X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

28/03/2023 - Mauritania - Prestito Ifad per comunitÓ rurali emarginate

Mauritania - Prestito Ifad per comunità rurali emarginate

Nouakchott – Il Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (Ifad) e il governo della Mauritania hanno firmato un accordo per un prestito di 5 milioni di euro. I fondi serviranno a finanziare il Programma congiunto del Sahel in risposta alle sfide del Covid-19, dei conflitti e del cambiamento climatico (SD3C G5 Sahel + Senegal). L’accordo è stato firmato dal presidente dell’Ifad Alvaro Lario e dal ministro mauritano dell’Economia e della Promozione dei Settori Produttivi, Ousmane Mamoudou Kane.

In Mauritania, il programma congiunto SD3C G5 Sahel + Senegal raggiungerà 7.500 famiglie con circa 45.750 partecipanti, di cui il 50% donne e il 40% giovani. I partecipanti – si legge in una  nota dell’Ifad – sono principalmente piccoli produttori agricoli e allevatori vulnerabili, altamente esposti alle crisi, nonché fasce di popolazione emarginate come le donne senza mezzi di sussistenza e i giovani disoccupati.

Il programma faciliterà l’accesso dei piccoli produttori a sementi tradizionali di qualità per le colture cerealicole di base (sorgo, miglio piccolo e mais). Contribuirà inoltre alla riabilitazione delle infrastrutture di mercato, al miglioramento delle strade di collegamento e alla riabilitazione o alla costruzione di 16 piccole unità economiche per la raccolta e lo stoccaggio dei prodotti agricoli. Almeno 100 progetti di giovani e donne identificati e sostenuti da organizzazioni professionali saranno finanziati sulla base dei loro business plan.

Le attività del programma si concentreranno su cinque comuni nei dipartimenti di Kobenni e Djiguenni, che sono anche coperti dal Progetto per la gestione sostenibile delle risorse naturali, le attrezzature comunali e la strutturazione dei produttori rurali (Progres), sostenuto dall’Ifad.

In Mauritania la percentuale di popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà raggiunge il 40% nelle aree rurali del sud, dove si concentrano gli interventi dell’Ifad, a causa degli effetti negativi del cambiamento climatico sulle basi strutturali dello sviluppo economico. Circa il 75% dei poveri vive nelle aree rurali, dove la prevalenza della povertà è dovuta principalmente alle scarse prestazioni del settore agricolo.

Il programma quinquennale SD3C G5 Sahel + Senegal mira a rafforzare la resilienza delle popolazioni rurali più vulnerabili della regione del Sahel in modo sostenibile, al fine di mitigare gli effetti della crisi innescata dalla pandemia, dai conflitti e dai cambiamenti climatici. Il raggiungimento di questo obiettivo si concentrerà su tre componenti: aumento della produttività e della produzione; integrazione economica; dialogo politico, coordinamento e gestione.

Notizia segnalata da
Internationalia - www.internationalia.org
/*WEB ANALYTICS ITALIA*/ /*GOOGLE ANALYTICS*/