Politica interna (REP.CECA)

La Repubblica Ceca è una Repubblica parlamentare con un bicameralismo imperfetto. La Camera dei Deputati è composta da 200 deputati eletti a suffragio universale ogni 4 anni con un sistema elettorale proporzionale, mentre il Senato è composto da 81 senatori in carica per 6 anni. Ogni 2 anni viene rinnovato un terzo del Senato con un sistema maggioritario uninominale a doppio turno, in cui al primo occorre la maggioranza assoluta, al secondo invece è sufficiente la maggioranza semplice tra i due candidati che hanno ottenuto più voti al primo turno.

Il Primo Ministro della Repubblica Ceca, che detiene il potere esecutivo, viene nominato dal Presidente della Repubblica, e generalmente è il leader del partito che ha ottenuto più voti alle elezioni legislative. Le dimissioni del Primo Ministro Petr Necas del Partito ODS (Partito Civico Democratico) e la caduta del suo Governo di centrodestra a giugno 2013, nonché l'esperienza non soddisfacente dell'Esecutivo tecnico guidato dall'economista Jiri Rusnok negli ultimi sei mesi, hanno portato a nuove elezioni legislative per formare un Governo stabile. Dal 17 gennaio 2014 il Primo Ministro è il Presidente del Partito Socialdemocratico Ceco (ČSSD), Bohuslav Sobotka, che presiede un Governo di coalizione sostenuto da una maggioranza di centrosinistra formata dai socialdemocratici dello ČSSD, partito di maggioranza relativa, i cristiano-democratici del KDU-CSL e il movimento di ANO, promotore di un programma politico incentrato sulla lotta alla corruzione, la gestione più efficiente dello Stato e la semplificazione delle procedure burocratiche, guidato dall'attuale Ministro delle Finanze, Andrej Babis. Dal 2013 ANO ha allargato il consenso portando il partito ad essere il primo nel Paese alle elezioni amministrative dell’ottobre 2016. In quell’occasione ha infatti ottenuto il 21% dei suffragi aggiudicandosi 9 regioni su 13, contro il 15% dei voti ricevuti dal ČSSD, che è riuscito a prevalere soltanto in 2. Anche nelle elezioni per il rinnovo di un terzo degli 81 senatori, ANO è stato il partito più votato.

Il Presidente della Repubblica Ceca viene eletto a suffragio universale e resta in carica per 5 anni. Dall'8 marzo 2013 Milos Zeman è il terzo Presidente della Repubblica, succeduto a Václav Klaus. Egli continua a godere di un consenso diffuso nel Paese e si ricandida a un secondo mandato nelle elezioni presidenziali previste ad ottobre 2018. Egli gode inoltre del supporto del Ministro delle Finanze.

L’adozione dell’euro, inizialmente prevista per il 2010 e via via procrastinata, è al momento rinviata sine die. L'ex Presidente della Repubblica Klaus avrebbe voluto per la Repubblica Ceca una deroga permanente (un opt-out, come quello di cui già sono titolari Danimarca, Gran Bretagna e Svezia) rispetto all'obbligo di adottare in futuro la moneta unica europea. Mantenere la corona ceca conserva ancora numerosi fattori di attrazione per gli investitori stranieri e garantisce una serie di vantaggi derivanti dalla possibilità di effettuare svalutazioni compensative che si riflettono positivamente sull’andamento dell’economia.

Ultimo aggiornamento: 21/03/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché REP.CECA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia