X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Relazioni internazionali (PERU')

I Trattati di Libero Scambio costituiscono da tempo una importante componente della politica estera commerciale perseguita con costanza da oltre mezzo secolo dal Perù, per consolidare l’ingresso dei prodotti peruviani nel mercato internazionale e partecipare nei diversi meccanismi di integrazione.

Da una iniziale forma bilaterale si è passati, con la lenta progressiva crescita di una maggiore percezione della conveniente integrazione economica dei diversi paesi del continente ad una sottoscrizione comune con equivalenti unioni o associazioni multinazionali mantenendo tuttavia alcune importanti eccezioni: USA, Canada, Cina - principali partner commerciali del Perú - con accordi in vigore rispettivamente dal 2009 e dal 2010.

Con l'entrata in vigore del trattato con l'Unione Europea (marzo 2013) la quasi la totalitá delle esportazioni non agricole peruviane e il 57% di quelle agricole ha accesso al mercato comune in esenzione doganale ed al contempo sono venute a cadere una serie di barriere tariffarie all'importazione di prodotti tessili ed alimentari europei di eccellenza in questo Paese. Sono altresì previste facilitazioni all'accesso sul mercato peruviano per i grandi investitori nei settori delle commodities ed in quello minerario.

 

Attualmente sono in vigore 22 Accordi Commerciali, sia multilaterali con gruppi economici: la Comunitá Andina, Mercosur, EFTA, APEC, World Trade Organizzation, che bilaterali con Cile, Messico, Stati Uniti, Cina, Honduras, Giappone, Tailandia, Venezuela, Ecuador, Singapore, Canadá e recentemente, é entrato in vigore l’accordo con Australia,che permette l’ingresso del 96% dell’offerta peruviana liberi dei dazi doganali; mentre prossimi alla firma risultano gli Accordi con l’India che si spera possa essere sottoscritto nel 2021, Associazione Transpacifico, Alleanza Pacifico, Guatemala, Brasile.

 

La politica della attuale amministrazione americana concretizzatasi nel ritiro anche da accordi già sottoscritti (indubbiamente negativo per il Paese l’abbandono da parte degli USA della avviata trattativa con i paesi del Pacifico ha indubbiamente creato difficoltà non del tutto superate ma l’accordo a livello di Organismi o Entità multilaterali appare lo strumento più consolidato e per quanto possibile ricercato.

 

Proseguono inoltre le negoziazioni per accordi con Programma Doha per lo Sviluppo, TISA (Trade in Services Agreemente – 23 membri dell’OMC).

 

Il Perú é presente nel mondo con una rete di “Organi del Servizio Estero” formata da 64 Ambasciate, 71 Consolati, e 14 Rappresentazioni Permanenti negli Organismi Internazionali come le Nazioni Unite e l’Organizzazione degli Stati Americani.

Ad agosto 2019, il Perú é stato sede della Conferenza internazionale per la democrazia.

L’integrazione dei confini ha attivato il Quinto Gabinetto Binazionale Perú-Bolivia; Quinto Gabinetto Binazionale Perú-Colombia, Terzo Gabinetto Binazionale Perú-Cile, Decimo Gabinetto Binazionale Perú-Ecuador, Incontro Binazionale della Frontiera Perú-Brasile.

Per la celebrazione dei 50 anni della Comunitá Andina, le riunioni sono stati focalizzate sulla spinta al commercio e unione regionale.

Nella 14ª Riunione dei Vertici dell’Alleanza Pacífico é stato firmato un piano di lavoro per la visione strategica 2030.

 

Ultimo aggiornamento: 23/07/2020
/*WEB ANALYTICS ITALIA*/ /*GOOGLE ANALYTICS*/