Politica interna (ANGOLA)

Le elezioni legislative e presidenziali del 31 agosto 2012, svoltesi secondo le regole dettate dalla nuova Costituzione del 2010, in un clima pacifico e democratico, hanno sancito la riconferma alla guida del Paese del maggiore partito MPLA e dello storico leader Josè Eduardo dos Santos (in carica da 33 anni), con una maggioranza schiacciante pari a poco meno del 72% dei voti. In seconda posizione si è collocato il tradizionale partito antagonista UNITA, con poco più del 18% dei consensi, ma con un risultato quasi doppio rispetto alle precedenti elezioni del 2008; ed altrettanto soddisfacente e’ stato il risultato del nuovo partito CASA-CE, al 6%, nato all’inizio del 2012 da una scissione dell’UNITA. Risultati del tutto marginali sono stati ottenuti dagli altri partiti di opposizione PRS e FNLA. UNITA, CASA e PRS hanno inoltre presentato ricorsi al Tribunale Costituzionale circa presunte irregolarità elettorali, che sono stati respinti. La correttezza e la trasparenza del processo elettorale era peraltro già stata certificata dalle missioni di osservazione inviate da diversi Organismi Internazionali, quali l’Unione Africana, la SADC e la CPLP.

L’MPLA mantiene dunque il saldo controllo del Paese, parlamentare e della vita pubblica, offrendo ampie garanzie di stabilità per gli anni a venire.

Tuttavia, si è registrata una certa flessione del partito di Governo rispetto alle elezioni 2008 (di circa 10 punti percentuali) e un elevato astensionismo (37%), soprattutto nella capitale. Tali fenomeni hanno evidenziato la crescita dell’insoddisfazione in particolare dei ceti più umili, già emersa con alcune manifestazioni pubbliche di dissenso avvenute nell’ultimo anno, duramente represse, che hanno rappresentato una novità assoluta nel panorama politico-sociale. Dette contestazioni, prevalentemente spontanee, sono giunte peraltro da gruppi fortemente minoritari, espressione di ristretti ambienti intellettuali e della nascente media borghesia della capitale.

Le opposizioni, che come detto hanno conseguito soddisfacenti risultati nelle ultime elezioni ed hanno avviato processi interni di riorganizzazione, non sembrano in grado di poter contendere, almeno nel breve e medio periodo, la supremazia dell’MPLA.

Un importante momento di verifica per tutti i soggetti politici potrà essere rappresentato dalle elezioni Amministrative che si dovrebbero tenere nel 2014.

Più in generale, la capacità del partito di Eduardo dos Santos di andare incontro alle esigenze dell’ampia parte di popolazione che ancora vive in condizioni di estrema povertà, così come la gestione degli equilibri interni al partito stesso, rappresenteranno le sfide piu’ importanti per il nuovo Governo.

Ultimo aggiornamento: 25/09/2012^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ANGOLA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia