Relazioni internazionali (TUNISIA)

La politica estera tunisina si fonda da tempo sulla scelta strategica di partenariato con l’Unione Europea, di mediazione nelle crisi regionali e di promozione dell’integrazione maghrebina.

La Tunisia punta al continuo sviluppo e al rafforzamento delle relazioni con l’UE, suo primo partner commerciale, indirizzando verso il mercato europeo circa il 75% delle esportazioni e da cui ottiene all’incirca il 55% delle importazioni totali. Il 19 novembre 2012 è stato firmato l’accordo politico sul partenariato privilegiato e il piano d’azione in vista della conclusione di un Accordo di libero scambio completo e approfondito (ALECA), che permetterà di integrare la Tunisia nello Spazio Economico Europeo.

Negli ultimi anni si assiste a segnali di un maggiore dinamismo tunisino in politica estera, a cominciare dalla richiesta di una rimodulazione dei rapporti con l’Unione Europea e dal rafforzamento della propria presenza nello scacchiere regionale, con particolare riguardo alle relazioni con la Turchia ed i Paesi del Golfo. In tale contesto si è tenuta nel novembre del 2016la conferenza internazionale “Tunisia 2020: Road to Inclusion, Sustainability and Efficency”, in cui il Paese ha presentato ad una vasta platea internazionale un dettagliato piano di sviluppo, ottenendo circa 14 miliardi di finanziamento da investitori privati, organizzazioni internazionali e governi esteri.

La Tunisia ha mantenuto una costante attenzione nei confronti dell’Africa sub-sahariana, in un’ottica di stabilizzazione sub-regionale, anche in ragione della preoccupazione per i focolai di instabilità presenti nella regione sahariana.

Per la sua stessa posizione geografica, la Tunisia è attivamente impegnata nell’ambito dell’integrazione sub-regionale, in particolare nel quadro dell’Unione del Maghreb Arabo (UMA), non solo per motivi di sicurezza, ma anche come presupposto di una più fattiva e profonda collaborazione con l’UE. L’integrazione del Maghreb avrebbe conseguenze economiche di rilievo, come l’avvio dei grandi progetti infrastrutturali, che potrebbero costituire un ulteriore stimolo alla crescita economica e allo sviluppo degli investimenti esteri.

La Tunisia partecipa inoltre, sin dal periodo immediatamente successivo all’indipendenza, alla Lega degli Stati arabi.

Il Paese continua infine a rappresentare un partner di primaria importanza per gli Stati Uniti nella regione. Il Governo americano non ha mancato di assicurare il proprio sostegno alla fase di transizione democratica, anche con importanti aiuti economici. Nel 2014 il Governo tunisino ha sottoscritto un “Programma di partnership individuale e di cooperazione” con la NATO.

 

Ultimo aggiornamento: 16/10/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché TUNISIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TUNISIA