Flussi turistici: KAZAKHSTAN verso l'Italia

Tra le destinazioni europee l'Italia è sicuramente una delle destinazioni privilegiate grazie al patrimonio storico-culturale e al prodotto turistico ricco e articolato. L'Italia si colloca ai vertici tra le destinazioni europee, con Spagna, Francia e  Repubblica Ceca essendo distanziata solo dalla Germania, dove tuttavia molti cittadini kazakhi si recano a visitare i parenti: dopo la dissoluzione dell'URSS e dell'acquisizione dell'indipendenza da parte di Kazakhstan numerosi cittadini kazaki discendenti dei Tedeschi del Volga deportati durante il periodo sovietico sono emigrati in Germania come loro "patria storica".

Il Kazakhstan è un Paese con un considerevole potenziale di turismo outgoing verso l’Italia, ma il numero di turisti in grado di potersi  permettere economicamente un viaggio in Italia per oggi è abbastanza limitato. 

Circa il 10% della popolazione ha un reddito molto elevato traendo profitto delle materie prime la cui vendita costituisce la base dell’economia kazaka e il 20 % ha un reddito medio. Tali potenziali acquirenti di servizi turistici non sembrano richiedere una particolare opera di promozione del nostro Paese visto che conoscono già le località più esclusive della penisola, dove senza difficoltà possono affittare ville per loro stessi e per le loro famiglie.

Il turismo di massa non potrà raggiungere in breve tempo alte cifre a causa dei costi abbastanza elevati di un pacchetto turistico medio. La svalutazione del Tenge avvenuta nel 2015 ha continuato a influenzare negativamente anche nel corso del 2016 la capacità della maggior parte dei turisti kazaki di permettersi una vacanza all'estero che ha portato come conseguenza l'ulteriore calo della richiesta di tutte le destinazioni turistiche mentre il turismo del segmento di lusso e individuale non ha subito alterazioni significative. Il calo dei flussi verso l'Italia ha costituito il -27,1%. Per i primi 7 mesi del 2017 si e’ registrato, invece, una incoraggiante ripresa pari al +37%.

Un notevole ostacolo è rappresentato dalla mancanza di voli diretti che, associata alla lontananza del Kazakhstan dall’Europa, rende alquanto elevato il prezzo del biglietto aereo e scarsamente competitivo oltre alla lunga durata e scomodità del viaggio che svantaggia l'arrivo in Italia delle famiglie con bambini.

La destinazione Italia/Europa è sfavorita anche della necessità di richiedere il visto d'ingresso il che spiega in parte l'enorme differenza tra i flussi turistici verso il nostro Paese confrontati con quelli verso la Turchia o verso gli Emirati arabi (9.148 in Italia contro 317.990 in Turchia e 230.927 negli Emirati Arabi) che non richiedono il visto. 

In particolare l'apertura di collegamenti aerei diretti tra l'Italia e Kazakhstan, ma anche lo snellimento della procedura di ottenimento del visto e una adeguata campagna promozionale aprirebbero una nuova pagina nel turismo kazako verso il nostro Paese.

Ultimo aggiornamento: 04/08/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché KAZAKHSTAN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in KAZAKHSTAN

AMBASCIATA NUR SULTAN