Politica interna (ISRAELE)

Le elezioni svoltesi il 17 marzo 2015 hanno portato ad una netta affermazione del "Likud" di Binyamin Netanyahu, che ha ottenuto 30 seggi su 120. Il Primo Ministro uscente si trova attualmente a capo di una coalizione di 66 parlamentari su 120 comprendente "Bayt Yehudi", formazione nazionalista religiosa guidata da Naftali Bennett, che raccoglie consensi anche tra i coloni, oltre che i centristi di "Kulanu", partito di nuova creazione facente capo a Moshe Kahlon e i religiosi di Shas e United Torah Judaism, mentre l'opposizione è guidata dal "Campo Sionista" di Isaac Herzog e Tzipi Livni.

Le tematiche socio-economiche, in particolare l'aumento del costo della vita con riferimento alle maggiori spese per abitazioni, sanità ed educazione, oltre alle sfide nel settore energetico con la recente approvazione del quadro di riferimento per lo sfruttamento degli ingenti giacimenti di gas rimangono al centro del dibattito politico e rappresentano le priorità per il nuovo esecutivo, assieme ai temi di politica estera e di sicurezza, con un focus particolare sull'attività iraniana nella regione e sulla minaccia di Hamas.

Ultimo aggiornamento: 22/10/2018^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ISRAELE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ISRAELE