Dove investire


Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)

Energia e risorse rinnovabili

Negli Stati Uniti, il settore dell’energia e delle risorse rinnovabili è uno dei più attivi e tecnologicamente avanzati al mondo. Il Paese è leader nella produzione e nella fornitura di energia ed è anche fra i più grandi consumatori di energia del mondo. Nel 2014, gli Stati Uniti hanno superato la Russia, diventando il principale produttore di petrolio e gas naturale.

Le aziende americane producono petrolio, gas naturale, carbone, energia nucleare, energie rinnovabili, e combustibili, così come anche elettricità e le reti intelligenti (smart grid) per la sua distribuzione. In particolare, la rivoluzione shale gas ha avuto un impatto rilevante sulle infrastrutture energetiche del Paese, aumentando in misura significativa la domanda di soluzioni tecnologiche innovative. Un vasto programma di ammodernamento delle reti elettriche in ottica Smart Grid è stato altresì avviato dal 2009 per un valore pari a 8 miliardi di dollari.

Secondo la U.S. Energy Information Administration, la spesa totale nazionale per i servizi energetici aumenterà da circa $1.200 miliardi nel 2010 a oltre $1.700 miliardi nel 2030. La domanda crescente nel suo mercato interno, le innovazioni di classe mondiale, e una catena di fornitura in grado di costruire, installare e mantenere tutte le tecnologie di energia, fanno degli Stati Uniti il mercato dell’energia più attraente del mondo di un mercato globale dell'energia stimato intorno ai $ 6000 miliardi.

Al giorno d’oggi, oltre l’11% dell’energia totale generata dagli USA è dovuta a fonti pulite. Le energie rinnovabili includono eolico, solare, geotermico, idroelettrico, biomassa e biocombustibili.

Gli Stati Uniti producono più energia geotermica (3,187 MW) e più energia da biomasse (16,250 MW) di qualsiasi altro Paese, sono secondi nell’uso di energia eolica (60,078 MW); terzi nell’idroelettrico (100,000 MW), e quinti nel solare  (9,370 MW). Secondo Bloomberg New Energy Finance (BNEF), entro il 2030 la quota delle energie rinnovabili nel mix delle energie generatrici di potenza utilizzate negli USA raggiungerà il 27 % e avrà una capacità di 343 GW, un aumento del 420% rispetto ai totali 2010. Sempre secondo BNEF, per raggiungere questi obiettivi il Paese investirà nel settore intorno ai $700 miliardi nei prossimi due decenni creando opportunità di investimenti attraverso tutta la catena di fornitura del settore. 

In seguito all’aumento della richiesta di energia e ai progressi della tecnologia, esistono opportunità crescenti nelle seguenti aree:

  • esplorazione e produzione di petrolio e gas;
  • servizi correlati ai giacimenti petroliferi;
  • miglioramenti alla catena di approvvigionamento nel settore energetico;
  • sicurezza nucleare;
  • sviluppo delle biomasse;
  • energia solare, eolica e delle maree;
  • tecnologie del carbone pulite;
  • contenimento e/o trattamento del CO2.

Le aziende italiane sono all’avanguardia nel settore delle macchine utensili e dei macchinari per il settore dell’energia, sia convenzionale che rinnovabile. Le aree delle risorse rinnovabili e della riduzione del CO2 sono quelle che presentano le opportunità di sviluppo migliori per le aziende italiane tramite esportazioni o investimenti; questo settore si rileva inoltre interessante in virtù del vantaggio iniziale che l’Italia ha nello sviluppo e applicazione di tecnologie per le risorse rinnovabili in Europa.

Importanti potenzialità sono presenti nel settore delle Energie Rinnovabili. Significative opportunità si rilevano soprattutto nei segmenti dell’eolico (nel 2015 gli Stati Uniti sono risultati il primo produttore di energia eolica a livello mondiale) e del solare (nell’ultimo quinquennio negli Stati Uniti gli impianti a energia solare sono quadruplicati).

Altresì, si ritiene che possano esserci significative opportunità anche nel mercato dell’edilizia commerciale, istituzionale e residenziale, per il quale sono sempre piu’ richieste strutture bioclimatiche che permettano un utilizzo piu` razionale di risorse ambientali rinnovabili (radiazione solare per il riscaldamento degli ambienti e per l’illuminazione naturale; vento, evaporazione di acqua o scambio termico con il  terreno per il raffrescamento estivo) contribuendo pertanto a ridurre il consumo di energia da fonti fossili.   

Fonte: Elaborazione ICE New York su dati U.S. Energy Information Administration, B


Principali aziende del settore

Phillips 66 Company
Sito Internet: http://www.phillips66.com
Contatti: 600 N. Dairy Ashford
Houston, TX 77079,
United States
Phone: 281-293-6600
Exxon Mobil Corporation
Fatturato: Oltre 50 milioni di €
Sito Internet: http://www.exxon.mobil.com
Contatti: 5959 Las Colinas Blvd.
Irving, TX 75039-2298,
United States
Phone: 972-444-1000
Fax: 972-444-1350
ConocoPhillips
Sito Internet: http://www.conocophillips.com
Contatti: 600 N. Dairy Ashford
Houston, TX 77079,
United States
Tel: 281-293-1000
Chevron Corporation
Sito Internet: http://www.chevron.com
Contatti: 6001 Bollinger Canyon Rd.
San Ramon, CA 94583-2324,
United States
Phone: 925-842-1000


Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi

L'industria automobilistica USA  

Il 2016 è stato il settimo anno consecutivo di crescita per l’industria automobilistica statunitense e il secondo anno di vendite record: sono stati venduti 17,6 milioni di autoveicoli (+0,4%) sul record di 17,4 milioni stabilito nel 2015. Il settore è fiorente e tutte le principali case automobilistiche mondiali, tra cui Fiat-Chrysler, hanno già stabilito una presenza nel Paese.  

Gli Stati Uniti continuano a rappresentare per le imprese della componentistica e ricambistica per auto e veicoli pesanti un mercato di forte interesse.  Secondo le ultime previsioni pubblicate in uno studio congiunto delle associazioni di categoria Auto Care Association eAutomotive Aftermarket Suppliers Association (AASA) il mercato statunitense dell’“Aftermarket” crescerà ad un tasso annuale composto (CAGR) del 3,7% fino al 2019, passando dagli US$257,4 miliardi del 2015 a US$296,3 miliardi nel 2019. 

Il settore automotive offre buone prospettive alle aziende italiane, sia per incrementare le loro esportazioni in questo mercato, sia per insediamenti sul mercato per creare una presenza diretta produttiva negli USA, specialmente quelle che pianificano di seguire la scia di Fiat Chrysler e Alfa Romeo negli Stati Uniti. 

Al momento il Paese sta investendo in nuove tecnologie per conseguire gli obiettivi di efficienza nel consumo di carburante prefissati per il ventunesimo secolo e ne conseguiranno molte opportunità. I nuovi standard apriranno la via a imprese innovative che offrano tecnologie in grado di ridurre il peso degli autoveicoli e/o aumentarne l’efficienza.Saranno richieste nuove tecnologie per i materiali e macchinari di produzione, e le aziende italiane operanti in questo settore potrebbero trarne notevole vantaggio. Altre opportunità sono disponibili nei seguenti segmenti:

  • materiali leggeri e relative tecnologie;
  • tecnologia dei veicoli a basso utilizzo di combustibili fossili;
  • componenti non originali.

Fonte: Elaborazione ICE New York su dati Auto Care Association, Automotive Aftermarket Suppliers Association e Select USA

 


Principali aziende del settore

Johnson Controls
Sito Internet: http://www.johnsoncontrols.com
Contatti: 5757 N. Green Bay Ave.
Milwaukee, WI 53209,
United States
Tel: 414-524-1200
Toyota Motor Corporation
Sito Internet: http://www.toyota.co.jp
Contatti: 601 Lexington Ave., 49th Fl.
New York, NY 10023,
United States
Fiat Chrysler Auto
Sito Internet: http://www.chryslerllc.com
Contatti: 1000 Chrysler Dr.
Auburn Hills, MI 48326-2766,
United States
Tel: 248-576-5741
General Motors Company
Sito Internet: http://www.gm.com
Contatti: 300 Renaissance Center
Detroit, MI 48265-3000,
United States
Tel: 313-556-5000
Ford Motor Company
Sito Internet: http://www.ford.com
Contatti: 1 American Rd.
Dearborn, MI 48126-2798,
United States
Tel: 313-322-3000


Servizi di informazione e comunicazione

Informatica e telecomunicazioni (ICT)  

Negli Stati Uniti, il settore ICT è il più avanzato al mondo: genera entrate per 600 miliardi di dollari e rappresenta il 55% degli investimenti globali del settore in ricerca e sviluppo. È uno dei pilastri sui quali è imperniata la competitività del sistema industriale statunitense. Secondo dati elaborati dalla Telecommunications Industries Association (TIA), la principale Associazione settoriale statunitense, nel 2016 gli Stati Uniti detenevano circa il 30% del mercato globale dell’ICT.

L’ICT è un universo tecnologico con vari trend in rapida evoluzione che avranno sempre di più effetti trasversali su tutta l’economia. Coprendo vari sottosettori tra cui i software, è il mercato con il giro d’affari più importante. Grazie alla crescente domanda e allo sviluppo e adozione di nuove tecnologie, i mercati ICT nei paesi sviluppati, quali gli Stati Uniti, sono ora in grado di competere con i tassi di crescita nei paesi in via di sviluppo, che sono spinti principalmente dal crescente numero di consumatori.

La TIA prevede che la spesa degli Stati Uniti nel comparto dell’ICT sarà di 1.514 milioni di dollari nel 2016 e di 1.600 milioni nel 2017, con una crescita media annuale del 6%.

Nel 2016 gli Stati Uniti hanno importato prodotti dell’ICT per un valore di 234 miliardi di dollari, confermandosi il principale Paese importatore di ICT al mondo. Tale cifra, inoltre, è di gran lunga superiore a tutte le altre voci che compongono il paniere dei dieci prodotti ad alta tecnologia (ATP), rilevati separatamente dallo U.S. Dept. of Commerce ai fini dell’interscambio commerciale.

Un numero di nuove tecnologie quali LTE, cloud, applicazioni mobili, sistemi di monitoraggio personale, data mining, analisi dati (big data), sicurezza cibernetica e IoT, per menzionarne soltanto alcune, sono considerati nella loro infanzia e man mano che si andranno sviluppando, ne crescerà anche la domanda, accelerando la crescita del settore ICT negli Stati Uniti e, di conseguenza, creando opportunità di vendita per le aziende straniere.

Le aziende internazionali del settore hanno mostrato un vivo interesse per il mercato statunitense. Indagini della International Data Corporation (IDC) mostrano che i progetti infrastrutturali sono assolutamente prioritari per le imprese americane e l'interesse di esse sta rapidamente crescendo in strumenti di collaborazione, informatica verde, il cloud computing e applicazioni mobili.

Esistono molte opportunità in segmenti in rapida crescita:

  • sistemi di monitoraggio personale (tecnologie Quantified Self);
  • comunicazioni M2M (Machine-to-machine);
  • robotica;
  • analisi (Big data);
  • software aziendale;
  • applicazioni mobili;
  • sicurezza cibernetica.

In genere il settore ICT non viene associato alle aziende italiane nonostante l’Italia sia un leader mondiale nei settori della robotica e delle comunicazioni M2M, pertanto, le prospettive per investimenti italiani in questi due settori sono molto buone.

Fonte: Elaborazione ICE New York su dati International Data Corporation, Cedar, Select USA


Principali aziende del settore

Microsoft Corporation
Sito Internet: http://www.microsoft.com
Contatti: 1 Microsoft Way
Redmond, WA 98052-6399,
United States
Tel: 425-882-8080
Fax: 425-936-7329
Oracle Corporation
Sito Internet: http://www.oracle.com
Contatti: 500 Oracle Pkwy.
Redwood City, CA 94065,
United States
Tel: 650-506-7000
Fax: 650-506-7200
Lawrence Ellison
CEO and Director
(Alphabet) Google Inc.
Sito Internet: www.google.com
Contatti: 1600 Amphitheatre Parkway
Mountain View, CA 94043
Tel. 1 650-253-0000
Hewlett-Packard Company
Sito Internet: http://www.hp.com
Contatti: 3000 Hanover St.
Palo Alto, CA 94304-1185,
United States
Tel: 650-857-1501
Fax: 650-857-5518

Margaret Whitman
President, CEO, and Director
Apple Inc.
Sito Internet: http://www.apple.com
Contatti: 1 Infinite Loop
Cupertino, CA 95014,
United States
Phone: 408-996-1010
Fax: 408-974-2113

Timothy Cook
CEO and Director


Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)

Servizi ambientali e Tecnologie pulite (Clean Tech)  

L'industria ambientale statunitense comprende tre categorie (Servizi, Tecnologie e Attrezzature e Gestione delle Risorse), annovera circa 117.000 imprese che impiegano 1,74 milioni di lavoratori.

Negli Stati Uniti si è registrata una crescita notevole nel settore delle tecnologie ambientali. Dati compilati da Environmental Business International Inc., editore della rivista settoriale Environmental Business Journal (EBJ), rilevano che l'industria statunitense dei servizi e delle tecnologie ambientali ha raggiunto 354 miliardi di ricavi nel 2014, circa il 3% del PIL USA, e pari al 44% di un mercato mondiale stimato  intorno agli $800 miliardi.

Secondo EBJ, il settore è adesso sull’orlo di una nuova era di crescita, sospinta dall’improrogabile necessità di rinnovare le infrastrutture critiche del Paese per renderle più resilienti e adattarle ai cambiamenti climatici in corso. Tale necessità, messa a fuoco dai danni causati da alcuni estremi eventi metereologici abbattutisi sugli Stati Uniti negli ultimi anni, in particolare gli uragani Katrina e Sandy, giocherà un ruolo primario nelle decisioni legislative sulla futura spesa in infrastrutture.

Particolare attenzione richiedera' il comparto idrico statunitense, che ha un valore di 154 miliardi di entrate, delle quali i segmenti del trattamento delle acque reflue e dei servizi idrici di utenza rappresentano ciascuno il 35%.  

L’American Water Works Association stima che gli ammodernamenti e le espansioni necessari nei prossimi 20 – 25 anni avranno un valore totale di 35 miliardi di dollari, creando opportunità di investimento  in varie aree, tra cui:

  • tecnologia della desalinizzazione;
  • tecnologia della riduzione dei consumi idrici;
  • riduzione dell’inquinamento atmosferico;
  • qualità dell’acqua;
  • gestione delle risorse.

I segmenti più interessanti per le aziende italiane nel settore delle tecnologie pulite negli Stati Uniti, si ritiene possano essere due: tecnologia della desalinizzazione e tecnologia della riduzione dei consumi idrici e apparecchiature correlate. Queste due aree diventeranno sempre più importanti nella regione occidentale del paese a causa delle attuali siccità e della previsione di una loro accentuazione in seguito al cambiamento climatico.

Fonte: Elaborazione ICE New York su dati Environmental Business International, American Water Works Association, Cedar  


Principali aziende del settore

First Solar Holding, LLC
Sito Internet: www.firstsolar.com
Contatti: Worldwide Headquarters
First Solar, Inc.
350 West Washington Street, Suite 600
Tempe, Arizona 85281 USA

Telephone: 419.662.6899
Fax: 602.414.9400
Ascent Solar Technologies, Inc.
Sito Internet: www.ascentsolar.com
Contatti: 12300 N. Grant St.
Thornton, CO 80241
Tel. 1.720.872.5000
Green Plains Renewable Energy, INC
Sito Internet: www.gpreinc.com
Contatti: CORPORATE HEADQUARTERS
450 Regency Parkway, Suite 400
Omaha, NE 68114
Phone: 402.884.8700
Fax: 402.884.8776
Sun Edison, Inc.
Sito Internet: www.sunedison.com
Contatti: Corporate HQ
13736 Riverport Dr, Maryland Heights,
MO 63043
Phone: 314-770-7300
Ormat Technologies Inc.
Sito Internet: www.ormat.com
Contatti: 6225 Neil Road
Reno, Nevada 89511-1136
Tel (775)356-9029


Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari)

Aerospazio

Secondo l’Aerospace Industry Association (AIA), l’industria aerospaziale resta uno dei settori più significativi dell’industria americana, grazie anche all’incremento esponenziale negli ordini indotto dal continuo aumento del traffico aereo, al ritmo previsto del 4,9% nei prossimi 20 anni. A guidare lo sviluppo è la domanda delle economie emergenti, ma anche l’alto costo del carburante tradizionale, che stimola alla sostituzione dei vecchi veicoli con altri nuovi di maggiori dimensioni ed a più efficiente consumo, oltre che alla ricerca di fonti alternative.

Il settore dell’Aerospazio si compone di imprese che producono aeromobili (commerciali e militari), missili, satelliti ed altri veicoli spaziali, ed aziende che producono e distribuiscono parti e componenti; gli acquirenti dei prodotti sono pertanto il settore privato da un lato e l’amministrazione statale dall’altro. A questi settori principali si aggiunge tutto l’indotto della sicurezza e della difesa, dei software e dei servizi, di difficile classificazione.

Il settore dell’aviazione commerciale negli Stati Uniti è in rapida crescita a causa della necessità di ammodernamento delle flotte delle compagnie aeree statunitensi. Gli Stati Uniti figurano al primo posto in questo settore.

Boeing ha ordini inevasi per oltre 5.000 aerei e ciò crea varie opportunità per le aziende straniere. Anche i produttori di motori per aerei hanno un gran volume di ordini inevasi e stanno investendo in nuove tecnologie e capacità.

Tra l’Italia e gli Stati Uniti sono in corso molti programmi di scambio e investimenti; il principale è il programma di acquisto-fabbricazione con meccanismo di incentivazione off-set, relativo al velivolo da combattimento F-35. Tuttavia, nel comparto aerospaziale commerciale vi sono molti altri programmi di minore entità e meno motivati politicamente che potrebbero offrire opportunità consistenti ai produttori italiani di macchinari e componenti aerospaziali. Nuove tecnologie per macchinari di produzione, tecniche manifatturiere e sviluppo di materiali leggeri saranno molto richieste negli Stati Uniti.

Per i produttori italiani nel settore aerospaziale esistono opportunità per aziende in grado di offrire prodotti o tecnologie nei seguenti segmenti:

  • capacità manifatturiere avanzate e stampa tridimensionale;
  • automazione;
  • strutture e materiali in composito;
  • interni di aerei e sistemi ambientali.

Fonte: Elaborazione ICE New York su dati Cedar, Select USA


Principali aziende del settore

The Boeing Company
Sito Internet: http://www.boeing.com/
Contatti: Corporate Offices
100 North Riverside
Chicago, Illinois 60606
Tel. 312-544-2000
Lockheed Martin Corporation
Sito Internet: http://www.lockheedmartin.com/
Contatti: 6801 Rockledge Drive
Bethesda, MD 20817
Tel. (301/897-6000)
Northrop Grumman Corporation
Sito Internet: http://www.northropgrumman.com/
Contatti: Corporate Offices
2980 Fairview Park Drive
Falls Church, VA 22042
(703) 280-2900
General Dynamics
Sito Internet: http://www.gendyn.com/
Contatti: Corporate Headquarters
2941 Fairview Park Drive
Suite 100
Falls Church, VA 22042
(703) 876-3000
General Electric Aviation
Sito Internet: http://www.geaviation.com/
Contatti: Cincinnati, Ohio


Ultimo aggiornamento: 24/08/2017^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché USA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia