La Polonia conferma la fase di crescita economica nel secondo trimestre 2016, con un incremento tendenziale del PIL del 3,1%

La Polonia conferma la fase di crescita economica nel secondo trimestre 2016, con un incremento tendenziale del PIL del 3,1%

Nel secondo trimestre 2016 il PIL polacco ha continuato a crescere aumentando del 3,1% su base annua e dello 0,9% rispetto al trimestre precedente. Il Governo polacco prevede un incremento complessivo del 3,5% del PIL nel 2016.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

Ance - Missione di sistema a Varsavia - 16 e 17 giugno 2016

Ance - Missione di sistema a Varsavia - 16 e 17 giugno 2016

Il 16 e 17 giugno 2016 una missione di oltre 40 imprese italiane aderenti all’Associazione Nazionale Costruttori Edili (ANCE) svolgera' una missione a Varsavia per approfondire la conoscenza delle opportunità di affari in Polonia.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

La UE approva progetti stradali in Polonia per un valore di 3,3 miliardi di euro

La UE approva progetti stradali in Polonia per un valore di 3,3 miliardi di euro

La Commissione Europea ha approvato 10 importanti progetti di infrastrutture stradali in Polonia, per una lunghezza complessiva di 330 km e un valore totale di circa 3,3 miliardi di euro.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

PKP SKM: investimenti per circa 1,1 miliardi di zloty

PKP SKM: investimenti per circa 1,1 miliardi di zloty

L'operatore ferroviario PKP SKM realizzerà progetti per un valore di circa 1,1 mld di zloty,utilizzando in parte i fondi europei 2014-2020. L'investimento riguarderà l'acquisto di treni, la costruzione di nuove stazioni e l'ammodernamento della rete.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

Astaldi e Salini Impregilo si aggiudicano la costruzione di due tratte della superstrada S7

Astaldi e Salini Impregilo si aggiudicano la costruzione di due tratte della superstrada S7

Astaldi costruirà la tratta di 3 km da Naprawa a Skomielna Biala con la realizzazione di un tunnel di 2 km, il più lungo a due gallerie finora progettato in Polonia. Salini Impregilo completerà il percorso Skomielna Biala–Chabówka di 6,1 km.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

Incremento del 3,6% del PIL polacco nel 2015

Incremento del 3,6% del PIL polacco nel 2015

La crescita dell'economia polacca e' stata trainata segnatamente dalla domanda interna. In aumento la produzione industriale. Positivo il saldo commerciale per la prima volta dall'adesione alla UE.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia a Varsavia

Homepage POLONIA

Secondo i dati statistici Ufficiali polacchi GUS le importazioni dall’Italia, dopo un picco nel 2008 (€ 9,3 miliardi con una quota sul totale import pari al 6,5%), benché ripresesi dopo il crollo nel 2009 e riportatesi nel 2011 in termini assoluti (€ 8,2 miliardi) in linea di massima al livello del 2007, nel 2013 non sono risultate in grado di intercettare appieno la crescente capacità di assorbimento e la domanda pur positiva del mercato polacco con € 8,3 miliardi (+3,4% rispetto al 2012 ed una quota del 5,3%). Nel 2014 le importazioni dall’Italia hanno diversamente confermato una performance più dinamica, raggiungendo € 8,9 miliardi, in crescita del +7,0% rispetto al 2013 ed una quota del 5,4% anch’essa in aumento rispetto alla quota 2013 pari al 3,4%.

L’Italia tra i principali Paesi fornitori della Polonia da anni in 4° posizione, in termine di analisi settoriale fa riferimento principalmente (dati sull’intero 2014 disponibili di fonte polacca) alle seguenti forniture:

  1. Meccanica Strumentale per il 23,3% ed un valore delle importazioni polacche dall’Italia pari a € 2,086 miliardi, in crescita marcata del +10,5% rispetto a € 1,912 miliardi nel 2013;
  2.  Prodotti Metallurgici inclusa ferramenta ed utensileria per il 12,9% ed € 1,150 miliardi, in leggero aumento del +0,4% rispetto a € 1,146 miliardi nel 2013;
  3. Autoveicoli, Trattori, Motocicli ed altri Veicoli terrestri per il 12,0% ed € 1,073 miliardi, in calo del -3,4% rispetto a € 1,112 miliardi nel 2013;
  4. Articoli in Plastica e Gomma per il 9,2% ed € 822,6 milioni, in aumento del +3,5% rispetto a € 794,7 milioni nel 2013;
  5. Prodotti dell’industria Chimica e Farmaceutica per il 8,9% ed € 795,8 milioni, in aumento del +5,0% rispetto a € 757,9 milioni nel 2013;
  6. Prodotti del Sistema Moda per l’8,5% ed € 722,8 milioni, ancora in aumento del +4,7% rispetto a € 690,5 milioni nel 2013.

Tutti e sei i settori descritti rappresentano quasi il 75% del totale import della Polonia dall’Italia.

Per le esportazioni polacche in Italia in crescita dal 2010 da € 7,1 miliardi a  € 7,3 miliardi nel 2011 (+2,8%%) ma in calo nel 2012 a € 6,9 miliardi (-5,5%) e nel 2013 a € 6,7 miliardi (-3,7%) e risalite nel 2014 a 7,4 miliardi (+10,0% rispetto al 2013), hanno comunque saputo confermare l’Italia quale 5° principale mercato di sbocco (6° nel 2013 dopo la Russia retrocessa) soprattutto per l’export 2014 dei seguenti 6 settori:

  1. Autoveicoli, Trattori, Motocicli ed altri Veicoli terrestri per il 19,1% ed un valore delle esportazioni polacche di € 1,404 miliardi, in leggera crescita del  +0,8% rispetto a € 1,392 miliardi nel 2013;
  2. Agroalimentare per il 15,7% ed € 1,153 miliardi, in continuo aumento del +8,2% rispetto a € 1,065 miliardi nel 2013;
  3. Meccanica Strumentale per il 14,4% ed € 1,058 miliardi, con un marcato aumento del +17,3% rispetto a € 902,3 milioni nel 2013;
  4. Apparecchi Elettrotecnici ed Elettronica per il 10,4% ed € 765,7 milioni, in crescita del +2,6% rispetto a € 746,2 milioni nel 2013;
  5. Prodotti in Metalli Comuni e loro lavori per il 9,1% ed € 671,6 milioni, ancora in crescita del +7,7% rispetto a € 623,2 milioni nel 2013;
  6. Articoli in Plastica e Gomma per il 7,8% ed € 577,4 milioni, pur in leggero calo del -1,2% rispetto a € 584,2 milioni nel 2013.

Tutti e sei i settori descritti rappresentano oltre il 75% del totale export della Polonia verso l’Italia.

Infine, ancora confermato nel 2014, il saldo dell’interscambio a favore dell’Italia per quasi € +1,6 miliardi, in calo del -5,0% rispetto a € +1,7 miliardi nel 2013 (+47,4% rispetto al 2012), soprattutto a causa del maggiore aumento delle esportazioni polacche in Italia (+10,0%) rispetto all’import polacco dall’Italia (+7,0%).

 


Perché POLONIA

Dimensione e capacità d’assorbimento del mercato interno
Crescita economica
Posizione geografica
Capitale umano
Finanziamenti UE
In dettaglio

Dove investire

  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari)
  • Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici
  • Attività amministrative e di servizi di supporto
  • Sanità e assistenza sociale
In dettaglio

Cosa vendere

  • Macchinari e apparecchiature
  • Costruzioni
  • Prodotti alimentari
  • Prodotti chimici
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché POLONIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia