Politica economica (GUATEMALA)

Una nuova riforma fiscale è stata introdotta con l’intento di incrementare le entrate dal Governo del Presidente Perez Molina al fine di ridurre il deficit fiscale del Paese nel breve periodo, dal 2,8% del PIL nel 2011 al 2% del PIL nel 2014. L’aumento delle entrate fiscali risulterá piú evidente alla fine del  2013, quando le nuove misure in materia fiscale saranno effettive nel Paese, incrementando gli introiti fino al 12,6% del PIL nel 2014, rispetto al 10,7% del PIL nel 2012. Come conseguenza la spesa pubblica dovrebbe avere maggio impatto sulléconomia, mantenendosi a una media annuale del 14,7% del PIL nel periodo tra il 2013 e il 2017. Il governo di Perez Molina ha già annunciato che non ci saranno altri cambiamenti riguardo al sistema tributario durante il proprio mandato e ha escluso qualsiasi tipo di aumento dell’IVA. Inoltre, saranno concordati nuovi prestiti dalle agenzie multilaterali, confermando che il governo potrà finanziarsi sia sul mercato domestico sia su quello internazionale. La fiducia finanziaria nel Paese rimane relativamente alta, grazie a una bassa percentuale del debito pubblico in relazione al PIL e alle recenti riforme fiscali. Non si esclude che il governo possa chiedere al FMI nuovi finanziamenti.

Ultimo aggiornamento: 24/04/2013^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché GUATEMALA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in GUATEMALA

AMBASCIATA GUATEMALA