X Chiudi
Governo Italiano
Governo Italiano

Breadcumbs

Dove investire (AUSTRALIA)


Costruzioni

La spinta derivante dalla crescente integrazione economico-commerciale dell’Australia con le dinamiche economie del Sud Est Asiatico, rafforzata dalla firma degli accordi per la Trans Pacific Partnership, ha contribuito all’avvio di imponenti programmi di investimento nei settori delle infrastrutture e dei trasporti, che aprono opportunità commerciali per l’imprenditoria italiana, ed ha avuto importanti riflessi anche sul settore immobiliare. La crescita economica, l’incremento della popolazione (secondo recenti stime la popolazione crescerà oltre i 40 milioni entro il 2040, con un fabbisogno di nuove unità abitative stimato tra i 500.000 e 700.000 ) e i crescenti flussi commerciali hanno spinto le autorità australiane a sviluppare ambiziosi piani pluriennali di sviluppo ed ammodernamento delle infrastrutture. Sotto il profilo dello sviluppo urbanistico e del settore immobiliare, si devono anche considerare futuri progetti nell’ambito delle costruzioni di tipo commerciale e/o pubblico/sociale (centri commerciali, ospedali, posti di polizia, uffici postali, etc.). Il comparto dell’edilizia (includendo anche le ristrutturazioni di immobili esistenti)  ha raggiunto in Australia, nel corso dell’anno fiscale 2018-2019, un giro d’affari complessivo di 365,4 miliardi AU$ (237,5 miliardi di €). Anche il settore delle infrastrutture e deo trasporti e’ stimato in crescita del 2.1% annuo per i prossimi 5 anni, con un fatturato previsto al 2023-2024 di 31 Mld AU$. Nell’anno finanziario 2018-2019 il volume degli investimenti nel settore ha raggiunto quota 28.6 Mld AU$. A tale riguardo, si segnalano i maggiori progetti infrastrutturali in costruzione (NorthConnex e WestConnex a Sydney e WestGate Tunnel a Melbourne). Sul fronte del trasporto ferroviario, si segnala il corridoio Melbourne-Brisbane Inland Rail (un grande progetto infrastrutturale per il trasporto delle merci al quale e' confermato lo stanziamento di ulteriori 9.3 miliari di dollari per i prossimi 8 anni) e il National Rail Program (NRP) su cui il governo australiano intende investire $ 10 Mld in un periodo di 10 anni e che consiste in una serie interventi tesi a migliorare i collegamenti ferroviari tra le città principali e i centri regionali circostanti.   Per quanto riguarda il trasporto aereo si fanno presenti progetti di sviluppi aeroportuali quali: il Western Sydney International Airport (complessivamente 5.3 miliari di dollari); il Melbourne Airport Rail Link (5 Mld) e Western Sydney Rail (3.5 miliari di dollari).   Opportunita’ per le imprese italiane Partecipazione a commesse pubbliche per ammodernamento e progettazione della rete viaria urbana ed extraurbana e della rete ferroviaria per trasporto di merci e persone. Fornitura di strutture per la cantieristica: gru, ascensori e piattaforme sollevabili, macchine movimentazione terra, materiale edile.

Spazio e Difesa. Nell’aerospazio il governo intende investire oltre 20 Mld AU$. Peraltro si segnala che SITAEL, azienda italiana, ha siglato un contratto con Inovor Technologies per sostenere formalmente il progetto. Nel settore militare, in particolare in ambito navale, il Governo federale ha condotto importanti gare d’appalto: la maxi commessa da 50 Mld di dollari aggiudicata all’impresa francese DCNS per la costruzione di 15 sottomarini e 35 Mld di dollari per la nuova flotta di fregate vinta dalla britannica BAE System.

Principali aziende del settore
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.brookfieldmultiplex.com
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.laingorourke.com
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.downergroup.com
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.transfieldservices.com
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.ugllimited.com
  • Fatturato: Da 10 a 15 milioni di €
  • Sito Internet: www.leighton.com.au
  • Fatturato: Da 10 a 15 milioni di €
  • Sito Internet: www.lendlease.com
Prodotti delle miniere e delle cave

L’Australia è leader mondiale dell’industria mineraria e detiene le più vaste risorse al mondo di piombo, nichel, uranio e zinco, ed e’ il maggiore produttore di bauxite e alluminio nonché il principale esportatore di carbone e materiali ferrosi. É, inoltre, rilevante la produzione di oro e diamanti. La preoccupazione per le emissioni di carbone, che hanno pesanti conseguenze sul tasso d’inquinamento atmosferico, portano a tendenze alla conversione da questo tipo di tecnologia verso l’LNG (gas naturale).Dopo un enorme incremento della produzione di LNG, con percentuali annuali di crescita nell’ordine del 20%, la futura produzione non dovrebbe discostarsi da quelle attuale, con stime dello 0,2% annuo. La produzione stimata al 2023-24 è di 78.9 milioni di tonnellate.

Il settore minerario ed energetico rappresenta quasi il 60% delle esportazioni australiane. 

Opportunità per le imprese italiane
In un contesto mondiale di flessione dei prezzi delle materie prime, fattore principale per gli operatori australiani per rimanere competitivi saranno la riduzione dei costi e l’innovazione tecnologica nei processi estrattivi: questo puo’ rappresentare un’opportunita’ per le aziende italiane attive nel comparto energetico, soprattutto LNG, per ricerca, estrazione, stoccaggio e trasporto attraverso la rete di gasdotti e oleodotti. Opportunita’ da cogliere anche da parte di aziende di costruzione di valvole industriali, pompe, compressori, turbine a gas e strumenti di controllo.

Principali aziende del settore
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.conocophillips.com.au
  • Fatturato: Da 40 a 45 milioni di €
  • Sito Internet: www.riotinto.com.au
  • Fatturato: Da 15 a 20 milioni di €
  • Sito Internet: www.xstrata.com
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.bluescopesteel.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.originenergy.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.woodside.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.fmgl.com.au
  • Fatturato: Da 10 a 15 milioni di €
  • Sito Internet: www.shell.com.au/
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.chevronaustralia.com
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.newcrest.com.au
  • Fatturato: Oltre 50 milioni di €
  • Sito Internet: www.bhpbilliton.com
Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)

L’Australia è fra i principali utilizzatori di energia da fonti rinnovabili.
Il Governo australiano ha varato nel 2000 un piano di conversione energetica a favore delle rinnovabili con la definizione di un target di produzione, il Renewable Energy Target (RET), imponendo che entro il 2020 almeno il 20% dell’energia elettrica prodotta nel Paese provenga da fonti rinnovabili. Tale Target è stato rivisto recentemente, incrementandolo del 23.5%, entro il 2020, per una produzione complessiva di 33000 Gigawatt-ora (GWh). La revisione ha inoltre introdotto le biomasse (da residui di legno da foresta) quali fonti rinnovabili che possono rientrare nel calcolo RET, ed è stato meglio definito il quadro regolamentare del settore energetico. All’inizio del 2018 il CER (Clean Energy Regulator) ha annunciato un numero di progetti a stadio avanzato tale per cui l’obiettivo RET sara’ molto probabilmente raggiunto. Il governo australiano ha dunque dato chiare indicazioni di voler puntare maggiormente sulle energie rinnovabili, in un’ottica di diversificazione del mix energetico. L’attuale legislazione reintroduce gli incentivi alla produzione di energia da fonti rinnovabili e sono confermati altresi’ gli incentivi all’installazione di sistemi approvati sia per uso domestico che per piccole/medie industrie ed attivita’ commerciali.
Tutte le fonti da rinnovabili (eolica, solare fotovoltaico, geotermica e da corrente marina) sono presenti in Australia, anche se per la corrente marina esiste al momento una sola centrale operativa in Western Australia. Di recente, Enel Green Power, società del Gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili, e Carnegie Clean Energy Limited, azienda australiana specializzata nello sviluppo di energie rinnovabili, hanno siglato un accordo di collaborazione volto a sviluppare e testare CETO 6, un sistema messo a punto dall’azienda australiana per generare energia dal moto ondoso.
Il settore di punta per la produzione su larga scala di energia da fonte rinnovabile resta l’eolico, che genera il 79.4 % del totale prodotto. Seguono il settore delle biomasse con il 19.5% del totale ed il solare con l’1% del totale. Considerando altresì gli apparati per uso residenziale/commerciale, la produzione totale di energia da fonte solare raggiunge il 16.2% del totale prodotto.

In termini di previsioni, la crescita registrata negli scorsi anni è confermata anche per il prossimo quinquennio. Tuttavia, l’incertezza che grava sul mantenimento dei pacchetti a sostegno dell’industria, compresi gli incentivi governativi, potra’ incidere sulla crescita stimata del comparto. Tale incertezza sembra pero’ essere stata ridimensionata dalle ultime indicazioni del governo federale, a favore del mantenimento degli incentivi.
Altro fattore che potrebbe incidere sugli investimenti nel settore è l’elevato costo delle nuove tecnologie per la produzione di energia elettrica da rinnovabili. Al momento sono allo studio ulteriori forme di incentivazione della produzione, anche di fonte domestica, finalizzate alla rivendita alle principali reti distributive.
In definitiva, il mercato australiano delle energie rinnovabili è di interesse per le aziende italiane da molti punti di vista, come dimostrato dalla recente operazione di Enel Green Power, in quanto caratterizzato da abbondanza di fonti rinnovabili e da domanda crescente di energie verdi, con infrastrutture di rete ed un quadro regolatorio che resta stabile.

Opportunita’ per le imprese italiane
Uno degli aspetti più interessanti è relativo alle nuove necessita’ di accumulo dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. Finora gran parte dell’energia prodotta doveva essere subito utilizzata in quanto i sistemi di accumulo non offrivano un’adeguata capacità di tenuta. È pertanto il mercato delle batterie/accumulatori per lo stoccaggio di tale energia che offre reali opportunita’. Da questo punto di vista è il settore automobilistico che al momento offre soluzioni di avanguardia. È recente l’annuncio che due grandi aziende, una specifica del settore automobilistico (Tesla) ed una del settore delle batterie elettriche (Enphase), stiano procedendo alla introduzione in Australia dellle loro batterie ad alta capacita’ dedicate alle energie rinnovabili. Gia’ adesso i sistemi eolici o fotovolatici sono offerti corredati da batterie di nuova generazione.

Principali aziende del settore
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.res-australia.com.au
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.energyaustralia.com.au
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.meridianenergy.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.acciona.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.epuron.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.snowyhydro.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.windprospect.com/contact?c=1
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.csenergy.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.pacifichydro.com.au
  • Fatturato: Fino a 1 milione di €
  • Sito Internet: www.cbdenergy.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.agl.com.au
Attività finanziarie e assicurative

Il settore finanziario contribuisce al 9.5% del PIL australiano e impiega direttamente il 3,6% della forza lavoro. I principali punti di forza del settore sono: la robusta capitalizzazione e l’elevato “rating” del sistema bancario. Le principali quattro banche australiane (National Australian Bank, Commonwelth Bank, Australia and New Zealand Banking Group e Westpac Banking Group) detengono un “rating” AAA.

Principali aziende del settore
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.macquarie.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.gecapital.com.au/
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.axa.com.au
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.medibank.com.au
  • Fatturato: Da 1 a 5 milioni di €
  • Sito Internet: www.bupa.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.iag.com.au
  • Fatturato: Da 5 a 10 milioni di €
  • Sito Internet: www.amp.com.au
  • Fatturato: Da 10 a 15 milioni di €
  • Sito Internet: www.suncorp.com.au
  • Fatturato: Da 10 a 15 milioni di €
  • Sito Internet: www.qbe.com.au
Macchinari e apparecchiature

L’Italia e’ gia’ con successo presente in Australia nel settore dei macchinari per la lavorazione degli alimenti, essendo leader nelle importazioni di macchinari e dispositivi per la preparazione di bevande calde e cottura alimenti, macchinari ed apparecchi per la preparazione di frutta e ortaggi, frigoriferi, macchine per panificazione, pasta e pasticceria; margini ulteriori possono arrivare dai macchinari per imbottigliamento, impacchettamento/imballaggio. Soprattutto da segnalare le potenzialita’ per i macchinari industriali per la lavorazione delle carni, data la rilevanza del settore all’interno del comparto e nel quale l’Italia esporta in Australia per soli 3 milioni di Euro.

Principali aziende del settore
  • Sito Internet: www.abigroup.com.au
  • Note: Manutenzione convogli,fornitura facilities per vettori, costruzione
    stazioni e ferrovie.
  • Sito Internet: www.downergroup.com
  • Note: Produzione treni passeggeri e cargo,
    manutenzione linee ferroviarie, costruzione metropolitane leggere.
  • Sito Internet: www.leightoncontractors.com.au
  • Note: Costruzione linee leggere e sopraelevate,segnaletica e binari,
    manutenzione.
  • Sito Internet: www.rhombergrail.com.au
  • Note: Costruzione binari,manutenzione rotaie,
    sistemi di segnaletica.
  • Sito Internet: www.thermit.com.au
  • Note: Fornitura di cesoie ultraleggere idrauliche o meccaniche per i binari,
    servizi per la manutenzione rotaie.
Ultimo aggiornamento: 29/12/2020