X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Rischi operativi (MALAYSIA)


Assegnazione delle commesse pubbliche

Il mercato malese si caratterizza per una peculiare legislazione che fa sì che la quasi totalità delle commesse pubbliche (e a maggior ragione di quelle private) venga assegnata a seguito di trattativa diretta, al di fuori delle regole standard di trasparenza e competitività. Molte delle gare d'appalto che vengono lanciate sono peraltro riservate alle sole imprese malesi. Il precedente Governo stava promuovendo una riforma delle procedure relative alle gare pubbliche d'appalto, in modo da minimizzare i rischi di corruzione e garantire maggiore trasparenza. L'attuale Governo non si è ancora espresso al riguardo.

Emergenza Covid-19. Restrizioni alle frontiere.

Nonostante l'impegno dell'attuale Governo nel favorire un ambiente economico 'business friendly' per gli IDE, soprattutto nell'ambito dell'industria 4.0, va rilevato come le stringenti restrizioni alle frontiere, imposte dalle Autorita' malesi per far fronte all'emergenza Covid-19, finiscano per condizionare negativamente la percezione del Paese da parte delle imprese estere gia' presenti o che guardano con interesse al mercato locale.

Privilegi per l'etnia malay

Pur costituendo la maggioranza, nello sviluppo economico del Paese i malay non hanno avuto un ruolo commisurato alla loro incidenza numerica, con conseguente ineguale distribuzione della ricchezza. Tale situazione si e' tradotta in una strategia di 'discriminazione positiva' con cui il Governo ha promosso l'inserimento della popolazione di etnia malay nella pubblica amministrazione e nella vita produttiva del Paese. Una strategia che implica peraltro inevitabili distorsioni e non manca di suscitare critiche e perplessità per i vincoli posti dalle condizioni privilegiate concesse.

Rischi di corruzione

A seguito degli asseriti casi di corruzione e malversazione a carico dell'ex Premier Najib e del suo entourage, il precedente Governo guidato da Mahathir aveva improntato la propria azione al principio della 'tolleranza zero', con l'imposizione del divieto a chi ricopre incarichi pubblici di occupare posizioni in seno alle societa' quotate in borsa o controllate dallo Stato e con l'adozione di un National Anti-Corruption Plan. Il piano prescrive, tra le altre cose, l'obbligo per l'Agenzia Nazionale Anti-Corruzione di riportare direttamente al Parlamento (e non al Governo come avveniva in precedenza).

Ultimo aggiornamento: 20/01/2021