Politica economica (ESTONIA)

Le attuali misure di politica economica mirano a sostenere la crescita ed a migliorare lo stato sociale attraverso la semplificazione amministrativa e del sistema tributario, l’attuazione del programma di privatizzazioni, gli investimenti in infrastrutture e l’incremento della spesa pubblica per istruzione, ricerca e sviluppo. In linea con gli obiettivi identificati nel bilancio triennale 2019-2022 quali, la promozione della crescita economica, l’aumento della popolazione, il rafforzamento della sicurezza e l’incremento del benessere e della coesione sociale, il bilancio per il 2019 si concentra sul miglioramento delle condizioni di vita, sui servizi pubblici e sullo sviluppo sostenibile.

Per il 2019, gli stati di previsione stimano la spesa in 11,37 miliardi di Euro (+7% rispetto al 2018) ed entrate pari a 11,05 miliardi (+6,1%).

Per il corrente esercizio le spese per istruzione ed assistenza sanitaria ammontano a circa il 15% della spesa pubblica per ciascun settore. Riguardo alle risorse destinate al Ministero dell’Istruzione e Ricerca sono previsti incrementi delle retribuzioni medie dei docenti, del personale dello sport e cultura e maggiori finanziamenti agli enti locali per le spese relative all’istruzione. In relazione al sistema di protezione sociale il Fondo assicurativo sanitario nazionale riceverà uno stanziamento addizionale di 180 milioni di Euro, finalizzato a migliorare la disponibilità dei servizi oltre alla qualità delle cure. Il bilancio prevede inoltre una allocazione di 299 milioni di Euro per gli assegni familiari, mentre ai servizi specializzati del welfare saranno destinati circa 37 milioni di Euro. In aumento le pensioni minime del 7% e le retribuzioni del personale operante nel settore dell’assistenza sociale. In aumento anche i sussidi per il trasporto pubblico (+9,7% rispetto al 2018).

Nel 2019 le spese per la difesa sono stimate al 2,2% del PIL. In aumento le retribuzioni delle Forze Armate e gli stanziamenti destinati all’acquisizione di materiali per la difesa. Per quanto concerne la sicurezza interna, il bilancio prevede risorse pari all’1,7% del PIL destinate anche agli aumenti delle retribuzioni delle forze dell’ordine e del personale della Protezione Civile.

Riguardo agli investimenti oltre 360 milioni di Euro sono stati stanziati per le infrastrutture e trasporti, sviluppo rurale e progetti relativi a sport e cultura. In relazione al sostegno finanziario diretto al comparto agricolo, il bilancio prevede uno stanziamento di circa 144 milioni di Euro. Sono previsti investimenti per ulteriori 21 milioni di Euro (118,4 milioni nei prossimi quattro anni) per la manutenzione, aggiornamento e sviluppo dei sistemi informatici. Il Ministero degli Affari Esteri avrà a disposizione 1,8 milioni di Euro per l’apertura di tre nuove Rappresentanze ed il rafforzamento di quelle attuali nelle principali Capitali europee.

Nel 2017 il disavanzo di bilancio delle Amministrazioni pubbliche si è attestato allo 0,3% del PIL. Il dato preliminare relativo al 2018 indica un deficit di 120,2 milioni di Euro pari allo 0,5% del prodotto. Per il biennio 2019-2020 è attualmente atteso un lieve avanzo del saldo di bilancio, cui dovrebbe seguire un andamento verso il pareggio nel periodo 2021-2022.

L’obiettivo di bilancio a medio termine dell’Estonia, concordato in sede europea e definito sulla base del potenziale di crescita dell'economia e del rapporto debito/PIL, è un disavanzo strutturale dello 0,5% del prodotto. Secondo le stime preliminari nel 2018 il deficit strutturale si e' attestato all'1,4% del PIL. Per il biennio 2019-2020 si stima un disavanzo dello 0,9 e 0,4%, mentre il pareggio sarebbe atteso a decorrere dal 2021.

Le stime preliminari attestano per il 2018 il debito lordo consolidato delle Amministrazioni Pubbliche al 7,9% del PIL, in dimunizione dello 0,8% rispetto al 2017. Le previsioni per il biennio 2019-2020 attestano il debito pubblico su livelli analoghi al 2018 anche se non si esclude una eventuale, ulteriore flessione. Secondo le stime del Ministero delle Finanze nel 2019 il carico fiscale dovrebbe attestarsi al 33,6% del PIL (33,4% nel 2018).

Ultimo aggiornamento: 10/06/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ESTONIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in