Quadro macroeconomico (UGANDA)

Negli ultimi cinque anni la performance dell'economia ugandese e' stata piu' tenue rispetto alle tendenze precedenti, con crescita annua inferiore al previsto (4,5% rispetto il 7% registrato nel periodo 2007 - 2011). Il rallentamento si attribuisce all'impatto della siccita' sul settore agricolo, alla crisi in Sud Sudan (grande importatore dei prodotti ugandesi), ai prezzi elevati delle materie prime ed alle tensioni registrate durante e dopo le elezioni 2016.  Le IFI restano comunque ottimiste e ritengono che, grazie agli investimenti in infrastrutture realizzati ed all'estrazione del greggio dal bacino del Lago Alberto (a partire dal 2021), la crescita dovrebbe riprendere su ritmi intorno al 6%. Tuttavia, l'alto tasso di crescita demografica rallenta l'aumento del PIL pro capite.

Negli ultimi 5 anni il paese ha registrato una relativa stabilita' monetaria, con un'inflazione che dal 2012 permane nella banda +/-1% attorno all'obiettivo della banca centrale ugandese del 5% annuo. Tuttavia, la prima parte del 2017 ha visto un aumento graduale della pressione inflazionistica, principalmente dovuto all'aumento del prezzo dei generi alimentari causato dalla siccita' e da una cronica carenza di energia. L'inflazione ha toccato un tetto del 7,2% annuo in maggio per poi ridiscendere a 5,2% in settembre.

Ultimo aggiornamento: 28/09/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché UGANDA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia