Politica economica (RUSSIA)

Dalla metà del 2014 la Federazione Russa ha avviato, prima piuttosto timidamente e poi in modo sempre più organico, un massiccio programma di sostituzione delle importazioni, volto allo sviluppo e all'ammodernamento dell'industria nazionale in numerosi settori.
Primi segnali di questo cambio di rotta si sono avuti con alcuni Decreti del Governo Russo che, tra la fine del 2014 e l'inizio del 2015, hanno escluso una serie di merci prodotte al di fuori dell'Unione Doganale Eurasiatica dalle gare di appalto per le forniture agli enti pubblici di veicoli, dispositivi medici1, capi di abbigliamento, software, farmaci essenziali e salvavita.
In ragione del carattere strutturale e dell’ampia portata del Piano, appare evidente che le imprese italiane operanti nei settori interessati debbano prestarvi da subito grande attenzione, adeguando la propria strategia al nuovo quadro politico-economico: al programma di Import Substitution possono, infatti, partecipare anche le imprese straniere, localizzando parte della produzione in Russia.
Un rilevante punto di svolta nell'attuazione della strategia di sostituzione delle importazioni è rappresentato dalla Legge Federale russa n. 488 del 31 dicembre 2014 "Sulla politica industriale", entrata in vigore il 1° luglio 2015. La legge indica il potenziamento dell'industria nazionale come obiettivo economico primario (in sostituzione di un modello di sviluppo imperniato sull'esportazione di materie prime) e introduce strumenti a sostegno degli investitori russi e stranieri (ma sempre agenti tramite persone giuridiche registrate in Russia) come il nuovo “Fondo per lo Sviluppo dell'Industria” amministrato dal Ministero dell'Industria russo, che fornisce capitali a tassi di interesse calmierati per la realizzazione/modernizzazione di impianti produttivi nel Paese, e il c.d. “Contratto Speciale di Investimento”, ossia un accordo vincolante che potrà essere stipulato tra l'investitore e l’autorità pubblica russa (federale, regionale e/o municipale) al fine di formalizzare sgravi, incentivi, garanzie e varie altre condizioni di favore per un periodo di massimo 10 anni. 

Ultimo aggiornamento: 18/01/2017^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché RUSSIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in RUSSIA

AMBASCIATA MOSCACONSOLATO GENERALE MOSCACONSOLATO GENERALE SAN PIETROBURGO