Generali Nederland rilevato da assicurazione ASR.

Generali Nederland rilevato da assicurazione ASR.

La società assicurativa olandese ASR Nederland rileva le attività olandesi di Assicurazioni Generali SpA per un ammontare di 143 milioni di euro. Si attende il parere positivo delle autorità competenti olandesi entro il primo semestre 2018.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d’Italia a L’Aja

La Busitalia (Gruppo Ferrovie dello Stato) acquisisce l'olandese Qbuzz

La Busitalia (Gruppo Ferrovie dello Stato) acquisisce l'olandese Qbuzz

Il 31 agosto e’ stato firmato l’accordo con cui Busitalia (Gruppo Ferrovie dello Stato) ha acquistato Qbuzz, societa’ di trasporto pubblico su tram e autobus a Utrecht e Groningen-Drenthe, dalle Ferrovie olandesi (NS) per 30 milioni di euro.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Concessionaria trasporti pubblici olandese Qbuzz: siglato l’accordo per l’acquisizione da parte dell’italiana Busitalia FS.

Concessionaria trasporti pubblici olandese Qbuzz: siglato l’accordo per l’acquisizione da parte dell’italiana Busitalia FS.

La Busitalia FS rileva la Qbuzz, delle Ferrovie olandesi NS, concessionaria per il trasporto pubblico locale su autobus. Non si conosce valore dell’acquisto; si attende il benestare dell’Autorita’ olandese per Consumatori e Mercato (ACM).

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d’Italia a L’Aja

L'Italia è ​​la quinta​ destinazione delle esportazioni olandesi

L'Italia è ​​la quinta​ destinazione delle esportazioni olandesi

Nel 2016 l'export olandese verso l'Italia ha raggiunto i 18 miliardi di euro.

 

Notizia segnalata da: ICE Bruxelles

I Paesi Bassi riducono ulteriormente l’estrazione di gas nel bacino di Groninga. Diminuzione del saldo energetico.

I Paesi Bassi riducono ulteriormente l’estrazione di gas nel bacino di Groninga. Diminuzione del saldo energetico.

I Paesi Bassi riducono l’estrazione di gas nel bacino di Groninga, il principale in Europa, da 24 a 21,6 miliardi di m3 per il 2017-18 (erano 53 miliardi nel 2012-23) a causa del rischio di terremoti nella regione. Transizione energetica olandese.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Inaugurata a Spakenburg la diga innovativa “Self Closing Flood Barrier”

Inaugurata a Spakenburg la diga innovativa “Self Closing Flood Barrier”

Inaugurata il 10 aprile a Spakenburg, nella provincia di Utrecht, la “Self Closing Flood Barrier”, prima diga al mondo auto-operante che funge da barriera iniziale contro le alluvioni. La diga fa parte di una combinazione di barriere lunga 20 km

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Homepage PAESI BASSI

L’Italia è stabilmente inserita fra i primi dieci partner commerciali dei Paesi Bassi, essendo stata nel 2016 il quinto mercato di destinazione delle esportazioni olandesi e l’ottavo mercato di provenienza delle importazioni (guadagnando un posto in entrambe le classifiche).

Nel 2016 l’interscambio di beni tra i due Paesi è stato pari a 27.318 miliardi di euro, di cui 17.988 miliardi di importazioni dai Paesi Bassi (+2,6% rispetto al 2015) e 9.329 miliardi di esportazioni italiane (+3,7%), con un aumento dell’interscambio complessivo del 2,4% rispetto al 2015.

Riguardo ai principali comparti merceologici dell’interscambio bilaterale, l’Italia ha esportato verso i Paesi Bassi principalmente: altre macchine di impiego generale (719,7 milioni, -0,3% rispetto al 2015), medicinali e prodotti farmaceutici (658,2 milioni di euro, +3,5%), petrolio e prodotti petroliferi (575,5 milioni di euro, +36,9%), articoli di abbigliamento (477,7 milioni, +1,6%), apparecchiatura elettrica varia (397 milioni di euro, +11,4%), manufatti vari (393,6 milioni di euro, +0,8%), autoveicoli (387,4 milioni, +2,8%), ferro ed acciaio (367,5, +1,2%), macchinari specializzati (312,1 milioni, +17,5%), frutta e verdura (306,4 milioni, +7,9%).

L’Italia ha importato soprattutto: apparecchiature per telecomunicazioni (1.272 milioni, +12%), computer e unità periferiche (1.251 milioni, +0,1%), apparecchiatura elettrica varia (1.043 milioni di euro, +6,9%), medicinali e preparati farmaceutici (1.028 milioni, +5,4%), materie plastiche in forme primarie (913,9 milioni, -8,8%).

I Paesi Bassi continuano a rappresentare uno dei principali attori a livello mondiale per gli IDE sia in entrata che in uscita. Nella graduatoria mondiale del “World Investment Report 2016”, pubblicato nel giugno 2016 dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), i Paesi Bassi nel 2015 si sono posizionati al quinto posto per stock di IDE in entrata (ottavo nel 2014) ed al quarto per stock di IDE in uscita (settimo nel 2014).

Il rapporto indica per i Paesi Bassi uno stock di IDE mondiali in entrata di circa 73 miliardi di dollari nel 2015 (52 nel 2014), e di IDE in uscita per circa 113 miliardi di dollari (56 miliardi nel 2014). L’ammontare dello stock di IDE in entrata è fortemente incrementato rispetto all’anno precedente (+21 miliardi di dollari), mentre quello in uscita è raddoppiato (+57 miliardi di dollari).

Anche nel 2015 gli Stati Uniti d’America si confermano i principali investitori stranieri nei Paesi Bassi con una somma di 725.990 milioni di Euro, pari al 20,1% del totale. Seguono il Lussemburgo con 663.147 milioni di Euro, pari al 18,3% del totale, ed il Regno Unito con 334.884 Euro, pari al 9,3% del totale.

Per quanto concerne i destinatari degli investimenti olandesi nel 2015, i tre principali Paesi sono sempre gli stessi, ma in ordine diverso. Il Lussemburgo è il principale destinatario con 627.025 milioni di Euro, pari al 14,6% del totale, seguito dagli Stati Uniti con 472.439 milioni di Euro, pari al 11,0% del totale, e dal Regno Unito con 454.332 Euro, pari al 10,6% del totale degli IDE in uscita. L’Italia si colloca al 10mo posto per gli IDE in entrata, con 81.727 milioni di Euro pari al 2,3% del totale, ed al 12mo posto per gli IDE in uscita, con 108.199 milioni di Euro, pari al 2,5% del totale.


Perché PAESI BASSI

Favorevole clima fiscale
Buona rete infrastrutturale
Popolazione istruita e multilingue
Economia aperta
Rispetto delle regole e tempi certi di giustizia
In dettaglio

Dove investire

  • Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Trasporto e magazzinaggio
  • Attività professionali, scientifiche e tecniche
  • Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento
In dettaglio

Cosa vendere

  • Prodotti alimentari
  • Bevande
  • Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi
  • Prodotti chimici
  • Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari)
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché PAESI BASSI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia