Relazioni internazionali (INDONESIA)

Dopo il protagonismo di Soekarno (1945-1967) quale uno dei principali leader dei Paesi Non Allineati alla Conferenza di Bandung del 1955, il regime di Soeharto (1967-1998) ha tenuto un profilo più pragmatico e filo-occidentale. L’Indonesia democratica è oggi una potenza regionale – rappresentando di fatto il Paese guida nell’ambito dell’ASEAN – e un attore di sempre maggiore peso, soprattutto in consessi multilaterali quali le Nazioni Unite, il G-20, la Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC) e l’East Asia Summit (EAS).

L’Indonesia ha da sempre ritenuto l’ASEAN il fulcro della sua politica estera in ambito regionale, mostrandosi come elemento equilibratore dell’area. Nell’esercizio di tale ruolo, Jakarta ha sempre dimostrato uno spirito stabilizzante, che senza esplicite alleanze le ha consentito di porsi – anche grazie alla sua dimensione territoriale e alla sua collocazione geostrategica – anche come un importante interlocutore per le grandi potenze nell’area del Pacifico.

L’Indonesia cerca inoltre di porsi come attore globale su tematiche di rilievo come la lotta al terrorismo, il cambiamento climatico ed il dialogo interreligioso. I suoi principali interlocutori sono il Giappone, specialmente all’interno dell’esercizio ASEAN+3 e secondo partner commerciale con un interscambio di circa 37 miliardi di dollari; la Cina, fonte di investimenti soprattutto nelle infrastrutture, e Paese con cui le relazioni diplomatiche hanno sì trovato una normalizzazione nel 1990 ma risentono ancora di una ipersensibilità di parte della classe politica e della società indonesiane alla “minaccia cinese”, frenando l’avanzata di Pechino nel Paese rispetto ad altri membri dell’ASEAN, nonostante la ricchezza mineraria dell’Indonesia sia oggetto delle attenzioni delle grandi imprese cinesi; l’Australia, con cui l’Indonesia è accomunata dall’appartenenza alla famiglia delle democrazie e la relazione con la quale è improntata alla politica del “buon vicinato” e alla collaborazione soprattutto nell’antiterrorismo; gli Stati Uniti, alleato principale dell’Indonesia sotto il regime Soeharto, con cui i rapporti odierni restano ottimi, anche per l’importanza che l’Indonesia riveste per gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo di matrice islamica nell’area dell’Asia sud-orientale.

L’Indonesia è infine legata da un rapporto profondo con l’area mediorientale, che affonda le sue radici tanto nel sostegno che i Paesi arabi (Egitto e Siria) fornirono alla causa dell’indipendenza dell’Indonesia e nella leadership che Jakarta assunse del Movimento dei Non Allineati, quanto nel modello indonesiano di transizione da un regime autoritario ad istituzioni democratiche e infine nella presenza in Indonesia di una nutrita comunità di origine araba – in gran parte yemenita – parte integrante del tessuto politico, economico e sociale.

Ultimo aggiornamento: 27/07/2015^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché INDONESIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia