I Paesi Bassi riducono ulteriormente l’estrazione di gas nel bacino di Groninga. Diminuzione del saldo energetico.

I Paesi Bassi riducono ulteriormente l’estrazione di gas nel bacino di Groninga. Diminuzione del saldo energetico.

I Paesi Bassi riducono l’estrazione di gas nel bacino di Groninga, il principale in Europa, da 24 a 21,6 miliardi di m3 per il 2017-18 (erano 53 miliardi nel 2012-23) a causa del rischio di terremoti nella regione. Transizione energetica olandese.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Inaugurata a Spakenburg la diga innovativa “Self Closing Flood Barrier”

Inaugurata a Spakenburg la diga innovativa “Self Closing Flood Barrier”

Inaugurata il 10 aprile a Spakenburg, nella provincia di Utrecht, la “Self Closing Flood Barrier”, prima diga al mondo auto-operante che funge da barriera iniziale contro le alluvioni. La diga fa parte di una combinazione di barriere lunga 20 km

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

I Paesi Bassi mirano ad affermarsi come leader mondiale nel settore tecnologico.

I Paesi Bassi mirano ad affermarsi come leader mondiale nel settore tecnologico.

Impegno olandese a garantire l’istruzione gratuita a livello universitario nelle maggiori facoltà tecnologiche olandesi (Delft, Eindhoven, Enschede e Wageningen) per affermare la leadership dei Paesi Bassi nel settore tecnologico.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Piano di investimenti per 35 miliardi di Euro per la Regione del Randstad: più edilizia sostenibile e incremento delle infrastrutture.

Piano di investimenti per 35 miliardi di Euro per la Regione del Randstad: più edilizia sostenibile e incremento delle infrastrutture.

I sindaci delle 4 maggiori città olandesi: Amsterdam, L’Aja, Rotterdam e Utrecht, presentano al Primo Ministro Rutte un progetto da 35 miliardi di Euro per lo sviluppo della Regione del Randstad.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Con 63,6 milioni di passeggeri nel 2016, l’aeroporto di Amsterdam Schiphol diventa il quarto scalo europeo. La KLM supera i 30 milioni di passeggeri.

Con 63,6 milioni di passeggeri nel 2016, l’aeroporto di Amsterdam Schiphol diventa il quarto scalo europeo. La KLM supera i 30 milioni di passeggeri.

Nel 2016 lo scalo Schiphol di Amsterdam ha raggiunto i 63,6 milioni di passeggeri (+9,1% rispetto al 2015). Per il 2018 si prevede di giungere alla massima capacità consentita, con 500.000 movimenti aerei. La KLM supera i 30 milioni di passeggeri.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

La Prysmian si aggiudica l’appalto per il collegamento sottomarino tra i Paesi Bassi e la Danimarca.

La Prysmian si aggiudica l’appalto per il collegamento sottomarino tra i Paesi Bassi e la Danimarca.

Il Gruppo Prysmian ha siglato nel 2016 un appalto per la realizzazione del COBRAcable, un cavo sottomarino che collegherà i Paesi Bassi con la Danimarca (valore della commessa, 250 milioni di dollari USA).

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Homepage PAESI BASSI

L’Italia è stabilmente inserita fra i primi dieci partner commerciali dei Paesi Bassi, essendo stata nel 2015 il sesto mercato di destinazione delle esportazioni olandesi ed il decimo mercato di provenienza delle importazioni (guadagnando un posto, passando dal decimo al nono).

Nel 2015 l’interscambio di beni tra i due Paesi è stato pari a 26,4 miliardi di euro, di cui 17,5 miliardi di importazioni dai Paesi Bassi (-6,4% rispetto al 2014) e 8,9 miliardi di esportazioni italiane (+10,7%), con una diminuzione dell’interscambio complessivo dello 0,4% rispetto al 2014.

Riguardo ai principali comparti merceologici dell’interscambio bilaterale, nel 2015 l’Italia ha esportato verso i Paesi Bassi principalmente: macchinari e mezzi di trasporto (24,2%), beni di consumo per casa ed abbigliamento (18,7%), tra cui prodotti della moda ed accessori, calzature e prodotti in cuoio (9,3%), mobili (1,4%)], prodotti chimici e farmaceutici (18,3%), prodotti fabbricati 17,1%, inclusi metalli, prodotti in metallo e prodotti metallici non-ferrosi (9,5%), filati (2,1%) e carta (1,7%), alimentari (11,3%), combustibili minerali e lubrificanti (4,9%). La categoria delle bevande e tabacco rappresenta il 2% sul totale delle importazioni olandesi dall’Italia.

Nel 2015, i Paesi Bassi hanno esportato in Italia principalmente: macchinari per ufficio (19%), macchine specializzate e mezzi di trasporto (26,7%), prodotti chimici e farmaceutici (21,4%), prodotti fabbricati diversi, tra cui beni di consumo moda e casa (13,9%), prodotti alimentari (12,5%) e prodotti fabbricati, come metalli, filati, plastiche e carta (11%).

I Paesi Bassi continuano a rappresentare uno dei principali attori a livello mondiale per gli IDE sia in entrata che in uscita. Nella graduatoria mondiale del “World Investment Report 2016”, pubblicato nel giugno 2016 dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo (UNCTAD), i Paesi Bassi nel 2015 si sono posizionati al quinto posto per stock di IDE in entrata (ottavo nel 2014) ed al quarto per stock di IDE in uscita (settimo nel 2014).

Il rapporto indica per i Paesi Bassi uno stock di IDE mondiali in entrata di circa 73 miliardi di dollari nel 2015 (52 nel 2014), e di IDE in uscita per circa 113 miliardi di dollari (56 miliardi nel 2014). L’ammontare dello stock di IDE in entrata è fortemente incrementato rispetto all’anno precedente (+21 miliardi di dollari), mentre quello in uscita è raddoppiato (+57 miliardi di dollari).

Anche nel 2015 gli Stati Uniti d’America si confermano i principali investitori stranieri nei Paesi Bassi con una somma di 725.990 milioni di Euro, pari al 20,1% del totale. Seguono il Lussemburgo con 663.147 milioni di Euro, pari al 18,3% del totale, ed il Regno Unito con 334.884 Euro, pari al 9,3% del totale.

Per quanto concerne i destinatari degli investimenti olandesi nel 2015, i tre principali Paesi sono sempre gli stessi, ma in ordine diverso. Il Lussemburgo è il principale destinatario con 627.025 milioni di Euro, pari al 14,6% del totale, seguito dagli Stati Uniti con 472.439 milioni di Euro, pari al 11,0% del totale, e dal Regno Unito con 454.332 Euro, pari al 10,6% del totale degli IDE in uscita. L’Italia si colloca al 10mo posto per gli IDE in entrata, con 81.727 milioni di Euro pari al 2,3% del totale, ed al 12mo posto per gli IDE in uscita, con 108.199 milioni di Euro, pari al 2,5% del totale.


Perché PAESI BASSI

Favorevole clima fiscale
Buona rete infrastrutturale
Popolazione istruita e multilingue
Economia aperta
Rispetto delle regole e tempi certi di giustizia
In dettaglio

Dove investire

  • Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Trasporto e magazzinaggio
  • Attività professionali, scientifiche e tecniche
  • Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento
In dettaglio

Cosa vendere

  • Prodotti alimentari
  • Bevande
  • Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi
  • Prodotti chimici
  • Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari)
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
21/06/201723/06/2017MuranoICE+GIMAVVITRUM 2017 / CONVENTION DELLE ASSOCIAZIONI
26/06/201729/06/2017Civitanova MarcheICE+CONFARTIGIANATO imprese marcheINCOMING CALZATURE MARCHE
11/07/201713/07/2017MilanoICE+Fiera di VicenzaINCOMING ORIGIN PASSION & BELIEFS

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché PAESI BASSI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia