Relazioni internazionali (ANGOLA)

La politica estera dell'Angola persegue la diversificazione degli investimenti finanziari (impiego del fondo sovrano alimentato dalle entrate petrolifere), l’estensione dell’influenza esercitata a livello regionale e internazionale e il consolidamento delle relazioni con i partner strategici (Cina, Brasile e Portogallo).

Con la pacificazione e l’avvio dello sviluppo, Luanda ha operato in ambito continentale soprattutto al fine di favorire la stabilità della regione sub-sahariana. In tale prospettiva, di rilievo è stato il ruolo esercitato nelle recenti crisi in Costa d’Avorio ed in Somalia, nonché nella Repubblica Democratica del Congo, con la quale resta aperta la controversia relativa alla definizione del confine marittimo tra i due Paesi, che rivendicano entrambi la sovranità sui ricchi giacimenti petroliferi off-shore. L’Angola è membro della Southern African Development Community (SADC), della Commissione del Golfo di Guinea, della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Centrale (CEEAC – ECCAS) e della Comunità dei Paesi di Lingua Portoghese (CPLP), di cui detiene la Presidenza dal luglio 2010. In ambito SADC, il Paese segue attivamente i processi di riconciliazione e riforma in corso in Madagascar e Zimbabwe. Ha inoltre intensificato le relazioni con la Nigeria, il Sud Africa e la Namibia, mentre meno facili restano quelle con la Guinea Bissau. Nei rapporti con Sao Tomé e Principe, a cui l’Angola è legata da profonde ragioni storiche e culturali, particolare importanza riveste la cooperazione economica nei settori delle infrastrutture e dell’industria petrolifera. Nel 2011 il Governo santomense ha firmato con Sonangol (la compagnia petrolifera di bandiera angolana) contratti di concessione trentennale del porto e dell'aeroporto internazionale della capitale dell'arcipelago, mentre la cooperazione in campo petrolifero è stata impostata sin dal 2008, con l'acquisto da parte di Sonangol del 35% dell'industria petrolifera locale.

Il principale partner internazionale dell’Angola è la Cina, primo mercato di sbocco delle esportazioni angolane (26 mld. $, pari al 38% del totale) e secondo fornitore del Paese, dopo il Portogallo, con una quota del 18 % delle importazioni angolane (4 mld $) e linee di credito pari a 15 mld $. Seguono gli USA, con importazioni di greggio angolano per 15 mld, esportazioni verso l'Angola per 2 mld $ nel 2012 (il 9.5% del totale) e rilevanti IDE nel settore petrolifero. Il Portogallo costituisce il partner storico dell’Angola, che negli ultimi anni, a seguito della crisi economica è divenuta sempre più strategica per la politica e l’economia lusitane. La comunità portoghese in Angola, presente con 225 mln di euro di IDE, imprese, banche e associazioni,  ha raggiunto, nel 2012, le 130.000 unità, generando un livello record di rimesse verso la madre patria (147 mln di euro nel 2012, il 67% in più rispetto all’anno precedente). Il notevole grado di interconnessione delle due economie è favorito anche dal crescente interscambio commerciale: le esportazioni portoghesi sono aumentate nel 2012 di oltre il 30%, facendo dell’Angola il quarto maggiore destinatario dei prodotti e servizi lusitani, dopo Spagna, Francia e Germania. Inoltre, sono in crescita gli investimenti in Portogallo, passati in pochi anni da 2 a 156 milioni di euro (dato del 2009), tanto che l’Angola controlla il 3.8% delle società quotate alla Borsa di Lisbona. Il Brasile è considerato da Luanda un partner speciale, anche nell’ottica della cooperazione Sud-Sud. L’Angola è il terzo mercato africano per i prodotti brasiliani, mentre il Brasile è il quarto maggior acquirente dell’export angolano. Luanda è il principale beneficiario (3 mld $) a livello internazionale dei crediti derivanti dal Fondo di Garanzia della Banca nazionale di sviluppo economico e sociale (BNDES). Le imprese brasiliane operanti in Angola (circa 200) sono attive prevalentemente nei settori delle costruzioni, minerario ed energetico e godono di linee di credito pari a 5 miliardi di dollari. La Russia intrattiene forti relazioni con il Paese dall’epoca della guerra civile e gode tuttora del vantaggio di aver formato politicamente e culturalmente gran parte dell’establishment angolano. Al momento, Mosca ricopre una posizione importante nel settore delle forniture militari e nel settore minerario attraverso il colosso dell’industria diamantifera Alrosa.

 

Ultimo aggiornamento: 03/04/2013^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ANGOLA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia