Flussi turistici: FINLANDIA verso l'Italia

Al termine di un decennio di stagnazione o scarsa crescita, i dati relativi al 2016 e le proiezioni sul 2017 segnalano un'inversione di tendenza di segno positivo nella performance economica del Paese, con ricadute altresi' sulla propensione del consumatore finlandese all'acquisto di servizi turistici.  I finlandesi spendono in media € 2.340 pro-capite per viaggi all’estero. Secondo dati di fonte Banca d'Italia, nel 2016 la spesa complessiva per servizi turistici in italia da parte di consumatori finlandesi e' stata di circa € 146.000.000.Se

Se l’Estonia continua ad assorbire una quota rilevante dell’intero volume dei viaggi outgoing dei finlandesi (oltre il 29%), seguita dalla Svezia (circa 20%), il Mediterraneo resta destinazione privilegiata. Nell’area si e’ nel 2016 registrato un sensibile spostamento dei flussi turistici provenienti dalla Finlandia, dalle destinazioni del Mediterraneo Orientale a quelle del Mediterraneo Occidentale: il 60% dei viaggi nella regione hanno avuto Spagna (740.000 visitatori finlandesi) e l’Italia (260.000 visitatori finlandesi) quale destinazione, con il nostro Paese beneficiato da un incremento delle visite del +13%, a fronte del calo significativo di Turchia ( -55%), Grecia (-22%) e Francia (-44%).

Secondo gli ultimi indagini fatti dall’Istituto Statistiche Finlandese (stat.fi) l’anno 2017 è iniziato bene per il travel business in generale, segnalando un aumento del 5% del turismo outgoing nei primi quatto mesi dell’ anno rispetto allo stesso periodo nel 2016. Il segmento crocieristico risulta in forte diminuzione (-11%), mentre crescono i viaggi con pernottamenti alla destinazione (+10%). Da notare che la permanenza media dei finlandesi in vacanza è relativamente lunga (6,1 notti in media) in confronto a svedesi (3,5 notti) e danesi (5,1 notti), con soggiorni ancora piu’ lunghi in alcuni Paesi del Mediterraneo (Spagna 11,4 notti, Francia 8,6 notti, Grecia 10,9 notti).

Se l’Italia rimane tra le mete più richieste in Finlandia, sia dal pubblico che da parte degli operatori. e dei  media, si assiste altresi’ ad un progressiva diversificazione dell’offerta, in risposta ad un’accresciuta maturita’ della domanda finlandese, elemento che puo’ favorire il mercato italiano, se opportunamente coltivato. Operatori/charter che hanno da sempre privilegiato destinazioni classiche e balneari stanno allargando il proprio bouquet di offerte verso destinazioni meno battute in passato (anche di rilievo turistico quali le mete toscane), sino a proposte di nicchia  (hiking lungo la Via Francigena, corsi di pittura in Sicilia e nel Veneto, viaggio a tema musicale a Palermo, vacanza spa-benessere a Boario Terme, itinerari enogastronomici nelle Marche ed in Umbria) che riscontrano crescente interesse, anche se con numeri ancora abbastanza limitati. Ulteriore testimonianza della volonta’ degli operatori di promuovere nuove destinazioni nel nostro Paese e’ offerta dal riconoscimento assegnato alla citta’ di Napoli quale “best weekend getaway” dalla rivista viaggi e turismo finlandese “Mondo” in occasione dell’edizione 2017 della fiera Matka.

 

Ultimo aggiornamento: 03/08/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché FINLANDIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in FINLANDIA