02/05/2016 - Secondo le prime stime il PIL USA cresce dello 0,5% nel primo trimestre 2016

Secondo le prime stime il PIL USA cresce dello 0,5% nel primo trimestre 2016

Secondo le prime stime, nel primo trimestre del 2016 il PIL statunitense ha rallentato allo 0,5% in ragione d'anno (dall'1,4), il valore piu' basso degli ultimi due anni e lievemente al di sotto delle attese degli analisti (+0,7%). L'attivita' economica e' stata sostenuta dai consumi privati (+1,9% da 2,4%), dagli investimenti fissi residenziali (+14,8% da 10,1%) e dalla spesa pubblica (+1,2% da 0,1%), mentre sono diminuiti gli investimenti fissi non residenziali (-5,9% da -2,1%) e le esportazioni nette (-2,6% da -2%), sottraendo ciascuno 0,3 punti percentuali alla crescita.

Di certo, nel valutare questi dati e' bene tenere presente che si tratta di stime preliminari, suscettibili di revisioni talvolta rilevanti. Inoltre, negli ultimi due anni i dati del primo trimestre sono stati notevolmente inferiori a quelli dei trimestri successivi (-0,9% nel 2014 e +0,6% nel 2015 a fronte di una crescita annua del 2,4%), verosimilmente anche per effetto di fattori statistici (stagionalita' residua). Il peggioramento dell'economia nel primo trimestre 2016 riflette principalmente il rallentamento dei consumi e la debolezza degli investimenti, in linea con le indicazioni fornite dai dati anticipatori diffusi nei mesi scorsi.

La decelerazione del PIL era attesa anche dalla Federal Reserve che ha sottolineato i continui progressi verso la piena occupazione uno dei due obiettivi della banca centrale malgrado il rallentamento dell'attivita' e ha lasciato invariati i tassi di interesse ma ha confermato l'orientamento a un loro graduale rialzo gia' a partire dalla prossima riunione di giugno, qualora i dati indicheranno ulteriori progressi sul duplice fronte dell'occupazione e dell'inflazione.

Segnali incoraggianti in questa direzione provengono dai piu’ recenti dati sulle richieste dei sussidi di disoccupazione e sui redditi personali: le prime sono diminuite a 256.000 (media mobile delle ultime 4 settimane), il livello piu' basso da dicembre 1973, mentre il reddito reale disponibile e' cresciuto (2,9%, da 2,3 nel trimestre precedente), creando le premesse per una possibile accelerazione dei consumi personali nei prossimi mesi.  


Addetto finanziario - Ambasciata d'Italia a Washington
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché USA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in USA

CONSOLATO GENERALE BOSTON (Massachusetts)CONSOLATO GENERALE CHICAGO (Illinois)CONSOLATO DI PRIMA CLASSE DETROIT (Michigan)CONSOLATO GENERALE FILADELFIA (Pennsylvania)CONSOLATO GENERALE HOUSTONCONSOLATO GENERALE LOS ANGELES (California)CONSOLATO GENERALE MIAMI (Florida)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE NEW YORKCONSOLATO GENERALE SAN FRANCISCO (California)AMBASCIATA WASHINGTON