San Paolo lancia gara per infrastrutture

San Paolo lancia gara per infrastrutture

CPTM, società dei trasporti metropolitani dello Stato brasiliano di San Paolo, ha lanciato una gara – valore 683 milioni di reais (215 milioni di dollari) per migliorare la rete ferroviaria della metropoli.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Santa Catarina, investimenti e gare per progetti idrici

Santa Catarina, investimenti e gare per progetti idrici

Casan, società idrica che eroga servizi allo Stato brasiliano di Santa Catarina lancerà a maggio una gara d'appalto nell'ambito di un piano relativo alla gestione delle risorse idriche e delle acque reflue.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Il Governo Federale annuncia nel 2018 gare per la concessione di tre autostrade nello Stato di Rio de Janeiro

Il Governo Federale annuncia nel 2018 gare per la concessione di tre autostrade nello Stato di Rio de Janeiro

Prevista per il primo semestre 2018 concessione a iniziativa privata di tre percorsi autostradali nello Stato di Rio de Janeiro. Si stimano investimenti per almeno due miliardi di Reais.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d´Italia

Concessioni stradali a Santa Catarina e Rio Grande do Sul

Concessioni stradali a Santa Catarina e Rio Grande do Sul

L’autorità brasiliana dei trasporti ANTT prepara la gara per l’assegnazione di una concessione stradale federale negli stati di Santa Catarina e Rio Grande do Sul, con un budget di circa 7.900mn di reales.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

San Paolo, progetti tecnologici e di innovazione

San Paolo, progetti tecnologici e di innovazione

La metropoli di San Paolo pianifica di lanciare entro l’anno offerte e partenariati pubblico-privato (PPP) per i progetti tecnologici e di innovazione.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Maranhão destina 169 milioni di dollari a opere idriche

Maranhão destina 169 milioni di dollari a opere idriche

Lo Stato brasiliano del Maranhão investirà nell’arco del 2017 oltre 540 milioni di reais (169 milioni di dollari) nel programma di opere idriche “Mais Saneamento” e in una serie di altri progetti di gestione ambientale.

 

Notizia segnalata da: Internationalia www.internationalia.org

Homepage BRASILE

Le relazioni fra Italia e Brasile, di cui la cooperazione economica rappresenta un asse importante, attraversano una fase molto positiva. Gli ultimi anni sono stati ricchi di eventi ai massimi livelli istituzionali, che hanno contribuito a rinsaldare i rapporti bilaterali. Dopo il VI Consiglio di Cooperazione bilaterale (aprile 2015) e la rilevante partecipazione brasiliana a Expo Milano, va segnalata la visita in Brasile dell’allora Ministro degli Affari Esteri, Paolo Gentiloni (novembre 2015), che ha portato alla firma di un MoU dedicato alla cooperazione bilaterale e alla promozione degli investimenti nei settori delle infrastrutture e dell´energia. A seguito di tale intesa è stato creato il Gruppo di Lavoro bilaterale (GdL), la cornice istituzionale all’interno della quale approfondire le opportunità di cooperazione nei settori citati, mettendo intorno al tavolo le principali imprese italiane interessate e i rappresentanti delle autorità brasiliane competenti per materia, nell’ambito dei programmi d’investimento varati dal governo brasiliano. A oggi si sono svolte sei riunioni del GdL (delle quali una realizzata alla presenza dell’allora Ministro per le riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi). Da ultimo, si segnala la recente Missione di Sistema guidata dal Sottosegretario di stato allo Sviluppo Economico, Ivan Scalfarotto (novembre 2016), caratterizzata da incontri di alto livello con interlocutori istituzionali brasiliani e da un’ampia partecipazione di aziende italiane di vari settori.

Alcuni dati aiutano a spiegare meglio l’importanza del Brasile come partner per le nostre imprese, sia in termini di investimenti che di interscambio commerciale. Negli ultimi due anni si sono registrate delle flessioni in considerazione della crisi in corso nel Paese latinoamericano: le esportazioni italiane sono diminuite rispettivamente del 25,9% nel 2015 e del 20,9% nel 2016 (attestandosi intorno ai 3,7 miliardi di dollari). Le importazioni hanno avuto una flessione del 18,67% nel 2015, ma sono aumentate dell’1,36% nel 2016 (essendo pari a circa 3,3 miliardi di dollari).

Il saldo commerciale a nostro favore è diminuito in maniera sostanziale, passando da 1,41 a 0,38 miliardi di dollari, mentre l’interscambio complessivo (pari a 7,02 miliardi di dollari), ha fatto segnare un calo del 12% rispetto all’anno precedente. La performance italiana sembra comunque mantenersi su buoni livelli, con una quota di mercato del 2,69%.

L’Italia occupa la sesta posizione in termini di investimenti diretti in Brasile (seconda nell’area dell’euro solo alla Spagna), con oltre 2,7 miliardi di dollari nel 2016. Da indagini condotte in passato dalla Banca Centrale Brasiliana sappiamo che investimenti italiani in Brasile si concentrano tradizionalmente nel settore dei mezzi di trasporto (31%) e negli altri settori manifatturieri (21%). In anni recenti anche gli investimenti nel settore terziario (in particolare nel settore finanziario) sono cresciuti in maniera rilevante. Ancora molto limitati, invece, gli investimenti in Italia da parte di imprese brasiliane, del resto ancora poco propense a internazionalizzarsi al di fuori delle tradizionali aree di interesse (Cono Sud e Stati Uniti).

La congiuntura economica attuale e il declassamento del rating da parte delle principali Agenzie (S&P, Moody’s e Fitch) potrebbe determinare l’uscita dal Paese di investimenti di carattere finanziario (speculativo) e, in generale, rendere il Brasile meno attrattivo per gli investitori internazionali. D’altra parte, la crisi in corso e le vicende giudiziarie che stanno coinvolgendo molte importanti imprese locali potrebbero rappresentare anche un’opportunità per gli investitori italiani, in un’ottica di medio lungo periodo, in termini di acquisizione di asset produttivi.

Il censimento della presenza imprenditoriale italiana in Brasile registra ad oggi oltre 900 filiali e stabilimenti produttivi operanti, che contribuiscono in maniera significativa alla creazione di posti di lavoro, anche grazie all’indotto generato.


Perché BRASILE

Un mercato interno di dimensioni contintentali
Complementarietà
Centralità
Ricchezza di risorse naturali, commodities e materie prime
Prospettive di ricupero economico
In dettaglio

Dove investire

  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Macchinari e apparecchiature
  • Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
  • Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
In dettaglio

Cosa vendere

  • Prodotti alimentari
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Bevande
  • Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BRASILE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia