Rischi economici (ARABIA SAUDITA)


La dipendenza dal petrolio

Il settore petrolifero resta centrale e fondamentale per l'economia saudita. Le enormi risorse saudite da un lato garantiscono al Regno un ruolo fondamentale sui mercati internazionali (e in seno OPEC), dall'altro espongono quest'ultimo alla volatilità del prezzo del greggio. Le basse quotazioni petrolifere del triennio 2015-2017 hanno avuto un pesante effetto sui conti pubblici sauditi, causando una frenata dell'economia trascinatasi a tutto il 2017. Nella legge di bilancio 2018 si stima che il 63% delle entrate erariali saranno ancora garantite dal petrolio e questa condizione sarà destinata a protrarsi finché i prospettati piani di diversificazione economica non faranno effettivamente decollare i settori non-oil.


Il bilancio statale

Dopo decenni di surplus fiscale, l'Arabia Saudita ha registrato un costante aumento del deficit statale a partire dal 2014, in seguito al crollo dei corsi petroliferi, raggiungendo un picco del 17,2% nel 2016. Le misure di austerità fiscale da allora introdotte hanno permesso un graduale rientro, sotto la soglia del 10% nel 2017 e con l'obiettivo dell'8% nel 2018. Il pareggio di bilancio è stato tuttavia spostato al 2023 (rispetto al 2019), in linea con le raccomandazioni del FMI di immettere sufficiente liquidità in un'economia tecnicamente in recessione.


La sostenibilità del programma di riforme

La Vision 2030 saudita ambisce a trasformare l'economia saudita in un'economia di mercato, aperta e dinamica: è un progetto ambizioso ed alcuni analisti sollevano dubbi in merito all'effettiva capacità realizzativa di tale piano. Sebbene non manchino le risorse finanziarie necessarie, una tale trasformazione potrebbe risultare più complicata e lunga di quanto previsto, considerato la radicalità della trasformazione in corso.


La crescita demografica e la disoccupazione

L'Arabia Saudita ha una popolazione di 31,7 milioni di abitanti e una crescita demografica piuttosto marcata (superiore al 2% annuo). La disoccupazione saudita è però del 12,3% e quella giovanile (nella fascia dei 15-24 anni) supera il 40%. Una delle principali sfide del Regno Saudita sarà quella di rendere il mercato del lavoro più inclusivo, coinvolgendo questa fascia della popolazione, inclusa la componente femminile.


La politica monetaria legata alle oscillazioni del dollaro

Il cambio dollaro/Riyal saudita è ancorato all'equivalenza di 3,75 riyal per USD. Se da un lato l'ancoraggio al dollaro garantisce la stabilità monetaria, esso però esclude ogni possibilità di svalutazione volontaria della moneta e rende il Riyal saudita particolarmente sensibile alle politiche della Federal Reserve americana.


Ultimo aggiornamento: 06/03/2018^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ARABIA SAUDITA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ARABIA SAUDITA

CONSOLATO GENERALE GEDDAAMBASCIATA RIAD