Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera nel 4° trimestre 2016: l'offerta di lavoro

Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera nel 4° trimestre 2016: l'offerta di lavoro

Tra il quarto trimestre 2015 e il quarto trimestre 2016 il numero di occupati in Svizzera è aumentato dell'1,5%. Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione è diminuito, passando dal 4,7 al 4,3%.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

Indice nazionale dei prezzi al consumo nel gennaio 2017 - I prezzi al consumo rimangono invariati

Indice nazionale dei prezzi al consumo nel gennaio 2017 - I prezzi al consumo rimangono invariati

In gennaio 2017 l'indice nazionale dei prezzi al consumo (IPC) è rimasto stabile al livello di 100,0 punti rispetto al mese precedente (dicembre 2015 = 100). Rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, il rincaro è stato pari a 0,3%.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel gennaio 2017

Indice dei prezzi alla produzione e all'importazione nel gennaio 2017

Nel gennaio 2017 l'indice totale dei prezzi alla produzione e all’importazione è salito dello 0,4% rispetto al mese precedente, portandosi a 100,4 punti. L’aumento è dovuto soprattutto al rialzo dei prezzi dei prodotti petroliferi e degli orologi.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

La situazione sul mercato del lavoro nel mese di gennaio 2017

La situazione sul mercato del lavoro nel mese di gennaio 2017

Secondo i rilevamenti effettuati dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO), alla fine di gennaio 2017 erano iscritti 164’466 disoccupati presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 5’094 in più rispetto al mese precedente.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

Cifre d’affari del commercio al dettaglio nel dicembre 2016 - Calo delle cifre d'affari del commercio al dettaglio svizzero

Cifre d’affari del commercio al dettaglio nel dicembre 2016 - Calo delle cifre d'affari del commercio al dettaglio svizzero

Nel mese di dicembre 2016 le cifre d'affari del commercio al dettaglio corrette in base all'effetto dei giorni di vendita e dei giorni festivi sono diminuite in termini nominali del 4,3% rispetto a dicembre 2015.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

Record di esportazioni nel 2016

Record di esportazioni nel 2016

Dopo il calo dell'anno precedente, il commercio estero del 2016 ha fatto registrare di nuovo una crescita, caratterizzata in particolare dai prodotti chimici e farmaceutici. L'aumento delle esportazioni è stato del 3,8 % (reale: -0,8 %).

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia - Berna

Homepage SVIZZERA

La Svizzera e l’Italia intrattengono eccellenti relazioni, contraddistinte da intensi rapporti economici, politici, umani e culturali, da una lingua comune e da frequenti visite a tutti i livelli. Le relazioni bilaterali tra la Svizzera e l’Italia si basano su un complesso corpus di trattati. Tra i rappresentanti del Governo e dell’Amministrazione dei due Stati hanno luogo incontri regolari. Inoltre esistono contatti istituzionalizzati tra i due Parlamenti.

Il 23 febbraio 2015 il  Ministro Pier Carlo Padoan e la Consigliera Federale Widmer-Schlumpf hanno  sottoscritto a Milano il Protocollo di modifica della Convenzione bilaterale contro le doppie Imposizioni, concernente lo scambio d’informazioni bancarie e fiscali, la “Road-map on the way forward in fiscal and financial issues”.  I negoziati stanno proseguendo su temi importanti, in primis la tassazione dei lavoratori frontalieri. Per quanto riguarda la politica energetica e dei trasporti nonché lo sviluppo delle infrastrutture è in corso una cooperazione strutturata. Le iniziative quali «Regio Insubrica», «Regio Sempione» e il dialogo italo-svizzero tra le regioni di frontiera conferiscono un quadro istituzionale alla cooperazione transfrontaliera. In Svizzera vivono circa 600.000 cittadini italiani, elemento chiave delle relazioni tra i due Stati.

L’Italia è il secondo partner commerciale della Svizzera in ordine di importanza dopo la Germania, con un interscambio che sfiora i 30 miliardi di Euro.  La nostra bilancia commerciale presenta un attivo di 8,5 miliardi. L’Italia è inoltre il terzo mercato d’esportazione e il secondo Paese di provenienza delle importazioni della Svizzera. Con investimenti diretti per 20 miliardi di CHF, la Svizzera, nono paese investitore in ordine di importanza, ha creato circa 76.000 posti di lavoro in Italia. Gli investimenti diretti italiani in Svizzera superano i cinque miliardi di CHF, con circa 14.000 persone occupate.

Particolarmente intenso è lo scambio lungo il confine comune, dove più di 63.000 transfrontalieri dall’Italia vengono a lavorare quotidianamente in Svizzera. Nel 2011 in Italia vivevano 49.555 cittadini svizzeri.

L’Italia ospita quattro scuole svizzere che si trovano a Milano, Bergamo, Roma e Catania. Le Scuole universitarie svizzere hanno tempo ottimi contatti su base regolare con istituzioni partner in Italia. La creazione dell’Università della Svizzera italiana (USI) e della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) hanno contribuito a consolidare i legami culturali e scientifici tra la Svizzera e l’Italia. La cooperazione a livello accademico è inoltre promossa dall’accordo sul riconoscimento reciproco delle equivalenze nel settore universitario. Nel 2010 si è riunita per la prima volta la commissione scientifica dedicata alla cooperazione, alla promozione dei doppi dottorati di ricerca (cotutela) e ai miglioramenti nel campo del riconoscimento dei diplomi. I ricercatori e gli artisti italiani possono candidarsi per una borsa di studio d’eccellenza universitaria della Confederazione Svizzera presso la Segreteria di Stato per l'educazione e la ricerca.

Le relazioni tra la Svizzera e l’Italia in campo culturale sono intense. Dal 1947 la Svizzera gestisce nella capitale italiana l’«Istituto Svizzero di Roma», dedicato agli scambi scientifici e culturali e rappresentato a Milano dal «Centro culturale svizzero». Il DFAE partecipa con progetti comuni alla «Settimana della lingua italiana nel mondo», un’iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale italiano.

 


Perché SVIZZERA

Potere d'acquisto
Apprezzamento del Made in Italy
Stabilità finanziaria
Stabiltà politica
Posizione geografica
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici
  • Prodotti delle altre industrie manufatturiere
  • Costruzioni
  • Macchinari e apparecchiature
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
In dettaglio

Cosa vendere

  • Prodotti alimentari
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Mobili
  • Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili
  • Macchinari e apparecchiature
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché SVIZZERA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia