Investimenti con l'Italia - Stock (GIAPPONE)

 

Osservazioni

L'Europa rimane una delle principali mete degli investimenti esteri diretti giapponesi anche per il biennio 2011-2012. Sulla base delle statistiche pubblicate dalla Japan External Trade Organization, le economie della UE che presentano oggi il piu' cospicuo stock d'investimenti dal Sol Levante sono quelle del Nord Europa: Germania, Regno Unito, Francia, Paesi Bassi, Belgio e Lussemburgo.

L'Italia mostra una certa difficolta' ad attrarre gli investimenti per l'influenza dei freni tradizionali: dalla carenza di infrastrutture, alla difficile accessibilita' dell'assetto normativo e amministrativo, alla percezione di una maggiore conflittualita' sociale. A fronte dei punti deboli, l'Italia vanta comunque un buon livello di attrattivita' (secondo le stime dell'Economist Intelligence Unit, nel periodo 2007-2011 l'Italia e' al decimo posto dopo Stati Uniti, Regno Unito, Cina, Francia, Belgio, Germania, Canada, Hong Kong e Spagna). Un ruolo di primaria importanza gioca la strategica posizione geografica del nostro Paese che, trovandosi al centro del Mediterraneo e nel cuore dell'Europa, puo' contare su un mercato complessivo di 800 milioni di consumatori. A questo si aggiunge una rete di produzione di 5 milioni di aziende, una forte cultura imprenditoriale, un ampio sistema di ricerca e innovazione, risorse umane disponibili e altamente qualificate, le stesse che hanno reso il Made in Italy famoso in tutto il mondo nei settori piu' diversi. Parallelamente, pero', le carenze che ci caratterizzano e l'acuirsi delle sfide, che ormai si giocano su scala globale, penalizzano le nostre potenzialita'.

Progetti specifici, mirati a far aumentare la conoscenza in Giappone delle reciproche opportunita' di collaborazione ed investimento sono stati proposti e realizzati con cadenza regolare nel corso degli anni. Va ricordato, inoltre, che la consueta Assemblea Generale dell'Italy-Japan Business Group (principale foro di dialogo tra le business community dei due Paesi) rinnova, di anno in anno, l'interesse degli ambienti imprenditoriali di entrambi i Paesi a strutturare relazioni industriali e commerciali piu' dinamiche. La direzione e le priorita' sono state ben messe a fuoco dai quattro working group, che focalizzano l'attenzione e le possibilita' di collaborazione su specifiche tematiche quali l'energia, le nanotecnologie, la prevenzione dei disastri naturali e la farmaceutica: tematiche tutte che, dopo il disastro dell'11 marzo 2011, acquistano assoluta priorita'. Bisogna infine ricordare che le societa' del nostro Paese potrebbero trovare nuove interessanti opportunita' di sviluppo in Giappone, grazie agli incentivi e alle agevolazioni promossi dal governo Abe all'interno delle Zone Speciali per l'Attrazione degli Investimenti e dalle Prefetture del Tohoku nelle Zone Speciali per la Ricostruzione.

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché GIAPPONE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia