Politica economica (BRASILE)

Il controllo della spesa è diventato un elemento centrale della politica economica. Il nuovo governo ha approvato a dicembre scorso un emendamento alla costituzione federale (la c.d. ‘PEC dos gastos’) che propone un tetto alla crescita della spesa in un dato anno dato dall’inflazione dell’anno precedente. La regola varrà per i prossimi venti anni. Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI) l’emendamento renderà più facile stabilizzare in maniera credibile la traiettoria del debito pubblico, riducendo il rischio fiscale e aumentando la fiducia degli investitori internazionali. A tale proposito il FMI sostiene l’importanza di stabilizzare il rapporto debito/PIL entro il 2021.

Un quadro di finanza pubblica più in ordine può consentire alla Banca centrale di abbassare in maniera significativa e duratura il tasso di riferimento SELIC favorendo quindi la ripresa di consumi e investimenti in un quadro di stabilità dei prezzi. Il Comitato di politica monetaria (COPOM) ha, infatti, tagliato ancora di piu' il tasso SELIC nella riunione di settembre (dal 9,25% all'8,25%) .

Se l’introduzione di un tetto alla crescita della spesa pubblica è stato un passo molto importante per dare ai mercati l’idea della direzione che il governo intendeva prendere nel processo di risanamento dei conti pubblici, l’approvazione della riforma della previdenza è chiave per rendere questa strategia effettivamente realizzabile nel medio periodo. Il governo ha già fatto a dicembre una proposta, accolta dalla gran parte degli analisti come sufficientemente ampia e ambiziosa. Da allora, tuttavia, ha già fatto alcuni passi indietro e, come era lecito aspettarsi, si è mostrato disponibile a discutere alcuni dei punti chiave. Alcuni analisti privati stimano che la proposta iniziale di riforma del governo avrebbe avuto un impatto di 2 punti percentuali di PIL. Il 70% di tali benefici (circa 1,4 p.p. di PIL) sarebbe riconducibile all’introduzione dell’età minima di 65 anni, assieme alla regola di transizione proposta dal governo.

Sulle altre riforme il governo procede in maniera pragmatica, considerando che è sul fronte della riforma della previdenza che si sta giocando la partita più difficile, alla luce anche dei delicati equilibri politici in Parlamento e degli effetti dell’operazione lava-jato. Per quanto riguarda il mercato del lavoro, il Parlamento ha approvato una legge che rende possibile la terziarizzazione di tutte le attività produttive. Infine si segnalano alcuni progressi anche nelle misure per rendere più efficiente il mercato finanziario. In particolare il Consiglio monetario nazionale (CMN, organo collegiale composto dal presidente della banca centrale, dal ministro delle finanze e dal ministro del bilancio) ha approvato la creazione, a partire dal prossimo gennaio, di un nuovo tasso di riferimento (TLP, taxa de longo-prazo) per le operazioni a lungo termine della banca di sviluppo BNDES. Esso sarà determinato ogni mese sulla base dei tassi sui titoli del debito pubblico indicizzati all’inflazione (gli NTN-B) e rimpiazzerà il TJLP (taxa de juros de longo prazo). Quest’ultimo è l’attuale benchmark per il 90% delle operazioni del BNDES e viene deciso ‘a tavolino’ in riunioni trimestrali dello stesso CMN, normalmente su livelli molto più bassi e senza nessuna relazione diretta col tasso di riferimento della Banca Centrale (tasso SELIC). Essendo determinata da forze di mercato, il nuovo TLP sarà meno suscettibile a interferenze politiche. Forzando una maggiore convergenza tra i tassi di mercato e quelli praticati dal BNDES, esso dovrebbe stimolare il settore privato a offrire finanziamenti a lungo termine, riducendo così i sussidi impliciti nelle operazioni del BNDES e contribuendo al risanamento delle finanze pubbliche. Il nuovo TLP dovrebbe infine contribuire a aumentare la potenza della politica monetaria, che potrà ora dispiegare i propri effetti sulle condizioni di offerta anche di quella parte di credito che sarebbe stata altrimenti erogata sulla base del vecchio benchmark della TJLP.

Ultimo aggiornamento: 18/09/2017^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BRASILE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia