Ad Ansaldo Energia un contratto di servizio per impianti ad Abu Dhabi

Ad Ansaldo Energia un contratto di servizio per impianti ad Abu Dhabi

Riguarda la manutenzione di due centrali elettriche nel complesso di Taweelah, situato a circa 70 chilometri da Abu Dhabi, il contratto di servizio assegnato dalla compagnia Asia Gulf Power Service Company (AGPS) all'italiana Ansaldo Energia.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Pubblicato bando per nuovo resort turistico a Dubai

Pubblicato bando per nuovo resort turistico a Dubai

Una joint-venture costituita dalla società di sviluppo immobiliare emiratina Nakheel e dal gruppo alberghiero spagnolo RIU Hotels & Resorts ha pubblicato un bando di gara per assegnare i lavori di costruzione di un nuovo resort turistico a Dubai.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Annunciati prossimi bandi per progetti immobiliari ad Abu Dhabi

Annunciati prossimi bandi per progetti immobiliari ad Abu Dhabi

La società immobiliare emiratinaAldar ha annunciato l'intenzione di pubblicare nel corso della seconda metà di quest'anno i bandi di gara per assegnare i lavori di costruzione di quattro importanti progetti di sviluppo ad Abu Dhabi.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Inaugurato a Dubai lo showroom Lamborghini più grande al mondo

Inaugurato a Dubai lo showroom Lamborghini più grande al mondo

Con una superficie di 1800 mq su tre piani, lo Showroom Lamborghini inaugurato a Dubai è la concessionaria più grande esistente al mondo dell'azienda italiana produttrice di automobili di lusso.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Siglata Convenzione OCSE su mutua assistenza amministrativa in materia fiscale

Siglata Convenzione OCSE su mutua assistenza amministrativa in materia fiscale

Il governo di Abu Dhabi è diventato il 109° Paese ad aderire alla Convenzione multilaterale sulla mutua assistenza amministrativa in materia fiscale promossa dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Intesa Sanpaolo apre filiale ad Abu Dhabi

Intesa Sanpaolo apre filiale ad Abu Dhabi

Il gruppo bancario italiano Intesa Sanpaolo ha aperto una nuova filiale operativa ad Abu Dhabi al fine di sostenere gli sforzi per l’internazionalizzazione delle imprese italiane e consolidare il legame con clienti locali e internazionali.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Homepage EMIRATI ARABI UNITI

Gli EAU sono stati nel 2016 il 17^ mercato di sbocco per le nostre esportazioni, con l’1,3% del totale, rispetto al 15^ posto del 2015 con l’1,5%, con una quota complessiva di mercato di poco inferiore al 3%. Rispetto al 2015, l’Italia ha inoltre perso due posizioni passando dal settimo al nono posto nella lista dei principali esportatori negli EAU, pur confermandosi, dopo Germania e Regno Unito, il terzo partner commerciale UE di questo Paese

Dopo i record del 2015 il 2016 si archivia con una relativa contrazione dell’interscambio tra Italia ed EAU. A deprimere il dato complessivo (6.35 mld. euro) ed il saldo in favore dell’Italia (4.46 mld. euro), è stato l’andamento complessivamente sfavorevole del nostro export (che ha totalizzato 5.4 mld euro, -12.4% rispetto al 2015), non controbilanciato dall’incremento del nostro import dagli EAU (che ha superato i 947 mln. Euro, +11.3% rispetto al 2015).

Che il 2016 sarebbe stato un anno complesso era stato evidente sin dalle prime rilevazioni dell’anno, allorché l’export aveva immediatamente segnato -15%. L’apice della crisi dei prezzi petroliferi, con tutte le conseguenze depressive del caso su spesa pubblica e privata negli EAU, unita al rallentamento dell’economia mondiale, non poteva non riflettersi sull’andamento dell’interscambio globale degli EAU, contrattosi infatti di quasi il 3.5%.

Nel caso specifico del nostro export, tali fattori hanno inciso pesantemente in particolare su tre settori: quello dell’oreficeria, ancora il più importante dell’export italiano, sceso per la prima volta dal 2012 sotto il miliardo di USD (-15% rispetto al 2015), quello dei macchinari di impiego generale (-24%) e quello dei raffinati del petrolio (-66%). In relativo peggioramento anche l’export di mobilio (-8%) e quello di autoveicoli (-15%, dovuto probabilmente anche al numero limitato di nuovi modelli presentati dai marchi di lusso Ferrari e Maserati).

L’analisi dell’andamento dell’interscambio Italia-EAU nell’anno appena trascorso sarebbe tuttavia fortemente incompleta, laddove non prendesse in considerazione anche i dati dei principali concorrenti. Vista in questa prospettiva, la performance del nostro export appare in effetti decisamente meno negativa. Nel 2016, infatti, solo tre (India, Hong Kong e Iran) tra i primi 10 Paesi esportatori negli EAU (ed 8 tra i primi 20) hanno registrato export in crescita:  tra l’1% ed il 4% per India ed Hong Kong, e ben il 34% per il terzo. Per tutti gli altri l’andamento è stato negativo: dal -16.5% della Cina, al  -13% del Regno Unito, dal -7.85% del Giappone, ai -2.4% e -0.26% di USA e Germania (che può peraltro contare sulla contabilizzazione nel proprio export dei diversi vettori Airbus consegnati annualmente ai due colossi dell’aviazione locale Emirates ed Etihad).

Nella valutazione complessiva dell’andamento dell’export italiano negli EAU va altresì considerato, da un lato, che il trend negativo è andato a mitigarsi nell’ultimo trimestre dell’anno (dal -15% iniziale al -12.4% finale), permettendo così al nostro Paese di restare tra i primi 10 partner commerciali degli EAU e, dall’altro, che in uno degli anni più complessi per questa economia, l’Italia ha nondimeno fatto segnare performance convincenti in settori quali le “altre macchine di impiego generale” (+ 49,8%), motori e generatori elettrici (+10,8%), abbigliamento (+4,8%) e cosmetica (+12.5%), a testimonianza della vitalità del “Made in Italy” e della grande considerazione che esso gode tra i consumatori locali. Sono fattori che lasciano ben sperare in una possibile ripresa del nostro export, non appena questa economia avrà pienamente metabolizzato lo “shock petrolifero” del 2015-2016 e la “nuova-normalità” con prezzi del greggio intorno ai 50 USD/barile.  


Perché EMIRATI ARABI UNITI

Prospettive di crescita negli scambi commerciali
Possibilità di accesso delle nostre imprese ai progetti infrastrutturali
Prospettive di maggiore integrazione delle nostre aziende sul mercato emiratino
Possibilità di incremento dei flussi turistici nei due sensi
Prospettive di una maggiore partecipazione italiana al settore finanziario emiratino
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature
  • Costruzioni
  • Prodotti alimentari
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
In dettaglio

Cosa vendere

  • Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature
  • Prodotti alimentari
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Mobili
  • Servizi di alloggio e ristorazione
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché EMIRATI ARABI UNITI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia