X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

21/10/2014 - Discorso del Presidente Dos Santos sullo “stato della Nazione”.

Discorso del Presidente Dos Santos sullo “stato della Nazione”.

1.Da un punto di vista socio-politico il Capo dello Stato ha ricordato che le basi della democrazia angolana vanno ricercate nella  tolleranza, nella stabilita’, nell’unita’ nazionale e nel reciproco rispetto. Le istituzioni democratiche si vanno sempre piu’ consolidando ed ha elogiato il ruolo svolto dai partiti, dalla societa’ civile e dalla Chiesa.

Il Presidente ha quindi ricordato i successi conseguiti nella lotta alla mortalita’ infantile, nell’aumento dell’aspettativa di vita, nella diminuzione della poverta’ e nell’alfabetizzazione pur non nascondendo che molto resta ancora da fare soprattutto in materia di educazione e formazione delle giovani generazioni. Di contro ha evocato la criminalita’ e l’immigrazione clandestina. Il Capo dello Stato ha tenuto anche a sottolineare che, a livello interno, sono state adottate le misure adeguate per la prevenzione e il controllo dell’epidemia di Ebola.

Dos Santos ha quindi fornito i primi dati sul censimento di maggio scorso dal quale risulterebbe che la popolazione angolana e’ pari a 24.300.000  unita’ (52% le donne) con una concentrazione a Luanda di 6,5 milioni di abitanti.

2. Con riferimento alla situazione economica, il Capo dello Stato ha ammesso che gli introiti petroliferi hanno subito un calo a causa di una diminuzione nella produzione (meno 10% rispetto ai preventivati 1.815.000 barili al giorno) ma anche a seguito della contrazione del prezzo internazionale  del greggio (ipotizzato nel bilancio dello stato a 98 dollari e che oscilla attualmente fra 81 e 85 dollari). L’inflazione nei primi mesi dell’anno e’ scesa al 6,9% ma il tasso di crescita dell’economia angolana per il 2014, inizialmente previsto nell’ordine del 6,7%, non potra’ essere raggiunto. Anche perche’ la contrazione degli introiti petroliferi (meno 3,5%) verra’ solo in parte compensata dalla crescita dell’economia non oil  (+ 8,2%). Un’inversione di tendenza ed un aumento della produzione petrolifera sono previsti per il 2015.

Dos Santos ha  quindi affermato che tale situazione avra’  conseguenze sul bilancio pubblico ed ha annunciato misure di “razionalizzazione della spesa” nonche’ una revisione del sistema impositivo. Ha poi rivendicato  l’impegno del governo nello sviluppo infrastrutturale (strade, aeroporti, ferrovie, TLC compreso il progetto per il satellite ANGOSAT), auspicando nuovi investimenti  angolani ed esteri con particolare attenzione al settore dell’agroindustria. Non e’ mancato infine un richiamo alla necessita’ di diversificare l’economia, condizione indispensabile per la crescita del paese.

Notizia segnalata da
Ambasciata d'Italia - ANGOLA