Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Rischi economici (NORVEGIA)


Negoziati con il Regno Unito per il dopo-Brexit, insieme agli altri paesi EFTA-EEA. .

I due principi di fondo cui si attiene Oslo nei negoziati post-Brexit sono, da un lato, la volontà di mantenere i già stretti rapporti con Londra, estendendoli ai settori con maggiori potenzialità di sviluppo e, dall'altro, la determinazione ad evitare che la Brexit incida su forti legami della Norvegia con l'UE. E' stato concluso con Londra un accordo temporaneo che estende fino a dicembre 2020 buona parte delle libertà previste dall'Accordo sul SEE (in particolare sui "citizens' rights" e sul libero commercio). Sono da alcuni mesi in corso negoziati con Londra per dare un assetto più definitivo e stabile alle relazioni bilaterali per il dopo-Brexit (insieme agli altri paesi EFTA-EEA).

Superamento, a partire dal 2017, della fase di rallentamento economico. Incertezze legate alla crisi da Covid-19. .

La Norvegia era uscita, a partire dal 2017, dalla fase di rallentamento economico del 2014-2016 grazie ad un Pil cresciuto dell'1,9% nel 2017, dell'1,5% nel 2018 e dell'1,2% nel 2019. ed alla soddisfacente performance del Fondo petrolifero, utilizzato in funzione anti-crisi. La crisi da Covid-19 ha tuttavia finora prodotto una contrazione dell'economia che gli analisti prevedono protrarsi fino alla fine del 2020. Per farvi fronte. il tasso di interesse ufficiale è stato portato allo 0% e l'esecutivo ha varato agli inizi del 2020 ingenti misure di sostegno economico, incentrate sull'aiuto alle imprese, ai lavoratori ed alle fasce sociali più deboli. La loro finalità è di contenere al massimo la contrazione dell'economia.

N.D.

N.D.

N.D.

N.D.

La Norvegia e' un paese altamente stabile

Il rating dei titoli di stato norvegesi in valuta locale (rischio sovrano) sul mercato internazionale e' quello massimo (Moody's: Aaa), con outlook stabile. Il quadro macro-economico è reso più stabile, nonostante la crisi socio-economica dovuta al Covid-19, dalla rilevante consistenza del fondo sovrano petrolifero e dall'andamento "controllato" di alcuni indicatori economici quali l'inflazione, il debito pubblico e la dinamica salariale.

Ultimo aggiornamento: 01/07/2020