Quadro macroeconomico (CINA)

Secondo l'Ufficio nazionale di statistica cinese i dati relativi al mese di aprile 2020 evidenziano una ripresa della produzione industriale, in crescita complessivamente del 3,9% su base annua ovvero del 2,27% su base mensile. Nei primi quattro mesi di quest’anno, il valore prodotto dalle aziende di Stato (SOE) è diminuito del 4,9% su base annua, circa 3,5 punti percentuali in meno rispetto al forte declino registrato nel primo trimestre. L’aumento della produzione ha riguardato tutte le tipologie di imprese. Mentre le imprese quotate in borsa sono cresciute del 4%, quelle a partecipazione straniera hanno registrato +3,9% e quelle private +7,0%.Continua invece ad essere in difficoltà il settore dei servizi. Ad aprile, la produzione complessiva di servizi è scesa del 4,5% su base annua, un calo inferiore di 4,6 punti percentuali rispetto a quello registrato a marzo.

Sono in aumento le vendite, con in particolare una crescita in proporzione di quelle al dettaglio online di beni di consumo cresciute complessivamente dell’1,7% su base annua.

In diminuzione ad aprile l’inflazione, con i prezzi al consumo cresciuti del 3% su base annua, 1 punto percentuale in meno rispetto a marzo, in calo dello 0,9 per cento mese su mese. Per i primi quattro mesi, i prezzi al consumo sono aumentati complessivamente del 4,5% anno su anno. È in aumento il tasso di disoccupazione complessivo nelle aree urbane, pari al 6%.

Nei primi quattro mesi il valore totale dell’interscambio, pari a RMB 9.070 miliardi (1.178 miliardi di euro) risulta in calo del 4,9% su base annuale, in particolare il valore delle esportazioni è diminuito del 6,4% e quello delle importazioni del 3,2%. Il surplus commerciale è stato di RMB 415,7 miliardi (54 miliardi di euro), in diminuzione del 30,4% rispetto al 2019. Mentre le esportazioni verso i Paesi occidentali sono diminuite del 10,4%, quelle verso i Paesi emergenti e in via di sviluppo sarebbero in aumento del 2,2% e rappresentano adesso il 50,9% delle esportazioni complessive di Pechino. Le importazioni nei primi quattro mesi del 2020 sono diminuite del 3,2%, circa il 2,5% in meno rispetto al 2019. Anche a seguito della diminuzione dei prezzi, risultano in forte contrazione le importazioni di petrolio greggio, gas naturale e petrolio raffinato

Nonostante i principali indicatori economici ufficiali evidenzino un lento miglioramento, l'economia cinese continua ad affrontare notevoli difficoltà legate alla necessità di continuare ad applicare misure di prevenzione e di contrasto alla diffusione del Covid-19 che incidono sul normale svolgimento delle attività economiche quotidiane. Inoltre, la debole domanda internazionale ricade negativamente sulle imprese esportatrici cinesi, in particolare quelle di piccole dimensioni che ricevono ordini modesti se non insufficienti a sostenere la produzione. Anche l’atteso rimbalzo sui consumi interni di ristorazione, attività culturali e ricreative stenta a manifestarsi, principalmente per il ritardo nella ripresa del lavoro nelle micro-aziende e nelle difficoltà di adeguarsi alle norme di prevenzione. Incide negativamente anche la cautela dei consumatori verso la frequentazione di luoghi affollati.

 

Ultimo aggiornamento: 15/07/2020^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché CINA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in CINA

CONSOLATO GENERALE CANTONCONSOLATO GENERALE CHONGQINGCONSOLATO GENERALE HONG KONGAMBASCIATA PECHINOCONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE SHANGHAI