Politica economica (GEORGIA)

La politica monetaria della Banca Centrale (NBG) rimane restrittiva, con un progressivo aumento del tasso di sconto dal 4 al 7.5%, anche per contrastare eventuali contraccolpi derivanti dalla svalutazione della valuta nazionale e rimanere sull'obiettivo di inflazione che la NBG si è data. Nel 2018 il tasso di sconto è stato mediamente del 7%[1].

La NBG ha appianato le fluttuazione del lari nell’ultimo anno attraverso interventi di foreign exchange, vendendo US$240m e acquistando US$278m, ma le sue riserve estere rimangono robuste. Obiettivo della Banca, e anche del Governo, è ridurre l'eccessiva dollarizzazione dell’economia georgiana che, seppur diminuita intorno al 56%, continua a rappresentare un elemento di preoccupazione per i possibili effetti negativi sulla stabilità del sistema finanziario (con ripercussioni nell'economia reale). A tal proposito è stato lanciato dal Governo un programma di incentivi per la conversione di mutui e prestiti contratti in dollari prima dell'inizio della svalutazione del Lari.

Il Governo georgiano prosegue nel suo approccio di apertura agli investimenti stranieri (e nazionali) offrendo incentivi e vantaggiosi programmi di agevolazioni. Con approccio liberista, la nuova riforma delle tasse entrata in vigore il 1 gennaio 2017 prevede la detassazione degli utili non distribuiti che vengono reinvestiti in Georgia. Inoltre, è allo studio un disegno di legge per la creazione di Business House, ossia degli one-stop shop dove gli imprenditori possono ottenere tutto quello di cui hanno bisogno (autorizzazioni, licenze, registrazioni) in un unico luogo e in brevissimo tempo. Il Paese intende avvantaggiarsi appieno delle possibilità che gli offrono gli accordi libero scambio conclusi con UE, Cina, Turchia e paesi ex-CSI, incrementando al tempo stesso il settore manifatturiero e quello della logistica.

Il Paese ha grandi capacità di attrarre investimenti. Un basso tasso di corruzione e di tassazione, una notevole facilità nel fare business ed una grande quantità di riforme già attuate che permettono di trarre vantaggio della posizione geostrategica della Georgia come porta d'accesso ai mercati occidentali e orientali. Il Governo punta inoltre anche su un maggiore sviluppo dell’agricoltura (più del 50% della forza lavoro è impiegata nel settore agricolo che contribuisce ancora solo per il 9% al PIL nazionale [2]), dove l'Italia può giocare un ruolo fondamentale in termini di know-how ed esperienza.

[1] https://www.nbg.gov.ge/index.php?m=554

[2] https://data.worldbank.org/indicator/NV.AGR.TOTL.ZS

 

Ultimo aggiornamento: 17/06/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché GEORGIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in GEORGIA

AMBASCIATA TBILISI