X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Aspetti Normativi (SINGAPORE)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Regolamentazione degli scambi

Sdoganamento e documenti di importazione: economia principalmente basata sul libero scambio, ma alcuni prodotti rimangono soggetti a imposta doganale (i.e. liquori, tabacchi, automobili, moto e prodotti petroliferi). Normalmente la tassa, calcolata ad valorem o con specifica aliquota, si basa sull’ordinamento delle tariffe doganali (Customs Duties Order) del Singapore Customs, l’agenzia governativa del Ministero delle Finanze per la facilitazione e per l’implementazione di dazi e barriere commerciali. È inoltre presente per tutte le merci importate ed esportate la Good and Serivices Tax (GST); tuttavia, sono previste esenzioni per importazioni temporanee, licenze di magazzino, aziende manifatturiere e industrie locali che utilizzano materie prime soggette a tariffe doganali. Per l’importazione di qualsiasi bene è richiesta un’apposita licenza di import (IN Permit) che è possibile richiedere per via elettronica attraverso il TradeNet System, database per lo scambio di informazioni su commercio e logistica.

Classificazione doganale delle merci: sistema armonizzato.

Restrizione alle importazioni: negato l’accesso al mercato per chewing gum, chewing tobacco e tabacchi contraffatti, specie animali protette, riproduzioni di pubblicazioni protette da copyright, pubblicazioni oscene, fuochi d’artificio, carni.

Importazioni temporanee: per i materiali come campioni, attrezzature professionali o beni che vengono importati a Singapore con carnet ATA per fiere, mostre o aste è prevista la sospensione dei dazi doganali attraverso l’apposito Temporary Import Scheme, a condizione della riesportazione entro 3 mesi.

 

Attività di investimento e insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: completa apertura agli investimenti stranieri; attualmente in vigore 21 accordi di libero scambio con 24 partner (UE, USA, Giappone, Australia, Nuova Zelanda, Svizzera, Perù, Costa Rica, GCC, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Giordania, Cina - nell’ambito degli accordi creati ASEAN - Cile, Sud Corea, India, Panama ed Europa).

Legislazione societaria[1]: in via generale, non esistono restrizioni allo svolgimento di attività imprenditoriali e alla costituzione di società da parte di soggetti stranieri. Le uniche attività soggette al rilascio di specifiche licenze sono quelle bancarie, finanziarie (anche intermediazione) e assicurative. Qualsiasi attività imprenditoriale svolta a Singapore deve essere registrata presso il Registry of Companies and Business. Le società straniere o gli stranieri che intendono operare nel Paese devono optare per una collaborazione con una compagnia già presente a Singapore o per la costituzione di un’identità societaria indipendente. Per quanto riguarda la prima, le principali forme di collaborazione sono le joint-venture, i contratti di collaborazione e distribuzione, i contratti di agenzia. Nella seconda ipotesi, invece, l’imprenditore potrà scegliere tra l’apertura di un Ufficio di Rappresentanza, di un’impresa individuale o collettiva, di persone o di capitali (modello Private Limited Company o Public Limited Company), o di una filiale. L’ufficio di rappresentanza può svolgere attività promozionali per conto della casa madre, ma non può né direttamente, né a nome della casa madre, svolgere attività imprenditoriali, concludere contratti in proprio, svolgere attività di consulenza a pagamento, trattare il trasporto di beni o aprire o negoziare lettere di credito. La domanda per la costituzione dell’Ufficio va presentata all’International Enterprise. La filiale dovrà invece esser registrata presso l’ACRA (Accounting and Regulatory Authority of Singapore).

 

Brevetti e proprietà intellettuale

I diritti d’autore proteggono le produzioni letterarie, teatrali, e musicali, le opere artistiche, le registrazioni sonore, le trasmissioni radio-televisive, i programmi via cavo, etc. L’autore gode dei diritti che riguardano la sua opera, quali la riproduzione, pubblicazione, messa in scena e adattamento dell’opera stessa. Per ottenere la protezione occorre inoltrare domanda presso l’ufficio competente, (www.ipos.gov.sg). Inoltre, la protezione dei diritti d’autore è assicurata, a livello internazionale, dall’adesione a numerosi accordi bilaterali. Il Registered Design Act, cap. 266 con il Registered Design Rules e Registered Design Rules 2005 rappresentano la normativa di riferimento per la protezione delle opere di design.

 

Sistema fiscale

Il sistema fiscale prevede l’imposta sul reddito societario, sul reddito delle persone fisiche, sui beni immobili, sul bollo di autoveicoli e motoveicoli, sui beni e sui servizi, sul consumo e dazi doganali, di successione, sulle scommesse e altre imposte minori (ad esempio la nuova imposta sul gioco d’azzardo). L’IRAS, Inland Revenue Authority of Singapore, è l’agenzia delle entrate che regola e riscuote tali tributi. La regolamentazione fiscale applicabile a società registrate a Singapore prevede l’imposta sui redditi d’impresa (Income Tax), sul valore aggiunto (GST Good and Service Tax), sul trasferimento di somme/ utili all’estero (Withholding Tax), la Customs and Excise Duties e altre imposte di carattere minore.

Anno fiscale: per le persone fisiche dal 1° gennaio al 31 dicembre; per le società, in base a quanto deciso in fase di costituzione dell’attività (il calcolo definitivo dell’imposta relativo all’anno di attività deve essere effettuato prima del 30 novembre dell’anno successivo).

 

IMPOSTA SUI REDDITI DELLE PERSONE FISICHE[2]

REDDITO (SGD)

VALORE

0 - 20.000

0

20.000 - 30.000

2%

30.000 - 40.000

3.50%

40.000 - 80.000

7%

80.000-120.000

11,5%

120.000 - 160.000

15%

160.000 - 200.000

18%

200.000 - 240.000

19%

240.000 - 280.000

19,5%

280.000 - 320.000

20%

Oltre 320.000

22%

 

La residenza è un fattore determinante nel calcolo dell’imposta sulle persone fisiche: è considerato residente chi ha trascorso a Singapore più di 183 giorni nell’arco dell’anno o per 3 anni consecutivi anche se il numero di giorni nel primo e terzo anno è inferiore al suddetto periodo. Il non residente è, invece, esautorato dal pagamento dell’imposta se certifica un’attività protrattasi per non oltre 60 giorni. Se i due mesi vengono superati, l’imposta è calcolata sul reddito prodotto a Singapore. Lo stipendio del non residente è tassato al 15%.

 


[1] La legislazione di riferimento, per l’apertura di una società a Singapore, è contenuta nel Business Registration Act (cap. 32) e nel Companies Act (cap. 50). Il diritto societario nazionale prevede le seguenti forme giuridiche: Sole Proprietorship (impresa individuale), Partnership (impresa collettiva fino a un max. di 20 azionisti), Limited Liability Partnership, Incorporated Company. Le Incorporated Company, possono essere di tre tipi: Company limited by shares (società per azioni), Company limited by guarantee (a responsabilità limitata), Unlimited company (a responsabilità illimitata)

[2] Fonte: Inland Revenue Authority of Singapore

 

“Business Atlas 2020: guida agli affari in 56 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 06/08/2020