Relazioni internazionali (LETTONIA)

Recuperata la sovranità nazionale nel 1991, entrata a far parte della NATO e dell’Unione Europea nella primavera del 2004 e dello Spazio Schengen a fine 2007, la Repubblica di Lettonia - 2 milioni di persone su un territorio vasto come l’Italia settentrionale e una Capitale, Riga, che conta circa 700mila abitanti e ben 800 anni di storia - è un Paese ormai pienamente integrato nella comunità occidentale euro-atlantica. Essa si trova in una strategica posizione di “hub” tra i Paesi UE occidentali e scandinavi, da un lato, e gli immensi spazi della Russia e delle altre Repubbliche ex-sovietiche, dall’altro, come un “Paese di frontiera”, estremo avamposto nord-orientale dell’UE, aperto, come nei lontani tempi della Lega Anseatica, a transiti e scambi con i vasti mercati dell’Est.

La sua politica estera, particolarmente attiva e vivace se rapportata alle dimensioni del Paese, è ispirata alle priorità derivanti da tale collocazione e si esplica, in prevalenza, nell’ambito di sei “cerchi concentrici”, dal più vicino e prioritario: a) i quattro Paesi confinanti Estonia, Russia, Bielorussia e Lituania (ai quali la lega una tradizione di comuni eventi storico-politici e di fitti rapporti economico-commerciali); b) le Regioni Baltica e Nordica (fra le quali fa da ponte); c) l’UE e la NATO (nelle cui istituzioni è ormai da 10 anni perfettamente integrata fra i “nuovi membri” più impegnati e solerti); d) i Paesi del Partenariato Orientale (di cui Riga intende ospitare il prossimo Vertice con la UE sotto la sua Presidenza di turno nel primo semestre del 2015); e) l’Asia Centrale e l’Afghanistan (collegate dalla c.d. “Northern Dimension Network”, corridoio di trasporto che nasce dal Porto di Riga); f) l’Estremo Oriente (con il quale Riga sta intensificando i rapporti, attratta da opportunità di nuovi mercati).

Le linee direttrici dell’attuale politica estera lettone possono essere così riassunte: rafforzamento della sicurezza nazionale in stretta cooperazione con i partner dell’UE e della NATO; creazione di condizioni favorevoli alla promozione degli interessi economici lettoni in Europa e nel mondo; rafforzamento della cooperazione tra i Paesi Baltici; diversificazione dei rapporti all’interno dell’Unione Europea (a fine 2013 l’interscambio della Lettonia con l’estero si è svolto per il 73,8% con Paesi UE) mediante intensificazione delle relazioni anche con Paesi diversi da quelli, come la Germania o gli altri Stati dell’area baltica e scandinava, con cui Riga intrattiene storicamente contatti più intensi; sviluppo dei rapporti con i Paesi terzi, in particolar modo con gli Stati della CSI e dell’Asia centrale e orientale (sempre a fine 2013 il restante 26,2% dell’interscambio si è orientato verso Paesi extra-UE); raccordo e sostegno all’emigrazione lettone anche per una più marcata proiezione dell’immagine della Lettonia nel mondo.

In tale cornice, rivestono particolare importanza il rapporto transatlantico e soprattutto quello con gli USA, considerati dalla Lettonia un partner strategico anche perché visti come suprema garanzia contro un ipotetico ritorno al passato pre-1991. Diverso e più altalenante il rapporto con la confinante Federazione Russa (terzo partner commerciale dopo la Lituania e l’Estonia e fondamentale fornitore di energia), con cui Riga si è sempre sforzata di mantenere un atteggiamento “pragmatico” riuscendo a realizzare, nonostante le perduranti diffidenze e le reciproche accuse, una continua espansione dell’interscambio economico-commerciale, l’intensificazione degli scambi culturali e un notevole miglioramento dei contatti transfrontalieri. Oggi, tuttavia, l’attuale crisi ucraina e i suoi incerti sviluppi, come soprattutto le future azioni di Mosca, rischiano di danneggiare un rapporto cui Riga potrebbe invece apportare il plusvalore rappresentato dalla sua consistente minoranza russofona.

Riga è nel 2014 “Capitale europea della Cultura”. Nel primo semestre 2015, subito dopo la nostra, la Lettonia eserciterà la sua prima Presidenza di turno UE.

Ultimo aggiornamento: 08/05/2014^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché LETTONIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in LETTONIA

AMBASCIATA RIGA