Politica economica (BENIN)

Il governo ha raggiunto un accordo triennale con il FMI per aiuti sotto forma di Extended Credit Facility (ECF) che dovrebbe essere finalizzato entro la metà del 2017. Il programma del Fondo si concentrerà sulle riforme volte a rafforzare la gestione finanziaria e il debito pubblico del Benin, in particolare attraverso una ristrutturazione della cassa autonoma d'amortissement (l'agenzia pubblica di gestione del debito).  

Il Governo sta portando avanti importanti progetti infrastrutturali, seppur con molti ritardi dovuti ai numerosi vincoli amministrativi ed alle difficoltà nel garantire sufficienti finanziamenti. Il settore delle infrastrutture per i trasporti rappresenta una priorita' per l'Esecutivo. Quest'ultimo attribuisce particolare rilevanza al sostegno finanziario internazionale e agli investimenti esteri entrambi strategici per garantire la crescita economica del Paese. Sebbene le relazioni con i donatori internazionali siano stabili, il rallentamento della crescita economica cinese, principale partner commerciale del Benin, ed un mercato interno limitato  potrebbero incidere negativamente sui gia' ridotti investimenti diretti esteri (IDE). L'Amministrazione continua, con fatica, la sua politica di riforme indirizzate a ridurre gli effetti distorsivi del mercato prodotti dalla dilagante corruzione e dalla complessa macchina burocratica che rappresentano, unitamente ai limiti infrastrutturali, le principali criticita' del Paese. 

Ultimo aggiornamento: 19/04/2017^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BENIN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia