Rischi operativi (ARABIA SAUDITA)


Ricadute sul business environment della politica di "saudizzazione"

Il programma governativo Nitaqat, introdotto nel 2011 nell`ambito della strategia di "Saudization", che obbliga le imprese ad assumere cittadini sauditi in percentuali dal 10% fino al 30% a seconda della dimensione dell`impresa e del settore, è stato esteso nell`ottobre 2012 anche alle imprese con meno di 10 impiegati. Il tasso di saudizzazione viene periodicamente rivisto al rialzo e comporta un aumento del costo del lavoro (a fronte dei più alti stipendi medi pagati ai lavoratori sauditi rispetto agli stranieri).


Rapporti con la macchina burocratica-amministrativa saudita

Se confrontata con gli standard occidentali, l'apparato burocratico saudita appare complesso e macchinoso. E' consigliabile, ai fini dell'operatività d'impresa, avviare in largo anticipo le richieste di visto e tutte le necessarie procedure burocratiche, soprattutto se si tratta di una società estera, il cui staff si reca solo occasionalmente nel Regno saudita. In caso di contenziosi e di ricorso alla giustizia locale, non sono facilmente prevedibili i tempi per la sentenza.


Complessita' delle procedure doganali

Benche' l'aliquota media sia piuttosto bassa (il 5% sull'80% delle linee tariffarie), le barriere non tariffarie costituiscono un problema abbastanza comune in Arabia Saudita. I tempi di sdoganamento tendono ad essere lunghi ed e' possibile che venga richiesta, da parte delle Autorita' locali, documentazione aggiuntiva sull'importazione di merci. E' pertanto raccomandabile avvalersi di agenti locali con esperienza.


Difficoltà linguistiche

La lingua ufficiale dell'Arabia Saudita è l'arabo. Molti documenti richiesti dagli uffici del Regno non contemplano una versione in inglese. Solo parte della normativa vigente viene tradotta in inglese e la conoscenza delle lingue europee è diffusa solo in determinati contesti. La conoscenza della lingua locale agevola i soggetti economici desiderosi di sviluppare i propri investimenti sul territorio saudita.


Introduzione della tassa sul valore aggiunto (IVA) a partire dal 1 gennaio 2018 e aumento accise

In sede di Consiglio di Cooperazione del Golfo, i Paesi membri hanno approvato nell'aprile 2017 un accordo sulla normativa quadro relativa all'introduzione della tassa sul valore aggiunto (Unified Value Added Tax-VAT Agreement) e un altro relativo alla normativa quadro sulle accise (Unified Selective Excise Tax), entrati entrambi in vigore il 23 maggio 2017. In tema d'IVA, l'Arabia Saudita ha deciso di applicare un'aliquota pari al 5% a partire dal 1 gennaio 2018 mentre, in tema di accise, è stata introdotta a partire dall'11 giugno 2017 un'aliquota del 50% sulle bibite addizionate con anidride carbonica e del 100% sulle bevande "energy drinks" e sui tabacchi.


Ultimo aggiornamento: 26/11/2018^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ARABIA SAUDITA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ARABIA SAUDITA

CONSOLATO GENERALE GEDDAAMBASCIATA RIAD