Overview (AUSTRIA)

Le relazioni economiche tra Italia e Austria sono eccellenti.

Secondo i dati di Statistik Austria relativi al 2018, l’Italia si conferma il secondo partner commerciale dell’Austria, dopo la Germania, come Paese fornitore, con una quota di mercato sul totale dell’import austriaco pari al 6,4%. Come Paese acquirente l'Italia risulta attualmente al terzo posto, dopo Germania e Stati Uniti, con una quota sul totale dell'export austriaco del 6,5% nel 2018.
Dopo una crescita dell'interscambio nel quadro del forte aumento in generale tanto delle importazioni quanto delle esportazioni austriache, il commercio estero tra i due paesi è di nuovo diminuito fra il 2012-2013 a causa della crisi economica in Italia. Nel 2014 invece è stato registrato un leggero aumento tanto delle importazioni quanto delle esportazioni austriache, rispettivamente dello 0,3% e 0,1% rispettivamente, tendenza confermatasi anche nel 2015 (+2% e +0,4%) e 2016 (+2,4% e +1,4%). Nel 2017 e 2018 invece importazioni e esportazioni da e verso il nostro Paese sono fortemente cresciute. Nel 2018 è stato registrato un aumento delle importazioni dall'Italia del 5,8%, mentre le esportazioni austriache verso l'Italia sono cresciute del 5,7%.

Per l’Austria il saldo commerciale verso l’Italia, che tradizionalmente era stato quasi sempre negativo, è diventato per la prima volta positivo nel 1999. Alla base di tale inversione di tendenza vi è stata l’accresciuta competitività acquisita dalle merci austriache a seguito dell’adozione della moneta unica (con conseguente eliminazione delle oscillazioni di cambio in seguito all’introduzione dell’Euro) e la sostenuta domanda italiana. Dal 2008 però il saldo negativo per l’Italia si è ridotto fortemente e, nel 2016, si è tornato a registrare un saldo positivo per l'Italia, novità ripetutasi in termini più netti nel 2018.  

Le forniture italiane risultano piuttosto diversificate. Al primo posto, vi sono  macchinari e prodotti della metallurgia, che hanno inciso nel 2018 per circa il 27% del totale dell'export italiano verso l'Austria, seguiti da prodotti alimentari, prodotti in metallo, prodotti chimici e farmaceutici. 

Le forniture austriache verso l'Italia consistono principalmente di prodotti della metallurgia (11%), lavorati del legno e materiali da intreccio (9,8%), seguiti da prodotti alimentari, prodotti chimici e macchinari e apparecchiature.  

Riguardo gli investimenti bilaterali, è stato registrato uno sviluppo rilevante negli ultimi anni, soprattutto di quelli italiani in Austria, innanzitutto grazie all’acquisizione della banca Bank Austria dal gruppo Unicredit. Da molti anni sono presenti in Austria grandi imprese come il gruppo assicurativo Generali, il gruppo ENI  e il Gruppo SNAM, interlocutore sempre più importante per il mercato del gas. Da segnalare anche la presenza di Autogrill nel settore della ristorazione e di Geox e un grande numero di case di moda, nel settore del commercio. I dati dell’Agenzia governativa per l’assistenza agli investimenti stranieri in Austria ABA evidenziano un costante sviluppo degli investimenti italiani in Austria. 

Gli investimenti austriaci in Italia invece non raggiungono il livello degli investimenti italiani in Austria. In questo ambito, importanti settori sono il commercio, il settore edilizio, quello alimentare e quello energetico.

fonte dei dati: STATISTIK AUSTRIA
Elaborazione ICE/Ambasciata

 

Ultimo aggiornamento: 26/08/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché AUSTRIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in AUSTRIA

AMBASCIATA VIENNA