Flussi turistici: Italia verso TANZANIA

La Tanzania è un paese ricco di meraviglie naturali da ammirare e visitare ed il settore turistico è ormai da anni una consolidata fetta dell’economia nazionale.

Secondo La Tanzania Economic Survey  nel 2016, il numero dei turisti in Tanzania è cresciuto del 12,9%, arrivando ad un totale di 1.284.279 rispetto ai 1.137.182 registrati nel 2015.

Gli italiani in arrivo nel paese sono stati 50.715, in diminuzione del 6% rispetto all’anno scorso ma di poco al di sotto della media degli ultimi 5 anni (52.000). I nostri connazionali sono il 12% dei 408 mila europei che visitano il paese. La nostra quota percentuale è andata assottigliandosi negli ultimi anni ma ciò unicamente in termini percentuali, questo stato di cose è imputabile ad un costante incremento nel numero di europei(5.6% annuo).

Esistono voli stagionali dai principali aereoporti italiani diretti a Zanzibar (Meridiana Fly e Neos Air) ma sono totalmente focalizzati sui movimenti dei turisti verso quell'isola. Infatti il 25% dei turisti europei a Zanzibar sono italiani.

I punti di accesso per il paese sono prevalentemente i tre aeroporti internazionali, Dar es Salaam, Zanzibar e Kilimanjaro. Tuttavia il 99% degli arrivi via nave si registra a Zanzibar, ed una quota considerevole degli arrivi via terra si registra dai paesi confinanti.

I turisti prediligono Zanzibar (26% del totale) e Ngorongoro (22%), ma molti di essi visitano anche i parchi nazionali. Nell’ultimo anno le visite ai siti naturalistici tanzani sono state 990.000 delle quali 551.000 di stranieri. I parchi maggiormente preferiti dagli stranieri sono Serengeti (39.51%), Tarangire (17.84%) e il lago Manyara (13.13%). Inoltre, la Tanzania ha sei siti di patrimonio mondiale dell'UNESCO, di cui due siti culturali e quattro siti naturali tra i quali spiccano: Stone Town a Zanzibar, le rovine di Kilwa Kisiwani, le rovine di Songo Mnara e la riserva di caccia del Selous.

La Tanzania vanta un record di protezione ambientale mondiale, il 25% del suo territorio è difatti soggetto a varie forme di tutela, questo le permette di avere 16 parchi nazionali, 29 riserve di caccia (accuratamente studiate per non intaccare l’ecosistema locale ma anzi aiutarlo), 40 aree protette e ben 2 parchi marini controllati.

La spesa media giornaliera si aggira sui 220€ per i pacchetti turistici e sui 130€ per le vacanze non programmate. Infine i turisti rimangono nel paese in media per 9 notti consecutive.

Ultimo aggiornamento: 06/10/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché TANZANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia