Politica economica (CROAZIA)

Nel 2014, la Commissione Europea aveva avviato nei confronti della Croazia una "procedura di infrazione per disavanzo eccessivo" (5,4% del PIL nel 2013) e una "procedura per squilibri macroeconomici eccessivi" (eccesso di debito pubblico, elevata disoccupazione giovanile ed eccesso di passività del settore finanziario). A seguito del progressivo miglioramento delle finanze pubbliche e, in generale, del quadro di valutazione dei rischi economici, Bruxelles ha rivisto le suddette procedure.

Nel giugno 2017, il Consiglio Economia e Finanze (Ecofin), recependo le raccomandazioni della Commissione Europea, ha dichiarato chiusa la “procedura per disavanzo eccessivo” ritenendo rispettata la regola del deficit statale (3,2% del PIL nel 2015, 0,9% nel 2016, avanzo dello 0,8% nel 2017).

Nel febbraio 2019, la Commissione Europea ha posto le basi per la conclusione anche della "Procedura per squilibri macroeconomici eccessivi".

La Commissione ha voluto premiare i passi avanti di Zagabria nella gestione del quadro istituzionale che disciplina le finanze pubbliche (rapporto debito/PIL ridotto dall’84% nel 2014 al 74,1% nel 2018). La Commissione ha tuttavia sottolineato l'esigenza per la Croazia di un rinnovato sforzo nel portare avanti le riforme strutturali, la promozione degli investimenti, il miglioramento della capacità amministrativa, la promozione del capitale umano, l'innovazione e la riduzione degli squilibri regionali.

Nell’aprile 2019, il governo croato ha adottato due documenti chiave di politica economica: il programma nazionale di convergenza 2019-2022 e il programma nazionale di riforma 2019.

Nel programma di convergenza 2019-22, il Governo croato ha previsto un’ulteriore riduzione del debito pubblico (di circa un punto percentuale annuo), da realizzare prevalentemente attraverso misure di contenimento della spesa corrente. Sul fronte della spesa per investimenti, per evitare un innalzamento della pressione fiscale, è previsto un  accrescimento dell’assorbimento dei fondi UE.

Per quanto riguarda il programma nazionale di riforma 2019, esso presenta una agenda di oltre 30 interventi strategici volti a rafforzare la competitività dell'economia, il raccordo tra istruzione e mercato del lavoro, la sostenibilità delle finanze pubbliche.

Ultimo aggiornamento: 20/08/2019^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché CROAZIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in CROAZIA

CONSOLATO GENERALE FIUMEAMBASCIATA ZAGABRIA