Quadro macroeconomico (CAMERUN)

Il Camerun è il 14°  Stato africano per popolazione (circa 22 milioni di abitanti stime 2014),  l’ottavo per reddito pro-capite (quasi 11.000 US$ a prezzi correnti) ed il 12°  produttore di petrolio in Africa (in media 64.000 barili al giorno, con recente aumento dovuto allo sfruttamento di nuovi giacimenti). L’economia possiede alcuni volani importanti, tra cui la diversificazione dei prodotti agricoli, le risorse forestali (oltre 18 milioni di ettari) oltre alla tradizionale, ancorche’ decrescente, dotazione di petrolio (risale al 1977 la scoperta dei primi giacimenti). L’agricoltura, compresi anche l’allevamento, la pesca e le foreste, svolge un ruolo molto importante. Contribuisce per il 21,7% alla formazione del PIL ed impiega il 53% della popolazione attiva. Si tratta in larga maggioranza di coltivazioni in piccola scala, e solo il 10% è rappresentato da piantagioni su scala industriale. Le cinque principali colture agricole di esportazione sono il  caffé, cacao, cotone, banane, caucciu’.

La crescita del PIL ha raggiunto nel 2016 il 4,7% mentre nel 2015 era di 5,7%. Si tratta di una performance comunque interessante alla luce della riduzione delle entrate derivanti dall'esportazione di petrolio (che incide per circa il 25% sul bilancio) e dell'aumento della spesa militare dovuta al "low intensity conflict" in corso con Boko Haram nell'Estremo Nord. Il Camerun ha il valore più alto rispetto ai paesi della regione. La Guinea Equatoriale ha registrato -9,7%, il Gabon 2,1%, Ciad -6,4%, la Repubblica Centrafricana 4,5% e addiritura la Nigeria ha registrato -1,6% (fonte FMI: Etudes économiques et financières Afrique Subsaharienne octobre 2017) I settori caratterizzati da maggiore crescita sono stati il terziario e l'agricoltura, con il comparto industriale in parte frenato dai rallentamenti di alcuni importanti cantieri. L'inflazione, pari all'1,9%, è al di sotto della soglia regionale del 3%.  

Nei prossimi anni l'attenzione del Fondo Monetario Internazionale sarà rivolta all'andamento dell'indebitamento, che si attesta al momento sul 30/35% (fonte FMI: Etudes économiques et financières Afrique Subsaharienne octobre 2017), a fronte delle spese per investimenti, finanziate con prestiti garantiti dallo Stato, previste per la realizzazione del Piano di urgenza e dei piani di sviluppo infrastrutturale legati alla Coppa d'Africa.

Ultimo aggiornamento: 21/02/2018^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché CAMERUN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in CAMERUN

AMBASCIATA YAOUNDE'