Quadro macroeconomico (MAROCCO)

L’economia marocchina ha registrato nel 2018 un soddisfacente tasso di crescita (+3,2%), grazie all’abbondante raccolta cerealicola e ad una favorevole congiuntura turistica. Il tasso di inflazione rimane molto contenuto (2,1%), sebbene più elevato rispetto agli anni precedenti a causa di un sensibile rincaro dei prodotti alimentari  nel 2018 e si prevede si assesterà attorno all’1,2% nel corso del 2019. Il costo del lavoro è sempre molto contenuto (salario minimo 270 euro/mese). L’economia del paese si caratterizza per un ampio grado di apertura agli scambi internazionali. La produzione cerealicola  2017-18 ha superato il record dell’anno precedente, raggiungendo i 103 milioni di quintali (+7,3%). Molto soddisfacente anche l’andamento del comparto ittico, dove il Marocco si colloca al primo posto in Africa e al 17^ nella graduatoria mondiale, e quello enologico, dove il Marocco risulta essere il secondo esportatore nel continente africano. La legge di bilancio per il 2019 prevede un deficit pubblico al 3,7 per cento e un significativo aumento della spesa sociale indirizzata, in particolare, all’istruzione, alla salute e ai programmi di protezione sociale per le famiglie economicamente vulnerabili. Vi è, inoltre, in programma anche una massiccia operazione di privatizzazioni di società a controllo statale, che porterebbe il deficit pubblico al 3,3 per cento. Il debito pubblico è previsto salire al 67 per cento alla fine del 2019. L’economia marocchina rimane fortemente dipendente dalla domanda esterna, con una previsione di crescita del 2,9% nel 2019 e del 3,5% nel biennio 2020-21. Il Marocco ha oramai consolidato la sua posizione come porta d’accesso all’Africa. Il Paese è presente in Africa subsahariana attraverso investimenti diretti in 13 paesi, prevalentemente in Africa Occidentale (Costa d’Avorio, dove risulta essere il primo investitore estero, Mali, Benin e Gabon). Le operazioni commerciali e di investimento nell’ Africa Sub-sahariana sono state certamente favorite dalla presenza diretta delle banche marocchine con proprie filiali in ben 10 Paesi dell’area. Il tessuto economico del Marocco é caratterizzato prevalentemente da piccole-medie imprese che pero’ spesso fanno fatica a competere sul mercato. Da un recente studio effettuato dalla Banca Centrale del Marocco, sono stati individuati i seguenti fattori disincentivanti allo sviluppo delle PMI: alto livello di corruzione, mancanza di manodopera qualificata e limitati investimenti nel capitale umano del Paese, impatto dell'economia informale sulla competitivita' delle imprese.  Per quanto riguarda la presenza dello Stato, le holding pubbliche e i fondi di proprietà della famiglia reale rappresentano in effetti attori strategici nel contesto economico locale, in numerosi settori (come energia, infrastrutture e trasporti). Nel mese di dicembre 2018, il Fondo Monetario Internationale, riconoscendo i progressi compiuti dalle principali Autorita' locali grazie alle riforme strutturali introdotte in materia di politica fiscale e finanziaria, ha approvato un accordo biennale per la concessione di una nuova linea di precauzione e liquidità da 2,97 miliardi di dollari. Il buon andamento dell'economia e le ottimistiche previsioni relative ai prossimi anni sono anche dovuti alla crescente apertura del Marocco (2^ Paese nordafricano, destinatario di IDE nel 2017 e player sempre piu' rilevante nel contesto economico-commerciale africano), il quale e' oggi parte di 55 accordi di libero scambio. Il Marocco si sta quindi progressivamente affermando come porta d’accesso all’Africa. Le operazioni commerciali e di investimento nell’ Africa sub – sahariana sono state stato certamente favorite dalla presenza diretta delle banche marocchine  con proprie filiali in ben 10 Paesi dell’area. Secondo il ranking “Doing Business 2018” della Banca Mondiale sulla competitività degli Stati, il Marocco si colloca  al 60esimo posto su 190 Paesi considerati, guadagnando ben 8 posizioni rispetto all’anno precedente, e si pone davanti a Paesi come la Tunisia, il Qatar, il Sudafrica. All’interno dell’area MENA (Medio Oriente e Nord Africa), il Marocco è in seconda posizione, dopo gli Emirati Arabi Uniti.

Ultimo aggiornamento: 23/01/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché MAROCCO Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in MAROCCO

CONSOLATO GENERALE CASABLANCA (Casablanca)AMBASCIATA RABAT