Politica economica (KAZAKHSTAN)

Le difficoltà economiche che il Kazakhstan ha incontrato a partire dalla metà del 2014 hanno reso evidente la fragilità del sistema economico del Paese e reso improrogabili alcune sue modifiche strutturali.

Il Presidente Nazarbayev ha comunicato a novembre 2014  l’avvio di una nuovo piano di politica economica, denominato “Nurly Zhol" ("Sentiero luminoso"). Si tratta di un piano di sviluppo, articolato in 5 anni, che prevede una serie di riforme considerate dal Governo come il “motore della crescita” del Paese e che comportera' oltre 24 miliardi di dollari di investimenti (9 prelevati dal Fondo nazionale, alimentato dai proventi petroliferi, 6 stanziati dallo Stato e i restanti 9 attesi da BERS, World Bank, Banca di Sviluppo Islamica e Banca di Sviluppo Asiatica). Gli interventi riguardano, in particolare: sviluppo delle PMI, rafforzamento del settore bancario, attrazione di investimenti esteri, sviluppo delle infrastrutture, anche per dare nuovo impeto all'occupazione. A tal fine sono previsti ad esempio la modernizzazione delle reti stradali (avviata), la realizzazione di un nuovo terminal per l'aeroporto di Astana (completata) e la creazione di un "hub logistico" per il transito merci a Khorgos (al confine con la Cina) e nella zona del Caspio (Porto di Aktau e Kurik).

A maggio 2015, inoltre, il Presidente ha presentato un secondo progetto di riforme, i "100 Passi", che prevede concreti interventi per il miglioramento del business environment del Paese: inter alia, misure anti-corruzione, professionalizzazione e moralizzazione della pubblica amministrazione, criteri meritocratici per le assunzioni e promozioni di pubblici impiegati, sistema giudiziario trasparente ed efficiente, metodi alternativi di risoluzione delle controversie, procedure ad hoc per le investment disputes, riforma agraria, procedure sdoganali semplificate, potenziamento dell'agricoltura e dell'allevamento, sviluppo di un centro finanziario nella citta' di Astana, miglioramento dell'educazione pubblica.

Il Governo è ulteriormente impegnato in un piano di privatizzazione, al fine di favorire la competitività e l'efficienza del mercato kazako, tramite la vendita di circa 800 imprese di proprieta' stradale, incluse quelle di maggior valore della holding pubblica Samruk-Kazyna (valutate circa 6/7 10 miliardi di dollari americani di partecipazioni).

Nel settembre 2017 lanciati infine i piani "Modernizzazione 3.0" e "Digital Kazakhstan".

Per quanto riguarda invece la politica monetaria e fiscale, il crollo del prezzo del petrolio e la conseguente necessità di ridurre la spesa pubblica aveano imposto alla Banca Centrale di abbandonare la dispendiosa difesa del tasso di cambio per passare ad una politica di inflation targeting, con l'obiettivo primario di risanare i fondi sovrani. Il target inflazionistico attuale risulta pari al 6-8%, con una previsione nel 2018 pari a 5-7% e 4% nel 2020.  Nel 2017 il  deficit statale è equivalente all'1,8% del PIL. Il debito pubblico è stimato al 26,3 % del PIL nel 2017 ed è prevista una sua diminuzione di un punto percentuale per il 2018.

Ultimo aggiornamento: 15/02/2018^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché KAZAKHSTAN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in KAZAKHSTAN

AMBASCIATA NUR SULTAN