Perchè TANZANIA


Stabilità politica e alto potenziale di crescita.

Dalla sua indipendenza nel 1961, la Tanzania non è mai stata teatro di guerre civili né di colpi di stato. Il paese è stabile e non si prevedono rischi a breve periodo. I principi del libero mercato sono ormai radicati e l'economia è aperta agli investimenti. il Paese gode di una crescita media del 7%. Il governo è fortemente impegnato a promuovere lo sviluppo industriale del paese tramite il miglioramento delle infrastrutture e le agevolazioni per gli investitori, non senza qualche contraddizione.


Posizione geografica strategica

La Tanzania, con 53,5 milioni di abitanti è il Paese più grande dell'Africa orientale e della Comunità dell'Africa Orientale (EAC). Si affaccia sull'Oceano Indiano ed è la porta commerciale naturale per i sei paesi senza sbocco sul mare che la circondano, ovvero: Repubblica Democratica del Congo, Ruanda, Burundi, Uganda, Malawi e Zambia. Il governo è impegnato a migliorare l'efficenza del porto di Dar es Salaam e a costruire una linea ferroviaria fino ai Grandi Laghi, per rafforzare la propensione di Dar a sbocco naturale della regione.


Ricchezza di risorse naturali.

La Tanzania è dotata di una varietà di risorse naturali, tra cui una costa di 1.424 km, terre arabili, attrazioni turistiche di classe mondiale, risorse naturali e minerarie. Sono abbondanti le gemme preziose e minerali industriali quali carbone, ferro, nichel, minerali, diamanti ed oro. Le riserve di gas naturale nel sud del paese potrebbero essere il più significativo fattore trasformativo dell'economia.


Investimenti e agevolazioni

Il governo sostiene gli investimenti diretti esteri in tutti i settori dell'economia. Il "Tanzania Investment Centre" funge da punto focale per gli investitori al fine di facilitare, coordinare e promuovere gli investimenti nel Paese. Gli investimenti in Tanzania sono garantiti contro la nazionalizzazione e l'espropriazione grazie ad alcuni accordi di protezione e promozione degli investimenti, come la Multilateral Investment Guarantee Agency (MIGA), della quale la Tanzania è membro. L'Italia è firmatario di un accordo bilaterale di protezione degli investimenti.


Importanza del Paese per l'Italia

Nel 2018 l´interscambio commerciale tra Italia e Tanzania ha registrato un totale di 132 milioni di euro, con un forte aumento dell'export italiano (94,4 milioni, +36,1%) e una riduzione dell'import dalla Tanzania (37 milioni, -10.8%). Queste tendenze si sono accentuate nei primi sei mesi del 2019. Le esportazioni italiane verso la Tanzania sono costituite da macchinari, prodotti meccanici e metallurgici, mentre la Tanzania esposta caffé, té, pesce. Gli investimenti italiani si concentrano per la maggior parte in campo turistico-alberghiero, soprattutto a Zanzibar.


Ultimo aggiornamento: 14/10/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché TANZANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TANZANIA

AMBASCIATA DAR-ES-SALAAM