le principali voci, con una incidenza maggiore nei beni di consumo, quali prodotti tessili e abbigliamento, mobili e arredo, apparecchi elettrici, manufatti in gomma e plastica, prodotti dell’agricoltura, alimentari e bevande.

Con quote di mercato rispettivamente pari al 2,5% e all’ 1,1% del totale dell’import ed export estone, l’Italia si attesta alla decima posizione tra i Paesi fornitori (confermando la posizione del 2019) e alla sedicesima tra i Paesi clienti.