X Chiudi


Saudi Aramco presenta agli investitori i risultati di gestione del primo semestre 2019

Saudi Aramco presenta agli investitori i risultati di gestione del primo semestre 2019

L'ente petrolifero saudita Saudi Aramco ha presentato i risultati semestrali agli investitori il 12 agosto scorso, dando inizio ad una necessaria e periodica comunicazione agli analisti, tenuto conto della prospettata quotazione in Borsa del 5%.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

SAIPEM si aggiudica due contratti di Saudi Aramco per 3,5 miliardi di dollari

SAIPEM si aggiudica due contratti di Saudi Aramco per 3,5 miliardi di dollari

Il 9 luglio 2019, in occasione della cerimonia di firma delle opere di sviluppo dei giacimenti offshore di Berri e Marjan per complessivi 18 miliardi di dollari, Saudi Aramco ha assegnato due contratti a SAIPEM per 3,5 miliardi di dollari.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Saudi Aramco firma accordo di fornitura ventennale per l'acquisto di gas naturale liquefatto statunitense

Saudi Aramco firma accordo di fornitura ventennale per l'acquisto di gas naturale liquefatto statunitense

Il 22 maggio 2019 il colosso petrolifere saudita, Saudi Aramco, ha firmato un accordo di fornitura ventennale per l'acquisto di gas naturale liquefatto dall'azienda statunitense Sempra Energy.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Approvata la Green Card saudita (Privileged Resident Permit)

Approvata la Green Card saudita (Privileged Resident Permit)

Il Consiglio dei Ministri saudita ha approvato il 14 maggio 2019 un permesso di soggiorno agevolato ("Privileged Resident Permit") che permetterà ai cittadini stranieri di poter risiedere nel Regno senza la necessità di uno sponsor saudita.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Rafforzamento di Tenaris in Arabia Saudita

Rafforzamento di Tenaris in Arabia Saudita

Tenaris rafforza la presenza nel mercato saudita attraverso l'acquisizione del 47,79% del gruppo locale Saudi Steel Pipe Company (SSP). Il valore dell'operazione è di 144 milioni di dollari.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

L'Arabia Saudita è pronta a dare avvio al programma nucleare

L'Arabia Saudita è pronta a dare avvio al programma nucleare

Il Ministro dell'Energia saudita Al-Falih ha dichiarato che l'Arabia Saudita ha completato il quadro legislativo e costituito le competenti agenzie per dare avvio al programma nucleare nazionale.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Homepage ARABIA SAUDITA

Il 2018 è stato caratterizzato da un andamento positivo dell'interscambio commerciale, cresciuto del 11% rispetto al 2017. Il volume complessivo ha raggiunto gli 8,2 miliardi di euro, posizionando l'Arabia Saudita al secondo posto tra i partner commerciali dell'Italia nell'area MENA (seconda solo all'Algeria). Il positivo andamento commerciale registra tuttavia due trend divergenti:
- le esportazioni italiane verso il Regno sono diminuite del -21%, scendendo da 3,9 a 3,1 miliardi di Euro rispetto al 2017;
- le importazioni italiane da questo Paese sono cresciute del +48%, passando da 3,5 a 5,1 miliardi di Euro.
Ciò ha comportato un disavanzo commerciale per l'Italia, rispetto ai tradizionali surplus in costanza di condizioni di mercato per noi piu' favorevoli, pari a -2,0 miliardi di Euro.
In sintesi, sia il rincaro del petrolio (che pesa per l'86% del totale nostre importazioni), sia l'ancora debole ripresa economica saudita - che esce da un difficile biennio - hanno pesato negativamente sui conti commerciali bilaterali. In prospettiva, il mantenimento dei prezzi petroliferi attorno ai 60 dollari al barile, come proiettato dagli analisti per il periodo 2019-2020, nonché il consolidamento della ripresa economica interna - da poco iniziata - dovrebbero favorire un riequilibrio della bilancia commerciale a favore dell'Italia.

In termini di composizione merceologica, le nostre prime 5 voci di esportazioni sono state le seguenti: 1. macchinari meccanici: 1,2 miliardi di Euro (quota di mercato del 38%); 2. apparati elettrici: 245 milioni di Euro (8%); 3. mobili: 173 milioni di Euro (6%); 4. lavori di ghisa: 170 milioni di Euro (5%); 5. strumenti di misura, controllo e precisione: 113 milioni di Euro (4%). Insieme queste 5 voci pesano per il 61% del totale qui esportato.
Sul fronte importazioni, il petrolio è cardine del paniere, con 4,4 miliardi di Euro (l'86% del totale), seguito da materie plastiche (321 milioni di Euro, 6% del totale) e dai prodotti chimici inorganici (170 milioni di Euro, 3% del totale). Assieme queste tre voci rappresentano il 96% del totale importato dall'Italia.

I dati ISTAT del primo trimestre 2019 registrano la ripresa delle esportazioni italiane verso il Regno saudita, in crescita del +3% rispetto al medesimo periodo 2018. E' vero che il positivo andamento dell'export italiano si inserisce in un leggero calo del totale interscambio (-5%), ma ciò è sostanzialmente legato alle minori importazioni italiane (-11%). Migliora in tal modo il saldo della bilancia commerciale che, pur rimanendo negativo, si riduce dai 236 milioni di Euro del primo trimestre 2018 a 106 milioni di Euro nel primo trimestre 2019.
In sintesi, si osservano i seguenti andamenti rispetto al primo trimestre 2018:

  • le esportazioni italiane verso il Regno crescono da 754 milioni a 778 milioni di Euro (+3%);
  • le importazioni italiane da questo Paese diminuiscono da 991 milioni a 884 milioni di Euro (-11%);
  • il totale interscambio cala leggermente, passando da 1,74 miliardi a 1,66 miliardi di Euro (-5%);
  • le minori importazioni hanno alleggerito il disavanzo commerciale per l'Italia, che scende da 236 milioni a 106 milioni di Euro.

Il trend senz'altro più significativo è rappresentato dall'andamento positivo delle esportazioni italiane. Nell'ultimo triennio l'export italiano aveva risentito in maniera pesante della frenata macroeconomica saudita, registrando continui cali: -18% nel 2016; -6% nel 2017; -21% nel 2018. ll positivo andamento del PIL saudita nel primo trimestre 2019 - 1,7% a prezzi costanti, 2,8% a prezzi correnti - conferma che il Regno ha saputo superare la stagnazione del biennio 2016-2017 e che le riforme della Vision 2030 stanno portando i primi frutti.
Al contrario, il contenimento delle importazioni italiane dal Regno, il cui 80% è rappresentato dalla bolletta energetica (greggio e derivati), ha consentito di riequilibrare in parte i conti e di ridurre il deficit italiano.


Perché ARABIA SAUDITA

Saudi Vision 2030: nuova strategia di sviluppo del Regno
Posizione geografica strategica, eccellenti infrastrutture, dividendo demografico
Business environment in progressivo miglioramento
Favorevole imposizione fiscale e incentivi governativi agli investimenti
Sostegno al settore privato e privatizzazioni
In dettaglio

Dove investire

  • Flussi turistici
  • Costruzioni
  • Prodotti delle miniere e delle cave
  • Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
  • Sanità e assistenza sociale
In dettaglio

Cosa vendere

  • Macchinari e apparecchiature
  • Sanità e assistenza sociale
  • Mobili
  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
  • Costruzioni
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ARABIA SAUDITA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ARABIA SAUDITA

CONSOLATO GENERALE GEDDAAMBASCIATA RIAD