Nuovo hub ICT

Nuovo hub ICT "Vilnius Tech Park"

E' stato inaugurato il nuovo hub ICT "Vilnius Tech Park", il più grande della regione baltico-scandinava. Il parco si estende su 80.000 metri quadrati ed e’ in grado di accogliere 700 postazioni di lavoro per liberi professionisti e start-up.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Gennaio - settembre 2016: crescita del commercio bilaterale del 13,4%

Gennaio - settembre 2016: crescita del commercio bilaterale del 13,4%

Crescita delle nostre esportazioni pari al 16,9% che passano da 848,9 mln euro nel periodo gennaio-settembre del 2015 a 992,4 mln euro nello stesso periodo del 2016. Surplus favorevole per 628,3 mln/euro. L’Italia si colloca al 5° posto.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Conferenza internazionale della neonata Associazione degli Aeroporti lituani

Conferenza internazionale della neonata Associazione degli Aeroporti lituani

Conferenza internazionale, inerente la concessione dell’Associazione degli Aeroporti lituani, organizzata da questo Ministero dei Trasporti e gli Aeroporti Lituani, che si terrà il prossimo 21 settembre presso l’Aeroporto di Vilnius.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Lancio della nuova area industriale presso l’Aeroporto di Vilnius

Lancio della nuova area industriale presso l’Aeroporto di Vilnius

L’aeroporto di Vilnius investirà 7 mln di euro per la creazione della zona industriale, progettata per le aziende che operano nel settore del trasporto aereo.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Proposta di legge per l'attrazione di talenti imprenditori stranieri in Lituania

Proposta di legge per l'attrazione di talenti imprenditori stranieri in Lituania

Su impulso dell'Agenzia per la promozione degli investimenti stranieri "Invest Lithuania" e sentita la comunita' imprenditoriale estera, il governo ha varato una serie di proposte volte ad incentivare il trasferimento in Lituania di imprenditori e ta

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Gli IDE in Lituania nel 2015

Gli IDE in Lituania nel 2015

Nel 2015 si registra una ripresa degli investimenti diretti esteri in Lituania. Il principale investitore in Lituania rimane la Svezia seguita dalla Svizzera. Gli IDE italiani in Lituania rimango deboli.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Homepage LITUANIA

Dopo due anni di vigorosa crescita del nostro export, si registra un forte decremento dell’interscambio commerciale italo lituano nella misura del 7,4%, che passa dal 1,75 miliardi di Euro del 2014 al 1,63 miliardi di Euro del 2015. Le esportazioni italiane sono diminuite da 1,30 mld/euro del 2014 a 1,15 mld/euro del 2015 con un calo percentuale pari al 12,8%. Le esportazioni lituane verso L’Italia sono passate da 451 Mln di Euro del 2014 a 477 Mln di Euro del 2015 con una crescita del 5,5%. Il surplus di bilancia commerciale rimane a favore dell’Italia per 678 mln/euro (era di 851 mln/euro nel 2014).

Di seguito le principali voci dell’export italiano, in valore ed in percentuale, sul totale del nostro export:

  • macchinari, applicazioni meccaniche ed accessori per 306,3 mln/euro (pari al 26,5% del nostro export, in calo del 12,9% rispetto ai 345,9 mln/euro del 2014);
  • tessuti e articoli tessili per 123,9 mln/Euro (10,7% dell’export con un -35,4% rispetto ai 168,8mln/euro del 2014);
  • veicoli, aerei, navi, altre attrezzature di trasporto per 117 Mln di Euro (10,1% dell’export con un +4,4% rispetto ai 111 mln/euro del 2014);
  • metalli di base e prodotti di metallo per 96,3 mln/euro (8,3% dell’export con un -8,2% rispetto ai 104,2 mln/euro del 2014);
  • preparati alimentari; bevande, spiriti, aceti; tabacchi e succedanei del tabacco lavorati per 84,8 mln/euro (7,3% dell’export con un -13% rispetto ai 95,8 mln/euro del 2014);
  • prodotti delle industrie chimiche e delle industrie connesse per 73,2 mln/Euro (6,3% dell’export con un -3,7% rispetto ai 75,9 mln/euro del 2014);
  • plastica ed articoli in plastica; caucciù ed articoli di caucciù per 68,9 Mln di Euro (5,9% dell’export ed in crescita dell’1,2% rispetto ai 68,1 mln/euro del 2014);
  • manufatti vari per  60,1 mln/euro (5,2% dell’export con un -14,7% rispetto ai 68,9 mln/euro del 2014);
  • prodotti di origine vegetale per 58,8 mln/euro (5,1% dell’export con -25,9% rispetto ai 74,1 mln/euro del 2014);
  • lavori di pietre, gesso, cemento, amianto, mica o materie simili; prodotti ceramici; vetro e lavori di vetro per 32,2 mln/euro (2,8% dell’export e con un -29,5% rispetto ai 41,6 mln/euro del 2014);
  • calzature, copricapi, ombrelli, etc. per 31,2 mln/euro (2,7% dell’export con un calo del 7,4% rispetto ai 33,5 mln/euro del 2014);
  • pelli, cuoio, pelli da pellicceria; oggetti di selleria e finimenti; oggetti da viaggio, borse, contenitori simili per 26,2 mln/euro (2,3% dell’export e con un +7,3% rispetto ai 24,3 mln/euro del 2014);
  • paste di legno o di altre materie fibrose; carta o cartone da riciclare (avanzi o rifiuti); carta e sue applicazioni per 24,9 mln/Euro (2,2% dell’export con un -72,8% rispetto ai 43,1 mln/euro del 2014);
  • strumenti ed apparecchi di ottica, per fotografia e per cinematografia, di misura, di controllo o di precisione; strumenti ed apparecchi medico-chirurgici; orologeria; strumenti musicali; parti ed accessori di questi strumenti o apparecchi per 23,8 mln/euro (2% dell’export e con una crescita del 15,1% rispetto ai 20,2 mln/euro del 2014);
  • legno, carbone di legna e lavori di legno; sughero e lavori di sughero per 14,8 mln/euro (1,3% dell’export e con un +12,2% rispetto ai 12,9 mln/euro del 2014);

Nel 2015 nella maggior parte dei settori, fatta eccezione dei comparti veicoli, plastica, pelli, legno, ottica e pietre preziose, si è registrata una diminuzione dei volumi dell’export italiano. Particolarmente vistosa la decrescita per il settore ortofrutticolo, carta ed articoli in carta, prodotti di origine vegetale, tessuti e articoli tessili. Preoccupante anche la decrescita del settore macchinari, tradizionale punto di forza del nostro export in Lituania.

Sul lato delle esportazioni lituane verso l’Italia, pari a 477 mln/Euro ed una crescita del 5,9% rispetto al 2014, le principali voci merceologiche sono state nell’ordine: prodotti lattiero-caseari (per 77,3 Mln di Euro in calo del 15,3%), seguiti da legno grezzo e lavorato (per 48,9 Mln di Euro con un -0,3%), pesci e crostacei (per 45,1 Mln di Euro con un +34,3%), mobili (per 42,8 Mln di Euro con un +8,3%), apparati elettrici (per 32,1 mln/Euro con un +8,9% ), prodotti ed articoli in plastica (per 23,4 mln/Euro con un -10%), carni (20,7 mln/Euro con un +19,7%).

 

 


Perché LITUANIA

Posizione
Grandi opere
Manodopera qualificata e a basso costo
Ottima infrastruttura ICT
Incentivi agli investimenti esteri
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici
  • Altre attività dei servizi
  • Attività amministrative e di servizi di supporto
  • Macchinari e apparecchiature
  • Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi
In dettaglio

Cosa vendere

  • Macchinari e apparecchiature
  • Prodotti alimentari
  • Bevande
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Costruzioni
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
07/04/201709/04/2017Litexpo parodu rumai, Laisves pr. 5, Vilnius 04215Camera di Commercio Italo-LituanaIl salone internazionale dell'industria di bellezza - PELENE 2017

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché LITUANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia